COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Il Sud Sudan è ormai sull’orlo di un altro conflitto

Fallito il tentativo di dialogo nazionale, i ribelli tornano a minacciare. Fame e sete fanno il resto: 4,9 milioni di persone a rischio. Ma aiutare è sempre più difficile

Bimbi sfollati dal Sud Sudan in un campo profughi dell’Uganda settentrionale (Ansa/Ap)

Il dialogo è finito. Si passa allo “stato d’allerta bianco”. Quel fragile processo di pace che aveva come obiettivo la riconciliazione del giovanissimo Sud Sudan, teatro di una sanguinosa guerra dal 2013, si è interrotto minacciando un nuovo livello di instabilità. Tra carestie e violenze, il Paese sembra pronto ad esplodere. «Il licenziamento di Paul Malong da parte del presidente Salva Kiir rappresenta una profonda spaccatura per i sudsudanesi – affermano gli esperti in relazione all’allontanamento del capo dell’esercito, martedì scorso –. La tensione continua a salire nella capitale, Juba, e nel resto del territorio». Ieri è stato invece confermato un attacco contro il convoglio del vice-presidente, Taban Deng Gai, sulla sempre più pericolosa strada per Bor, nello Stato centrale di Jonglei.

Sebbene Gai sia rimasto illeso (alla fine ha utilizzato l’aereo per lo spostamento), almeno tre delle sue guardie sono state gravemente ferite. Da quando Kiir, di etnia dinka, ha accusato il suo ex vice-presidente di etnia nuer, Riek Machar, di aver organizzato un tentativo di colpo di Stato, il Sud Sudan è scivolato sempre più giù. Diversi gruppi armati hanno cominciato a lottare per le proprie fette di territorio. Una delle più recenti fazioni di ribelli, chiamata National salvation front (Nsf), ha spiegato che sarebbe pronta a combattere con i militari di Machar contro quelli governativi fatti di “ex colleghi”. «Siamo sicuri che con le poche armi che abbiamo, insieme allo spirito rivoluzionario e al nostro zelo – ha detto alla stampa Thomas Cirillo, ex generale dell’esercito – saremo in grado di sconfiggere le forze di Kiir».

Un comitato per il “dialogo nazionale”, invece, non è stato confermato a causa della presenza di solo il 20 per cento dei suoi membri: «Tutto è in sospeso fino a tempo indeterminato», ha sentenziato Ateny Wek Ateny, portavoce del presidente. Sui continui combattimenti pesa inoltre la carestia, dichiarata lo scorso febbraio per la prima volta dal 2011. Fame e sete stanno seminando un imprecisato numero di vittime. «Circa 4,9 milioni di persone, metà della popolazione, soffrono di insicurezza alimentare – stima la Missione Onu in Sud Sudan (Unmiss) –. Oltre 2 milioni di bambini sono inoltre sfollati o profughi negli Stati limitrofi». I minori che non scappano sono spesso costretti ad arruolarsi nei vari gruppi armati.

Valentin Tapsoba, funzionario dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Acnur), ha commentato dicendo: «È molto triste che siano dei bambini profughi a diventare la faccia di questa emergenza». Circa tre quarti dei minori non possono andare a scuola, la proporzione più grave al mondo. Questa situazione ha prodotto la più grande crisi di rifugiati dal periodo in cui si consumò il genocidio in Ruanda nel 1994. I sudsudanesi fuggono per trovare soccorso soprattutto in Etiopia, Kenya e Uganda. Gran parte di essi, però, muore durante il percorso.
Mentre le organizzazioni umanitarie, il cui personale è sotto una costante minaccia di morte, lamentano il fatto di non poter garantire la sicurezza delle persone che vogliono aiutare poiché loro stesse sono nel mirino delle violenze. «Almeno 82 operatori che lavorano in Sud Sudan sono stati ammazzati dall’inizio del conflitto civile – ha spiegato Eugene Owusu, il coordinatore Onu per gli affari umanitari –. Per la prima volta il Paese ha sorpassato l’Afghanistan diventando il luogo in cui si fanno più attacchi al mondo contro gli operatori: solo nel 2015 ce ne sono stati 31». Invece, sono almeno 111 gli attacchi che hanno coinvolto le agenzie degli aiuti da quando scoppiarono le prime violenze.

Matteo Fraschini Koffi, Lomé
Avvenire mercoledì 10 maggio 2017


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11/05/2017 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.360 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com

  • 139,096 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: