COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

«Cinque magnati nigeriani potrebbero sconfiggere la povertà nel loro Paese»

Sarebbe sufficiente la ricchezza dei cinque uomini più ricchi del Paese a mettere fine alla povertà in Nigeria. A denunciarlo è la Ong Oxfam nel suo rapporto «Inequality in Nigeria – Exploring the drivers». Secondo i responsabili dell’organizzazione britannica, nonostante l’attuale recessione economica, «una piccola élite sta diventando sempre più ricca» mentre più della metà della popolazione nigeriana è ancora alle prese con la miseria.

«In Nigeria, la disuguaglianza economica ha raggiunto livelli estremi – è scritto nel rapporto -, e trova espressione nelle lotte quotidiane della maggior parte della popolazione a fronte di accumulo di enormi ricchezze da parte di un piccolo numero di individui». «Mentre più di 112 milioni di persone vivono in povertà – continua il rapporto -, i 5 nigeriani più ricchi, per dilapidare il loro patrimonio personale, devono spendere 1 milione al giorno per 42 anni di fila».

Secondo i calcoli di Oxfam, per aiutare i nigeriani che vivono al di sotto della soglia di povertà estrema, sarebbero necessari 24 miliardi di dollari. «Questa somma – denuncia Oxfam – è inferiore al totale della ricchezza posseduta dai cinque nigeriani più ricchi, che ammonta a 29,9 miliardi di dollari».

Ma chi sono questi Paperoni nigeriani? Il più ricco (e famoso) è certamente Aliko Dangote. Magnate del cemento, ha allargato i suoi interessi anche ad altri settori e possiede un patrimonio di 14,4 miliardi di dollari. Alle sue spalle: Mike Adenuga (telecomunicazioni), con un patrimonio di 9,9 miliardi di dollari; Femi Otedola (industria petrolifera), 1,85 miliardi; Folorunsho Alakija (industria petrolifera e moda), 1,55 miliardi; Abdul Samad Rabiu (raffinazione dello zucchero, cemento, immobiliare), 1,1 miliardi.

Il rapporto è stato contestato dal Governo nigeriano che ha accusato Oxfam di aver pubblicato uno studio senza utilizzare una metodologia chiara e un linguaggio consono. Perplessità anche dal mondo degli affari. Secondo Tola Odukoya, amministratore delegato di di Fsl Asset Management Limited, interpellato dal quotidiano «Vanguard»: «Il rapporto non è troppo lontano dalla verità. Non c’è dubbio che ci sia tanta povertà nel Paese, ma non credo che sia giusto mettere la croce sulle spalle dei cinque principali imprenditori, perché sono imprenditori privati che hanno costruito la loro ricchezza attraverso il duro lavoro. Il livello di povertà è qualcosa che dovrebbe essere risolto a livello politico».

http://www.africarivista.it


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/05/2017 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.612 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com

  • 194,336 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Ambiente Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Daesh Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pobreza Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: