COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

In Africa, cresce la classe media e il tenore di vita

Nonostante i «progressi sul fonte dello sviluppo umano siano lenti e irregolari», 18 dei 54 Paesi africani hanno raggiunto un tenore di vita medio-alto. Ad affermarlo il rapporto «African Economic Outlook» pubblicato congiuntamente da Banca africana dello sviluppo, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite. A segnare la crescita maggiore è il Nord Africa che ormai si avvicina ai livelli medi mondiali, ma anche nella regione subsahariana si registra uno sviluppo interessante.

Economicamente, la crescita media del continente, nel 2016 si è attestata intorno al 2,2% e dovrebbe essere in ripresa nel 2017 (la stima è del 3,4%) e nel 2018 (4,3%). L’Africa Orientale rimane l’area più dinamica, grazie al gigante etiope. La domanda interna, sostenuta dalla crescita della popolazione e dall’aumento delle classi medie, sarà, insieme all’aumento dei prezzi delle risorse naturali, il vero motore dello sviluppo. La classe media, che il rapporto stima in 350 milioni di persone, il cui potere d’acquisto è in costante miglioramento, ha un immenso potenziale in termini di prosperità.

Gli effetti di questa crescita sono anche legati agli investimenti in capitale sociale fatti da numerosi Paesi. Investimenti che stanno migliorando le condizioni di vita delle persone e diventano i presupposti per la crescita economica. In Nord Africa, per esempio, Egitto e Tunisia si sono dotate di sistemi di assicurazione sanitaria che coprono rispettivamente il 78% e il 100% della popolazione. Il Ruanda ha istituito un programma di assicurazione sanitaria che copre nove cittadini su dieci. La spesa per l’istruzione, fondamentale per lo sviluppo, è superiore al 6% del Prodotto interno lordo (Pil) in Sudafrica, Ghana, Marocco, Mozambico e Tunisia. Cinque paesi si distinguono in termini di rispetto di genere: Botswana, Namibia, Ruanda, Lesotho e Mauritius. In queste nazioni, «le donne raggiungono livelli di sviluppo quasi pari a quelli degli uomini».

Nonostante i progressi compiuti negli ultimi dieci anni, c’è ancora molto da fare. In Africa, 544 milioni di africani (su una popolazione di poco più di un miliardo di persone) vivono ancora in condizioni di povertà. La maggior parte della popolazione non ha accesso al combustibile per cucinare, all’elettricità e a servizi igienici. Il cibo per tutti è ancora una sfida importante per l’Africa orientale, mentre la mancanza di scolarizzazione è ancora un problema per l’Africa occidentale. Il rapporto punta il dito contro il fenomeno della disoccupazione giovanile che interessa un terzo della forza lavoro.

«Per migliorare lo sviluppo umano – ha concluso il Presidente del Gruppo Banca africana di sviluppo, Akinwumi Ayodeji Adesina -, i Paesi dovrebbero investire ancora di più sul capitale umano: salute, istruzione e formazione. Solo così la crescita diventerà strutturale e stabile».

Pubblicato il 23 Mag 2017
http://www.africarivista.it


Annunci

Un commento su “In Africa, cresce la classe media e il tenore di vita

  1. marcocostarelli
    03/06/2017

    Un contributo che forse può aiutare su quanto ho potuto vedere in camerun. https://marcocostarelli.com/solo-chiacchiere-e-clandestini/

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/05/2017 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.564 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com

  • 180,574 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cibo Cina Contemplazione Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dialogo Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Madonna Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria Noël P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: