COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

La strage dei copti, padre Scattolin: «Vogliono destabilizzare»

Il comboniano che lavora tra i diseredati del Cairo: «Colpiscono i cristiani perché sono un bersaglio facile. La risposta alle loro azioni deve essere culturale»


I funerali di alcune delle vittime dell’aggiato nella Cattedrale di Abu Garnous a Minya (Ansa/Ap)
«Sono l’anello debole. Un bersaglio facile. Per questo, si accaniscono contro di loro». Secondo padre Giuseppe Scattolin, missionario comboniano ed esperto di mistica islamica, la guerra dei fondamentalisti ai copti, che ieri ha avuto un nuovo capitolo con il massacro di 35 pellegrini che si stavano recando al monastero di San Samuele a Minya, è parte di un conflitto più complesso. In gioco, per i radicali – in gran parte legati al Daesh – c’è la conquista del potere. «Per ottenerlo, però, devono prima destabilizzare il Paese. Per tale ragione, impiegano l’arma che sanno usare meglio: la violenza. Questa è rivolta contro l’intera società, musulmani inclusi. Gli attacchi a caserme, stazioni di polizia, funzionari pubblici sono quotidiani. I cristiani sono una categoria fragile. Colpirli è semplice e garantisce un buon ritorno mediatico. Per tale ragione, sono nel mirino», prosegue il sacerdote che ha vissuto al Cairo per oltre quarant’anni e a lungo ha insegnato nell’istituto Dar Comboni del Cairo

Padre Giuseppe Scattolin

In Egitto non vi è dunque un “conflitto religioso”?

No. C’è uno scontro interno al mondo islamico per la accreditarsi come unica guida nei confronti delle stesse altre componenti musulmane. Un conflitto storico, come dimostra la lacerazione tra sunniti e sciiti. Ora, però, l’emergere dei gruppi fondamentalisti lo ha acuito ulteriormente. Un fenomeno in atto in Egitto ormai da una quarantina d’anni, dopo il fallimento del nazionalismo arabo e dell’esperimento nasseriano. I fondamentalisti, per cui religione e politica sono intrecciati, vogliono presentarsi come i legittimi rappresentanti dell’islam. La supremazia religiosa, nella loro visione, deve tradursi in egemonia politica. Attenzione: tale conflitto travalica i confini egiziani per abbracciare l’intero Nordafrica e Medio Oriente.

Perché il Daesh ha intensificato le sue azioni proprio sull’Egitto negli ultimi mesi?

Perché, come più grande Paese a maggioranza islamica, ha un ruolo chiave nella regione. Oltretutto il suo essere ponte tra Africa e Europa lo rende strategico.

Che impatto ha avuto lo storico viaggio al Cairo di papa Francesco e il suo appello a camminare Azhar?

Il Papa e il grande imam di al-Azhar, Ahmed al-Tayyeb, con i loro discorsi, hanno demolito ogni tentativo di manipolare la religione per giustificare la violenza. Le parole, però, devono tradursi in un progetto capillare di riforma educativa. Il fondamentalismo si combatte sul fronte del pensiero. La repressione militare non è la soluzione. La comunità internazionale non sembra averlo ancora compreso.

Che cosa intende?

Sarebbe necessario, invece di continuare a vendere armi a pioggia, investire in un programma di cooperazione per sostenere un cambiamento nella formazione in modo da arginare la propaganda degli estremisti. Questi ultimi sono abilissimi nel farsi propaganda.

Su quali componenti della società egiziana fanno presa?

Non solo su quelle più povere e meno istruite. Negli ultimi attentati abbiamo visto il coinvolgimento di una sorta di classe media: giovani che hanno studiato discipline tecniche, senza una solida formazione umanistica, in cui molte scuole sono carenti. E qui si torna all’istruzione. In Egitto è necessaria una “rivoluzione culturale” per rafforzare quelle componenti islamiche – che ci sono già – aperte al dialogo e all’incontro con altre civiltà.

Lucia Capuzzi
avvenire sabato 27 maggio 2017


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/05/2017 da in Attualità sociale, Cristiani perseguitati, ITALIANO con tag , , .

  • 319.817 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 725 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: