COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Lectio della XII domenica del Tempo Ordinario (A)

XII Domenica del Tempo Ordinario (A)
Matteo 10,26-33

provvidenza

Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo (Mt 10,26-33) 

Contesto liturgico

Riprendiamo il ciclo della liturgia per annum con la domenica XII, dopo la lunga parabola dei tempi forti di Quaresima e Pasqua, dopo le grandi Solennità del Tempo Ordinario immediatamente seguenti alla Pasqua. Giungiamo a questo punto (speriamo) con il cuore e la vita rinnovati nello Spirito del Risorto, consapevoli un po’ di più del nostro essere umanità caduta ma continuamente risollevata e redenta dall’amore misericordioso del Padre effuso nel dono del Figlio fino alla fine, l’amore che non può morire, l’amore sgorgato dal Cuore trafitto di Gesù sulla Croce. Con la Pentecoste, le porte del cenacolo si sono spalancate verso i popoli in attesa della ‘bella notizia’ e gli apostoli si sono fatti annuncio vivente della salvezza nel Nome di Gesù, oltre ogni confine geografico e culturale. Anche noi, come loro, percorriamo le strade della storia camminando in una vita nuova, che il Padre assicura a coloro che gli chiedono lo Spirito, elargito dal Figlio senza misura.

L’antifona d’ingresso di quest’oggi sembra essere il sigillo che la corona: “Il Signore è la forza del suo popolo e rifugio di salvezza per il suo Cristo. Salva il tuo popolo, Signore, benedici la tua eredità, e sii la sua guida per sempre” (Sal 27,8-9).

Contesto biblico

E, puntuale, il Vangelo ci mette in guardia da facili entusiasmi: “Non abbiate paura degli uomini … non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo … abbiate paura piuttosto di colui … Non abbiate dunque paura”. Sappiamo che quando ci sono alcune espressioni ricorrenti, l’evangelista vuole farci cogliere un messaggio molto importante. Seguiamolo nell’itinerario che ci offre …

Il capitolo 10 di Matteo contiene sin dai versetti precedenti a quelli odierni quello che viene definito il ‘discorso missionario’. Gesù dopo aver chiamato a sé i suoi discepoli li manda “come pecore in mezzo ai lupi […] prudenti come i serpenti e semplici come le colombe” (Mt 10, 16), ad annunciare che “il regno dei cieli è vicino” (Mt 10, 7), mettendoli in guardia dalle persecuzioni, che non saranno loro risparmiate per il fatto stesso di essere ‘suoi’. Dunque, niente di più facile e più naturale che immaginare lo stato d’animo dei discepoli di fronte alle esigenze e alla prospettiva che sta loro davanti. Il cuore palpita non solo di entusiasmo ma anche di paura!

vv.26-27: In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze.

La prima paura che ci può attanagliare nell’annuncio del Regno è la paura di essere ostacolati nel bene. Quest’ultimo è come il seme che ha in sé una potenza straordinaria di vita, ma risente dei terreni su cui è seminato; può essere anche soffocato, può isterilire, può essere fecondo. Tuttavia, il seme deve sempre attraversare la logica del ‘marcire’ per portare frutto. Tale logica percorre anche le antitesi sopra riportate: nascosto – svelato, segreto – conosciuto, tenebre – luce, ascolto – annuncio. Il Regno è l’annuncio e l’esperienza luminosa della verità nell’amore, che non può essere contenuta, ma nel momento stesso che viene manifestata, può trovare consensi oppure opposizione più o meno violenta. Nel tempo di Pasqua abbiamo spesso ritrovato nel racconto degli Atti le contrapposizioni sofferte dagli apostoli, fino a vere e proprie persecuzioni da parte di chi rifiutava la fede nel Cristo. E gli apostoli sempre, dopo aver proclamato con franchezza il Vangelo della libertà, se ne andavano oltre “lieti di essere stati giudicati degni di subire oltraggi per il nome di Gesù” (At 5,41). La profezia di Simeone dinanzi al Bambino Gesù presentato al tempio e accolto fra le sue braccia si compie anche nella vita e nell’annuncio dei suoi discepoli: “Egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori” (Lc 2,34-35).

vv.28-30: E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo. Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!

Un maestro dello spirito dei nostri giorni che guida in un percorso di autoconoscimento, pone ad un certo punto del cammino questo interrogativo: di che cosa ho paura quando ho paura? Non è un gioco di parole, ma la possibilità di scavare onestamente in noi e smas serica cinese che c’è  perché c’era statacherare la nostra paura radicale, quella di ogni uomo: la paura della morte, dell’annientamento. Dietro il timore di essere ostacolati nel bene, c’è la paura ben più profonda di morire, di morte violenta ad esempio pensando ai contesti odierni di alcuni Paesi del Medio Oriente in cui l’appartenenza esplicita al Cristo può essere davvero questione di vita o di morte, la Parola di oggi risulta comunque, luminosa, pur nella sua drammaticità. Che cosa fa da pendant alla paura della morte per un cristiano? La sua altissima dignità filiale, che lo fa eternamente vivo – se possiamo dire così – per la grazia battesimale dell’immersione nel Cristo Crocifisso e Risorto. Il valore di ognuno di noi agli occhi del Padre va oltre la vita nella carne, oltre ogni misura e paragone: voi valete più di due passeri […] di molti passeri […] perfino dei capelli del vostro capo. Scriveva Mon. Pierre Claverie, vescovo domenicano martire ad Algeri († 1 agosto 1991): “Il valore della mia vita consiste nella mia capacità di donarla”. La vita che non può essere uccisa è lo Spirito che abita in noi, l’amore che ci spinge fino a dare la vita; il nostro dramma più insidioso non è salvare il corpo, ma vivere in esso l’amore filiale e fraterno, che è già vita eterna.

vv.31-33: Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli».

La nostra pericope si chiude con un giudizio molto stringente, che sembrerebbe non lasciare scampo che ad un’unica risoluzione finale davanti a Dio: la salvezza o la dannazione eterna. Ri-conoscere o ri-negare sono due espressioni che sfumano qualitativamente un’esperienza; riconoscere il Figlio dice il dinamismo di crescita interna ad una relazione d’amore con lui, dice un’appartenenza profonda e continua, dice gratitudine per il dono che Lui è, dice la conformazione del volto e del cuore ai lineamenti e ai sentimenti di Colui che ha dato se stesso per me (Gal 5,20). Rinnegare è il tentativo difensivo ultimo che mettiamo in atto di fronte alla paura della morte, di fronte al rischio di una caduta d’immagine, in quelle piccole morti quotidiane del nostro ‘io’ per far morire l’uomo vecchio e dar vita a quello nuovo, che rifuggiamo perché ci scomodano. Ma il Figlio dell’uomo ci può rinnegare? Interrogativo tremendo per noi! Ci soccorre San Paolo: “Certa è questa parola: se moriamo con lui, vivremo anche con lui; se con lui perseveriamo, con lui anche regneremo; se lo rinneghiamo, anche egli ci rinnegherà; se noi manchiamo di fede, egli però rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso” (2Tm 2, 11ss). La sua fedeltà ci è davvero scudo e corazza; la sua fedeltà nell’amore fonda la certezza del nostro poter imparare da lui come si rimane fedeli al Padre e ai fratelli fino alla fine. Ne abbiamo una testimonianza radicale nell’esperienza di Pietro, al cui “non lo conosco!” (Lc 22,57) nella notte della passione del Maestro, Gesù Risorto risponde: “mi ami tu? […] pasci, nutri, i miei agnelli, le mie pecore” (cf Gv 21,15) e gli affida la Chiesa intera.

Maria Chiara Zulato
http://www.figliedellachiesa.org


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24/06/2017 da in ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.361 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

  • 143,057 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: