COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

XIII domenica del Tempo ordinario (A) Lectio

XIII Domenica del Tempo Ordinario (A)
Matteo 10,37-42

calice

Chi non prende la croce non è degno di me. Chi accoglie voi, accoglie me (Mt 10,37-42)

Contesto liturgico

I discepoli del Signore sono stati inviati a portare l’annunzio del Regno dei cieli vicino agli ultimi, ai poveri, con uno stile altrettanto essenziale di vita e di testimonianza, che lascia trasparire l’Unico necessario, il Cristo, che viene incontro a tutti i cercatori di senso. Lo Spirito effuso nella Pentecoste per la missione corrobora le fatiche dell’annuncio, così che i credenti possano crescere e camminare in una vita nuova. L’antifona d’ingresso ci dà il LA iniziale di questa domenica XIII del tempo ordinario: tutti i popoli sono invitati a riconoscere nei missionari il Signore che cammina sulle strade dell’uomo e ad acclamare a lui con voci di gioia. La salvezza è vicina a chi teme il Signore. Egli non ci lascia soli.

Contesto biblico

Con la pericope offertaci oggi dalla Chiesa si conclude il ‘discorso missionario’ di Matteo, che abbiamo già incontrato domenica scorsa e, nei versetti odierni, raggiunge l’apice delle esigenze della sequela Christi. Un verbo segna ripetutamente il cuore del passo biblico odierno: accogliere, e lo qualifica nelle sue conseguenze esistenziali.

vv.37-39: In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me; chi non prende la sua croce e non mi segue, non è degno di me. Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà.

“Nulla anteporre all’amore di Cristo”, era la massima sapienziale con cui san Benedetto suggellava l’appartenenza totale e radicale dei suoi al Cristo. Sembra ritrovarla in filigrana in questi versetti, che toccano quanto vi è di più radicale e fondante la vita di un uomo, di una donna: l’affetto per il genitori, per i figli. Addirittura, il testo parallelo di Luca dirà chi non odia il padre o la madre (cf. Lc 18,20), per rimarcare l’esclusività nell’appartenenza a cui Gesù chiama i “suoi”. L’annuncio del Regno ha esigenze di primazia assoluta, persino rispetto a coloro da cui abbiamo ricevuto la vita o a cui l’abbiamo data alla luce. Si tratta di una carica provocatoria con la quale Gesù chiede ai suoi discepoli che l’amore per lui passi avanti a tutti gli altri amori; è una delle espressioni più plastiche della ‘radicalità evangelica’. Talvolta, gli altri amori possono ostacolare o rallentare, persino annacquare il vino nuovo del Vangelo, quando si frappongono fra il Cristo e l’annunciatore, togliendo forza e smalto alla Parola. Ciò che Gesù chiede è una scelta di campo, il porsi in una prospettiva nuova di amore, che avviene in modo pieno e significativo non quando si abbandonano letteralmente le proprie cose e i propri cari, ma quanto si è capaci di coinvolgere anche gli affetti più alti nella ricerca del Regno che Gesù è venuto ad annunziare. Ce ne ha dato l’esempio egli stesso: “Mentre egli parlava ancora alla folla, sua madre e i suoi fratelli, stavano fuori e cercavano di parlargli. Qualcuno gli disse: «Ecco tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e cercano di parlarti». Ed egli, rispondendo a chi gli parlava, disse: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Poi tendendo la mano verso i suoi discepoli disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli; perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, questi è per me fratello, sorella e madre». (Mt 12, 46-50). Percorrere la via della radicalità evangelica è degno dell’uomo e lo riveste della sua altissima dignità, perché è a misura della sua ‘capacità’ di Dio. È quando diventa capace di seguire così le orme del Maestro, che l’uomo incontra la pienezza della vita e, necessariamente, incrocia la croce, come vertice del dono di sé. La croce cui si fa riferimento qui non sono tanto le controversie e le persecuzioni che, pure, accompagnano e segnano l’autenticità dell’annuncio, quanto, la conformazione piena del discepolo al suo Maestro e Signore, nell’Amore fino alla fine.

vv.40-41: Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato. Chi accoglie un profeta come profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto come giusto, avrà la ricompensa del giusto.

A ragione, dunque, i popoli possono battere le mani (cf antifona d’ingresso) perché a tutti è offerta la salvezza, purché se ne facciano grembo, purché l’accolgano. L’accoglienza è ciò che consente o meno l’incontro di ognuno con Dio; un incontro che parte dal volto concreto del discepolo missionario per svelare il Volto invisibile del Padre. L’accoglienza è l’attitudine a ricevere in modo disarmato e sereno la novità del Regno che solo i piccoli e i poveri possono riconoscere e a cui si abbandonano senza difese. Richiede una ricca capacità di gratitudine, come ci è mediata dalla donna facoltosa di Sunem, di cui nella prima lettura abbiamo un riferimento molto bello. Ella accoglie il profeta Eliseo con il marito in casa sua e, con dovizia di particolari, allestisce per lui una camera per il suo ristoro dalle fatiche della missione, che suscita d’istinto la gratitudine stessa del profeta, che ne ricompensa la delicatezza del dono con la promessa benedicente di un figlio di là ad un anno. Quando si accoglie chi viene nel nome del Signore, si accoglie egli stesso e si entra nel vortice della ridondanza del suo dono, che si riversa su ciascuno come benedizione e fecondità.

vv.42: E chi avrà dato anche solo un bicchiere di acqua fresca a uno di questi piccoli, perché è mio discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».

Praticare l’accoglienza in una terra così ‘desertica’ come la Palestina era un fiore all’occhiello per il pio israelita; per cui, anche offrire un semplice bicchiere d’acqua ai discepoli del Signore perché ‘suoi’ significa praticare la solidarietà con coloro che hanno fatto questa scelta. Chi accoglie i discepoli di Gesù in forza della loro prerogativa di discepoli riceve la loro stessa ricompensa, cioè viene equiparato ad essi. Ci sono molti modi per annunciare il Vangelo e far parte dei semplici del Regno: anche offrire un bicchiere d’acqua può significare e indicare qualcuno dall’amore senza misura, quello di Gesù.

Maria Chiara Zulato
http://www.figliedellachiesa.org


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.347 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

  • 135,385 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Gender Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: