COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

XIV domenica del Tempo ordinario (A) Lectio

XIV domenica del Tempo ordinario (A)
Matteo 11,25-30

25 In quel tempo Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. 26 Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. 27 Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio voglia rivelarlo. 28 Venite a me, voi tutti, che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. 29 Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. 30 Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

XIVA.jpg

25 In quel tempo Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli.

Dopo il lamento funebre (v. versetti precedenti) sulle città della Galilea che anziché accogliere il messaggio del Regno lo hanno rifiutato, l’evangelista cambia il tono del discorso: Gesù passa ora a benedire il Padre per quanti invece lo hanno accolto.

Le parole di Gesù ricordano ancora una volta quelle del profeta Isaia dopo la denuncia del culto a Dio fatto con le labbra: …continuerò a operare meraviglie e prodigi con questo popolo; perirà la sapienza dei suoi sapienti e si eclisserà l’intelligenza dei suoi intelligènti…”(Is 29,13-14).

Il Padre, Signore del cielo e della terra, ha manifestato all’umanità la pienezza del suo amore.

Ma la proposta di un amore gratuito e incondizionato era incomprensibile per i “sapienti e intelligenti” che, nel ruolo di “dottori della legge”, rappresentavano il magistero ufficiale.

I semplici invece, quelli che danno l’adesione al Figlio, hanno avuto la rivelazione del Padre e hanno sperimentato la qualità del suo amore. Il motivo della lode è proprio questo: ciò che non è stato apprezzato dai “sapienti” viene accolto dai “semplici”.

Gesù contrappone i sapienti e gli intelligenti, figura degli scribi e farisei che gli sono ostili, ai semplici, che hanno riconosciuto nel suo insegnamento l’ origine divina, e hanno dichiarato che è lui a insegnare con autorità e non i loro scribi (7,28-29).

Queste cose   (tãuta) è riferito alle azioni compiute da Gesù, che gli hanno attirato l’accusa di bestemmiatore da parte degli scribi (9,3) e di peccatore da parte dei farisei (9,10-13) mentre la gente ne è entusiasta: “E questa notizia si diffuse in tutta quella regione” (9,26).

Mentre per i sapienti e gli intelligenti il Regno si instaurerà attraverso la pratica dell’osservanza della Legge, i semplici hanno compreso che esso si estende attraverso la comunicazione dell’amore del Padre.

Il contrasto che l’evangelista presenta tra “sapienti” e “semplici” accenna anche a quella distinzione che i gruppi religiosi di esaltati dell’epoca i cosiddetti “apocalittici“, facevano tra “eletti” – detentori di speciali rivelazioni da parte della divinità – e “non eletti“.

Gesù invece insegna che l’unico modo di ricevere da Dio la rivelazione è accogliere il suo amore che si è manifestato nel Figlio.


26 Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. 27 Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio voglia rivelarlo

Gesù termina la lode rivolgendosi di nuovo al Padre. La preghiera serve a sottolineare l’intenzione di Dio: “rivelare queste cose ai semplici“.

Di fronte al rifiuto che Gesù sperimenta da parte delle città dove più ha operato e dalle autorità religiose (i sapienti e gli intelligenti), Egli non si scoraggia né ritiene fallita la sua missione, ma benedice il Padre perché la sua proposta può essere apprezzata solo da coloro che si aprono alla vita.

Al momento del suo battesimo, Gesù ha ricevuto tutto dal Padre: su Gesù è disceso lo Spirito (3,16), la totalità dell’amore di Dio; per questo il Padre è come Gesù e con Gesù “Dio con noi“.

Mentre Dio lo si può conoscere dallo studio della Legge o dai libri che parlano di Lui, il Padre può essere conosciuto solo dalla pratica di un amore simile al suo.

Matteo ha presentato Gesù fin dall’inizio del suo vangelo come il “Dio con noi“.

Essendo Gesù la manifestazione visibile di Dio, il discepolo può giungere a conoscere il Padre attraverso l’adesione a Gesù. Il verbo greco (apokaliúpsai da apokaliúptō) significa “scoprire/rivelare” nel senso di togliere ciò che impedisce di vedere/conoscere qualcosa.

La Legge, per le deformazioni subite nel tempo, poteva impedire all’uomo di conoscere l’amore gratuito del Padre. Questo amore Dio lo ha rivelato ai “semplici” attraverso il Figlio: ugualmente Gesù, a quanti l’hanno accolto, ha rivelato il volto del Padre.

28 Venite a me, voi tutti, che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro.

La conoscenza del Padre è a disposizione di quanti si avvicinano e accolgono Gesù.

L’insieme di osservanze e pratiche religiose imposte dagli scribi vengono definite nei vangeli “pesi insopportabili” (Lc 11,46) e Gesù denuncia più avanti scribi e farisei che “legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li impongono sulle spalle della gente” (23,4).

A quanti sono stanchi e oppressi (il termine  ephortisménoi da phortízō=caricare, imporre dei pesi) dal peso della Legge, Gesù invita ad accogliere Lui: Egli sarà il loro sollievo, comunicando loro la sua stessa forza.

Il verbo greco (anapáusō da anapáuō) che adopera l’evangelista per descrivere l’azione che Gesù compie su quanti gli danno adesione significa: “far riposare/cessare una fatica, essere sollevato“.

La conseguenza immediata quando si smette di fare un lavoro pesante è ricuperare il fiato/riprendere il respiro, per questo il termine anapáusō   si può intendere nel senso di “vi farò respirare“.

Quanti si liberano dal peso della Legge diventata, nelle mani dell’autorità, un giogo pesante da togliere il respiro alle persone, non vanno incontro a nessun tipo di maledizione (cfr. Dt 28,15) ma, in Gesù, ritrovano il respiro e la vita.

 29 Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. 30 Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

L’osservanza della Legge veniva chiamata dai rabbini il “giogo del Regno dei cieli” (Sifra Levitico 25,37,109). Un giogo continuamente accresciuto di precetti e osservanze fino a diventare impraticabile: “perché tentate Dio, imponendo sul collo dei discepoli un giogo che né i nostri padri, né noi siamo stati in grado di portare? Noi invece crediamo che per la grazia del Signore Gesù, siamo salvati, così come loro” (At 15,10-11), afferma Pietro a Gerusalemme e Paolo, che era stato uomo zelante/praticante della Legge, la denuncia come il “giogo della schiavitù” (Gal 5,1).

A quanti lo seguono, Gesù invita a caricarsi del suo giogo dolce e leggero. Un giogo che anziché dominare e schiavizzare chi lo accetta, lo fa sviluppare e lo rende libero.

Le espressioni di Gesù si ispirano a quanto nella Bibbia si dice della Sapienza: “Alla fine in essa troverai riposo, ed essa si cambierà per te in gioia.” (Sir 6,28); “Sottoponete il collo al suo giogo e la vostra anima accolga l’istruzione: essa è vicina a chi la cerca. Con i vostri occhi vedete che ho faticato poco e trovato per me un grande tesoro.” (Sir 51,26-27; cfr. Mt 11,19).

La combinazione di questi insegnamenti sulla Sapienza e la loro applicazione a quanto Gesù dice di se stesso, si può considerare come un finissimo lavoro teologico elaborato da uno scriba (cfr. Mt 13,52), conoscitore della tradizione sapienziale.

La “mitezza” che Matteo attribuisce a Gesù non si riferisce solo all’ovvia qualità del carattere del Signore, ma alla scelta sociale da Lui compiuta “assumendo la condizione di servo” (Fil 2,7) ponendosi così tra gli ultimi della società, in contrapposizione ai sapienti e intelligenti. Gesù, mite ed umile di cuore, è modello di vita per i semplici e si identifica con loro.

Gesù, “che non è venuto per essere servito, ma per servire” (Mt 20,28), chiede di imparare da Lui “mite ed umile di cuore“.

Questo invito è una richiesta di assomigliargli in una scelta comportamentale di servizio a favore del prossimo, ad imitazione di chi, pur essendo “il Maestro e il Signore” (Gv 13,13) nella comunità dei credenti si pone “come colui che serve” (Lc 22,27; cfr. 12,37; Mt 23, 10-12).

Tale esigenza (giogo/carico) non comporta oppressione o affaticamento per l’uomo ma esperienza di beatitudine (lieve/leggero).

L’uomo ritrova il respiro vitale, il gusto di vivere, quando nel dare la sua adesione a Gesù (venite…), mette in pratica, l’esigenza del suo messaggio (prendete…) e si lascia aiutare da Lui (imparate…).

Riflessioni…

 Un Maestro rende lode a Dio, suo Padre, e loda la semplicità di cuori e di intelligenze che tra la complessità del reale, del fare e del pensare, sanno intuire e comprendere ogni essenziale.

 Ma tutto risulta come dono di benevolenza: è ri-velazione a piccoli che sono in grado e in virtù di essere grandi, perché disponibili ad accogliere armonie di sentimenti e profondità di pensieri. Un Maestro sapiente che sa che ogni approdo a conoscenze e verità è apporto umano-divino.

 E non basta. Quel Maestro si fa Ermeneuta, offre indicazioni e si offre interprete per l’uomo. Perché ogni sapere e scienza, ogni conoscenza e sentimento è leggibile per l’uomo e con l’uomo. Fino a pensare alla grammatica e sintassi della storia come possibilità di intendere l’uomo. E a questo uomo Egli ri-vela, come interprete garante, di avere altro destino, di appartenere a Dio.

 E questo Egli, il Figlio, ha voglia di ri-velarlo ad ogni uomo, a tutti gli uomini.

 Ed è la ri-velazione del Mistero: c’è un Dio che è Padre, perché ha un Figlio, e questi è, perché ha un Padre. Evidenze che aiutano a penetrare la complessità. E tra Padre e Figlio si vive e si consuma conoscenza, piena, totale, amorevole. Mentre la conoscenza del Mistero si fa paradigma di vita, umana e divina.

Associazione “il filo – gruppo laico di ispirazione cristiana” – Napoli
http://www.ilfilo.org


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.347 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

  • 135,385 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Gender Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: