COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Lectio sul libro dell’Esodo (7)

XV-XVII settimane del Tempo Ordinario (Anno dispari)

libro dell'esodo.jpg

Libro dell’Esodo
Premessa

Si tratta di un testo, per la gran parte narrativo. Il che, com’è prevedibile, porrà dei problemi di segmentazione e scelta per le meditazioni. D’altra parte non di dirò mai abbastanza che la Scrittura richiede applicazione e pazienza: un libro che ha impiegato svariati secoli per nascere, non cede alla pretesa di chi voglia capirlo o acquisirlo o trarne conforto subito. Deve essere invece letto e riletto con pazienza, possibilmente con la matita in mano e, nel nostro caso specifico, anche con un atlante e un manuale di storia vicino (in ogni caso noi abbiamo già una certa preparazione dalla “Storia del popolo Ebraico”). L’Esodo narra, infatti, un percorso.

Se ne siamo consapevoli, a nostra volta dobbiamo metterci in cammino, sapendo però di non potere usare i mezzi potenti e veloci con i quali oggi abitualmente si viaggia.

Dovremo accontentarci invece di procedere lentamente, a piedi, e non in un cammino solitario, in cui ognuno si fa la sua andatura, ma in carovana, tenendo quindi un passo che vada bene per i giovani come per chi tale non è, per i forti come per i deboli. Anzi, nella carovana ci sono malati e lattanti: il ritmo delle tappe deve tenerne conto.

Dal mio punto di vista, dobbiamo calcolare di avere a nostra disposizione solo un’applicazione costante e regolare, un passo da montanari, solo a questa condizione il testo si aprirà alla nostra lettura e s’imprimerà nel cuore. L’Esodo è una specie di codice genetico per la fede d’ebrei e cristiani. Per gli ebrei, la liberazione dalla schiavitù dell’Egitto è l’esperienza originaria e fondante della salvezza e della rivelazione: tutta la Bibbia segue lo schema del Libro. Nuovo Testamento compreso. Possiamo presentare lo schema essenziale dell’esperienza dell’esodo/liberazione come segue, articolandolo in tre momenti:

  • uscire da
  • passare per
  • entrare in

Il libro dell’Esodo racconta appunto questo schema, che è e diventa l’ossatura d’ogni esperienza di liberazione presente nella Bibbia, incluso il racconto della Pasqua di Gesù. Così possiamo tracciare alcuni schemi analogici che ci aiutano a capire come mai il libro sia così importante:

liberazione politica dall’Egitto
  • uscire dall’Egitto
  • passare per il deserto
  • entrare nella Terra “giurata”
ritorno dall’esilio di Babilonia
  • uscire da babilonia
  • passare per il deserto
  • entrare nel proprio paese
guarigione della malattia
  • uscire dalla malattia
  • passare dalla conversione
  • entrare nella salute
Pasqua di Gesù
  • uscire dalla condizione umana
  • passare da questo mondo al Padre
  • entrare nella gloria
vita di fede
  • uscire dal peccato
  • passare per la conversione
  • entrare nella vita nuova

 

La storia dell’esegesi biblica è, almeno in parte, storia dell’esegesi del Libro dell’Esodo. La vicenda narrata dall’esodo va collocata cronologicamente all’inizio del XIII° sec.a.c. Era abbastanza naturale che, in periodo di siccità e conseguente carestia, tribù di nomadi si spostassero alla ricerca di pascoli e acqua oltre i soliti limiti di transumanza stagionale.

Quando sia avvenuto il passaggio in Egitto che giustifica il seguente esodo non lo sappiamo esattamente. Il Libro di Genesi ci racconta la storia di Giuseppe che costituisce l’antefatto dell’Esodo e che sarà opportuno rivedere con attenzione: è, infatti, una specie di romanzo pieno di colpi di scena e di fini notazioni psicologiche, che giustifica la migrazione e lo stanziamento di un gruppo di nomadi e pone le premesse del loro ritorno nelle terre d’origine.

Il libro dell’Esodo corrisponde all’esigenza di narrare una storia interpretata. In essa i fatti non sono distinti dall’interpretazione, ma sono raccontati per trovare in essi la propria identità come popolo.

I fatti del resto sono stati messi per iscritto parecchio tempo dopo il loro accadimento e non certamente di getto, ma con un lungo lavoro redazionale stratificato. Infatti, riusciremo a identificare i vari strati perché nel libro ci sono doppioni o contraddizioni che rileveremo via via nel corso della lettura, ma che rispecchiano come il libro sia fatto di materiali tradizionali assemblati grazie ad un lavoro intelligente e organico che coinvolge tutti e cinque i primi libri dell’A.T.: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri e Deuteronomio.

Così se da una parte i fatti sono accaduti nel XIII° sec. a.c., la loro redazione inizia solo almeno quattro secoli più tardi in documenti, dapprima differenziati poi composto in unità organica.

Si capisce così perché di un’opera importante come questo libro non si possa indicare un autore identificabile alla nostra maniera, frutto com’è di un anonimo e secolare lavoro di squadra. Importa quel che sta scritto, non chi lo abbia scritto nella mentalità antica, per la quale era impensabile una qualsiasi forma di protagonismo.

Tant’è che neppure di Mosè, coprotagonista del libro, il vero protagonista è il Dio del Roveto, si dice più che tanto. Sappiamo di lui solo ciò che è funzionale all’esperienza salvifica d’Israele, difetti compresi. Vale anzi la pena notare che neppure questo corrisponde alla nostra idea dell’eroe, che è regolarmente senza macchia e senza paura e del quale si cerca di sapere o dire tutto. La nostra regola non vale per alcuno degli eroi biblici, che sono, in questo senso, ampiamente demitizzati e tutt’altro che impeccabili.

Mosè, che è anzi figura cardine dell’A.T. e del N.T., sulle cui caratteristiche e sui cui compiti sono costruiti altri pers, resta fondamentalmente senza volto. Mosè è soprattutto rabbènu, cioè “nostro maestro”, come lo riconosce anche la tradizione del N.T., sì che la legge di Dio, consegnata a lui sul monte Sinai, come vedremo leggendo l’Esodo, diventa nell’A.T. e nella tradizione ebraica Torah Mosè, “Legge di Mosè”, eppure non riceve attenzione personale dai redattori. Incontrarsi con l’Esodo, per tutti questi motivi e per altri che non posso ora elencare, è dunque incontrarsi con la mentalità biblica/evangelica che è necessario acquisire per accedere alla pienezza del mistero di Cristo e della vita cristiana.

http://www.adonaj.it


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23/07/2017 da in ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.373 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

  • 151,584 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Adviento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Messico Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: