COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Lectio sul libro del Levitico

Levitico 1

Venerdì e sabato della XVII settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

Culto, purità e santità: il libro del Levitico
di Pier Paolo Nava

Questo libro, il terzo dell’Antico Testamento, non viene letto spesso dai cristiani, anche se è prezioso da vari punti di vista. Storicamente, ci apre una finestra su molti usi religiosi dell’ebraismo “classico” (quello che terminò nel 70 d.C. con la distruzione del Tempio di Gerusalemme ad opera dei romani); ci presenta la visione che ha di sé il popolo di Dio negli ultimi 500 anni precedenti l’era cristiana, cioè di una comunità consacrata a Dio e dedita a una religiosità precisa e ordinata; infine senza Lv non potremmo capire il messaggio della lettera agli Ebrei, certi passi del Vangelo di Gv, molte dispute di Gesù con i farisei e neppure il duplice precetto dell’amore con cui Gesù riassume la legge e i profeti.

Come lo stesso nome suggerisce, il Levitico si presenta come un vademecum ad uso dei sacerdoti del Tempio, ma a mio parere non esprime però una visione clericalista: lo scopo che intende raggiungere è spingere tutto il popolo di Dio, sotto la guida dei suoi sacerdoti, a permanere nella realtà del sacro, assimilandone tutta la profonda realtà.

I sacrifici e i sacerdoti (Lv 1-10)

I primi 7 capitoli sono dedicati al rituale del culto del Tempio, imperniato attorno all’idea di sacrificio, cioè di offerta di animali o vegetali: l’ebraismo classico ripudia il sacrificio umano, che invece era praticato dalle popolazioni vicine e da molte altre religioni antiche, quali quelle americane precolombiane. Il rituale è molto preciso, e il lettore può farsene da solo un’idea in modo agevole. La concezione soggiacente è duplice: la centralità del simbolo del sangue (che nell’idealità biblica significa la vita, la realtà fondamentale del mondo e che appartiene esclusivamente a Dio, e per questo il suo spargimento viene regolato da leggi religiose), e l’atto del mangiare, compiuto da Dio solo (nel rito dell’olocausto) o da Dio insieme alla gente (nel rito del sacrificio di comunione, dove parti dell’animale vengono mangiate dai sacerdoti e dagli offerenti). Anche il cristianesimo conosce il valore dell’offerta, del sacrificio personale a Dio mediante il dono di qualcosa di proprio; nella liturgia cristiana, un momento particolare della Messa è riservato proprio all’offertorio, e l’offerta di sé (consacrazione) fa dei cristiani battezzati un popolo sacerdotale.

Qua e là troviamo anche altre norme riguardanti i sacerdoti, e perfino il ricordo di un conflitto di interessi che doveva aver avuto luogo tra famiglie sacerdotali diverse (il sacerdozio infatti si trasmette di generazione in generazione) per decidere chi erano i sacerdoti legittimi e chi no (Lv 10). Altrove troviamo ulteriori norme, a volte decisamente pesanti (Lv 21,1-15). Un mio vecchio parroco, rimasto zoppo a seguito di un incidente, mi diceva che se il fatto fosse successo prima della sua ordinazione, non avrebbe potuto diventare prete (vedi Lv 21,16-21).

La purità (Lv 11-16)

La nostra mentalità situa la purità (chiamata più spesso purezza) nell’ambito morale, quindi del fare o non fare determinate cose, soprattutto in campo sessuale. Per la Bibbia invece è puro chi o ciò che può avere un ruolo nel culto, persone o cose; il suo contrario, l’impurità, non è effetto di una colpa, ma è una situazione in cui ci si trova di inabilità al culto, di solito temporanea e che può essere risolta mediante determinati riti. Molto si parla della lebbra, corruzione fisica di cose o persone (Lv 13-14), percepita come una minaccia per la vita della comunità, un male tanto grave per la vita da essere considerato impuro alla pari di ogni altra perdita di vita, come la morte. Lv 12 e 15 si soffermano sulle situazioni di impurità legate alla biologia sessuale, sia dell’uomo che della donna: l’importanza data al sangue e ad altri fluidi del corpo si ricollegano a quanto detto sopra: la vita e la sua origine, quindi tutto ciò che è collegato con la procreazione, vengono riconosciute come appartenenti a Dio e al suo mistero, quindi estremamente arricchite di importanza; perdere sangue o sperma depotenzia, rende impuri, inadatti al culto (e quindi dalla vita ordinaria della comunità) perché in tali situazioni il sacro sta agendo in modo diretto, ponendo la persona in una dimensione parallela a quella normale.

Così possiamo sfatare alcuni luoghi comuni: quanto la Bibbia definisce impuro comporta in realtà uno speciale contatto con il mistero di Dio e della vita. Solo per superficialità si può dire che la religione (antica o attuale, anche e soprattutto cristiana) coltiva una visione negativa o pruriginosa della sessualità umana; lo fanno piuttosto alcune forme di spiritualismo che di cristiano hanno ben poco. Poi è giusto che le norme religiose tocchino questi argomenti, troppo spesso considerati tabù, perché vita e sessualità non possono essere banalizzate: è evidente che essere appartengono a un ambito superiore e assolutamente fondamentale sul quale l’uomo, per quanto faccia, non ha potere assoluto ma piuttosto sperimenta la realtà del dono ricevuto da un Altro, Colui che ha iscritto le sue regole nelle pieghe profonde della nostra carne. La prova, infine, che regolare la vita sessuale in chiave religiosa significa darle il pieno valore e riconoscerle la sua estrema dignità proviene dal suo opposto: l’uomo occidentale contemporaneo, che l’ha desacralizzata, ne ha fatto in cambio occasione di violenza e di commercio, mettendoci dentro aspetti del suo io deteriore.

Infine, come espressione di pentimento per le colpe commesse e della volontà sincera di vivere seriamente gli obblighi e lo spirito della legge di Dio, Lv 16 presenta il rituale della festa del kippur, o Giorno dell’Espiazione, che ancora oggi è una delle principali feste ebraiche.

La santità (Lv 17-26.27)

Anche qui occorre chiarire i termini. Per noi santità è la qualità di ciò che è perfetto, nel senso di praticamente inaccessibile, ammirabile forse ma non imitabile, equivale a eroismo nell’agire. In Lv santità è regolare il proprio quotidiano sulla base della legge di Dio, e in questo senso equivale a essere giusti. La normativa va a toccare anche qui gli ambiti basilari del vivere: ancora il sangue come simbolo fondamentale (Lv 17) e di conseguenza i rapporti tra consanguinei nel clan (Lv 18 e 20), fino a coinvolgere i rapporti con il “prossimo”, cioè in Lv colui che appartiene alla propria tribù più ampia (Lv 19: notare bene il versetto 18). Lv 19 è certamente una delle vette della spiritualità biblica: l’agire corretto è motivato dal fatto che – dice Dio – “Io sono il Signore”, colui che nell’esodo ha fatto nascere il suo popolo (la cosa è spesso ricordata: Lv 18,3; 19,36; 20,22-23; 22,33) e mediante la legge intende mantenerlo in una vita serena e ordinata. Dopo una serie di altre norme, abbiamo un calendario delle feste liturgiche (Lv 23), ancora oggi praticate, e la normativa sul sabato, anno sabbatico e giubilare (Lv 25) che dipende da Gen 1 ed offre una meravigliosa sintesi tra culto onesto a Dio, giustizia sociale e rispetto per le cose del mondo, che si trova alla base del messaggio dei profeti dell’Antico Testamento e che noi cristiani abbiamo ereditato completamente.

Abbastanza provocante è l’espressione che dà il tono a questi testi: “Siate santi, perché io, il Signore vostro Dio, sono santo” (Lv 19,2), che Gesù riprende dicendo “Siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste” (Mt 5,48), espressione che dice il tono di tutto il Discorso della Montagna, carta costituzionale della comunità cristiana chiamata ad essere popolo santo. L’equivalenza tra santità e perfezione, nella mente di Gesù, non deve essere travisata: non si tratta di una perfezione che l’uomo dovrebbe raggiungere con i suoi atti (si tratterebbe della autogiustificazione contro la quale S. Paolo nelle lettere ai Romani e ai Galati ha avuto molto da dire), e che produrrebbe, a conti fatti, solo frustrazione. Gesù intende anzitutto annunciare chi è Dio Padre, che è santo e perfetto perché fa sorgere il suo sole sui buoni e sui cattivi, perché la sua logica supera ogni misura umana; tale santità diventa poi imperativo per il credente, il cui compito è mettersi alla scuola di questa grandezza, senza ripiegarsi su di sé a misurare l’entità dei propri meriti o insuccessi, ma aprendosi alla contemplazione di un Cuore più grande e riproducendo nel mondo qualche scintilla del suo splendore: culto in Spirito e verità, abbandono in Dio, senso della grandezza del dono ricevuto, offerta di sé e sequela operosa dell’unico Maestro e del suo Vangelo.

http://www.communiobiblica.org


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/08/2017 da in ITALIANO, Lectio della Settimana, Liturgia, Settimanale con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.361 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug   Set »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

  • 142,677 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: