COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Lectio sul libro dei Numeri

numeri.jpg

Lunedì – giovedì della XVIII settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

Libro dei Numeri
dal Commento di Rashi

Il nome completo di Rashi di Troyes era Rabbi Shelomoh ben Yishaq. Nacque a Troyes, capitale del ducato di Champagne, fiorente centro agricolo e commerciale, intorno al 1040. Studiò nelle prestigiose scuole renane di Worms e Magonza dove aveva insegnato il famoso dottore del Talmud Gershom ben Yehudah. Tornato a Troyes, vi fondò una scuola e iniziò le compilazioni dei suoi commenti alla Bibbia e al Talmud. Morì nel 1105.

Prefazione di Gigi Cattani alla traduzione del commento di Rashi

Il nome Numeri attribuito al testo deriva dal titolo latino della Vulgata, che a sua volta mutuò il termine dalla versione della LXX. Nella tradizione ebraica, il libro è invece denominato abitualmente con l’espressione Be-midbar, o Ba-midbar, “Nel deserto”, che ricorre nella frase iniziale del testo1.

L’opzione dei LXX (e della Vulgata) rende ragione della indubbia rilevanza che i “numeri” e i censimenti possiedono nel libro; il titolo scelto dai maestri d’Israele coglie invece con precisione lo spazio geografico, cui è connesso un sicuro valore teologico, nel quale si svolge l’intera vicenda narrata nell’opera. In effetti, i “Numeri” si occupano di quanto avvenne al popolo d’Israele dopo l’uscita dall’Egitto, nel deserto tra il Sinai (o Oreb) e la steppa di Moab, situato a nord-est del Mar Morto.

La struttura del libro viene normalmente considerata “molto difficile da determinare”2; a nostro avviso essa può configurarsi nel modo seguente.

Capitoli 1-10. Il testo si riallaccia espressamente alla rivelazione sinaitica. Su ordine del Signore, viene attuato il censimento dei figli d’Israele e quello, accuratissimo, dei leviti. Quindi, dopo i capitoli 5 e 6 di carattere legale e l’offerta dei principi delle tribù, si danno disposizioni per l’ordine di marcia. Infine, sempre su comando del Signore che precede il suo popolo, Israele parte alla volta della terra promessa.

Capitoli 11-21: il cammino nel deserto. Tale cammino è caratterizzato dai peccati d’Israele, primo fra tutti la ribellione del popolo all’ordine di entrare nella terra (Nm 14). Ciò determina il decreto divino secondo il quale i figli d’Israele dovranno rimanere nel deserto per quaranta anni, fino alla scomparsa della generazione infedele. La sezione contiene, oltre ad altri importanti testi legislativi, il rituale della “giovenca rossa” ed episodi famosi, come il peccato di Mosè, la morte di Aronne, il serpente di rame. Infine, è narrata la conquista della Transgiordania.

Capitoli 22- 24. Il testo, al quale si possono aggiungere i capitoli 25 e 31, è dedicato alla figura di Balaam, il profeta pagano, implacabile avversario del popolo di Dio. Il libro dei Numeri qui specifica la natura essenzialmente “spirituale” dei nemici di Israele. Questi, a motivo della potenza di Balaam e della sua astuzia realmente luciferina, corre un pericolo mortale, dal quale è salvato dal Signore, il solo che possa annientare, umiliandolo, chiunque osi opporsi al suo disegno di salvezza.

Capitoli 26ss. Dopo un nuovo censimento (Nm 26), la sezione, che contiene altro importante materiale legale, si occupa essenzialmente della terra promessa, la cui conquista è ormai imminente.

Vengono pertanto ricordate le tappe del cammino (Nm 33), si delineano con cura i confini di quella terra benedetta (Nm 34) che Israele sta per ricevere in eredità, quale dono del Signore. Le norme relative alla “città di rifugio” e alla eredità delle donne sposate chiudono il libro, in quanto sono gli ultimi comandi ricevuti da Mosè nelle steppe di Moab, presso il Giordano di Gerico3

Le tematiche teologiche del Commento

L’amore di Dio per Israelenon

“A motivo dell’amore che il Signore prova per loro, egli li conta ad ogni momento! Li contò quando essi uscirono dall’Egitto, li contò quando essi caddero a causa del vitello per conoscere il numero dei superstiti, li contò quando si accinse a fare posare la sua Shekinah su di loro”.

Questo commento a Nm 1, 1, con il quale significativamente ha inizio il libro, ne offre una interpretazione teologica complessiva, dando ragione della sua caratteristica formale più evidente: l’attenzione cioè prestata ai “numeri” e i ricorrenti censimenti dei figli d’Israele.

Il Signore, il Dio e il pastore d’Israele, “conta” incessantemente le sue pecore4, perché le ama ed esse gli sono preziose. Ciascun figlio d’Israele, in quanto membro della comunità santa strappata alla schiavitù egiziana, è fatto oggetto dell’amore personale di Dio, dal quale per così dire “riceve il nome”, cioè l’essere e la vita, rimanendo nel ricordo incessante del Signore lungo tutto il cammino, talora aspro e perfino contraddittorio, alla volta della terra promessa.

L’amore gratuito di Dio quindi, e la gloria d’Israele che dipende da tale amore, rappresentano secondo Rashi il significato più intimo e vero dell’intera vicenda narrata nei Numeri. E ciò perché, in virtù della elezione e dell’ordinamento cultuale prescritto al monte Sinai, la comunità d’Israele è divenuta la sposa del Signore, che dimora in mezzo al suo popolo. Leggiamo in Nm 7, 1: “Nel giorno in cui venne eretta la Dimora, i figli d’Israele erano come una ‘sposa’ che entra sotto il baldacchino nuziale”.

La “Dimora”, edificata secondo le minuziose indicazioni divine, costituisce il “sacramento”, il segno efficace che rende possibile l’inabitazione di Dio in mezzo al suo popolo. Conforme infatti alla teologia del libro dell’Esodo, e ovviamente del Levitico, anche il quarto libro della Torah conferma come il culto rappresenti il vertice del rapporto di Israele con il Signore, svelando nel contempo la sua profonda natura di comunità santa e popolo sacerdotale. In virtù dell’offerta dei sacrifici, Dio si intrattiene con i figli d’Israele come un padre fa con i suoi figli5. Nel culto, pertanto, il popolo è per così dire realmente se stesso, perché incessantemente riscopre e vive la sua vocazione alla santità e al rapporto intimo con il Signore, che dimora nell’accampamento d’Israele6 e vuole donarsi a lui.

La configurazione teologica della comunità d’Israele

Il tema centrale del libro dei Numeri è indubbiamente quello della ‘edah, la “comunità” d’Israele7.

Come appare tale comunità, alla luce della riflessione teologica proposta da Rashi, nel commento della parola divina?

Essa è descritta anzitutto come il popolo che Dio ha riscattato, per essere il suo re8. L’accettazione della Torah da parte d’Israele ha equivalso, come insegna tutta la tradizione ebraica, all’accettazione della regalità di Dio, unico signore e giudice del suo popolo9.

Sotto questo profilo, risultano del tutto condivisibili le argomentazioni di quanti si unirono alla rivolta di Core contro Mosè. Davvero tutti i figli d’Israele sono santi, perché “hanno udito parole al Sinai dalla bocca dell’Onnipotente”10, e in virtù di tale ascolto partecipano alla santità divina.

Eppure, il libro dei Numeri insegna con straordinario vigore che il Signore ha voluto operare una distinzione all’interno della sua comunità, sicché questa non appare affatto come una realtà amorfa e indifferenziata. Molto significativo è in tal senso il commento a Nm 5, 2: “Tre erano gli accampamenti ovunque essi si accampavano. All’interno dei tendaggi vi era ‘l’accampamento della Shekinah’. I leviti si accampavano attorno ad esso. (…) A partire da là e fino al termine dell’accampamento delle insegne, in tutte e quattro le direzioni, vi era ‘l’accampamento dei figli d’Israele’”.

Dunque, la prima e fondamentale differenziazione che Dio ha posto all’interno del suo popolo è quella tra i comuni “figli d’Israele” e i leviti, la “legione del re”11, i quali sono deputati alla cura degli utensili sacri, e ciò secondo una ulteriore, rigorosa suddivisione corrispondente alle tre famiglie di cui si compone la tribù12.

Gli stessi leviti sono poi assolutamente esclusi dall’esercizio diretto del culto, riservato ai soli sacerdoti. Le indicazioni sono al riguardo severissime. Secondo il testo biblico, qualunque “estraneo” (cioè non sacerdote) osi avvicinarsi per rendere culto, sarà messo a morte13. Ora Rashi insegna al riguardo che ogni peccato commesso nei confronti della santità e trascendenza divine ricade su Aronne e sui suoi figli14. Ad essi spetta il compito gravissimo di proteggere i figli d’Israele e gli stessi leviti dal giudizio divino, che si abbatterebbe inesorabile su chiunque osasse usurpare il ministero sacerdotale, profanando il santuario del Signore, che dimora in mezzo al suo popolo. Estremamente significativa è al riguardo la contesa di Core, nella quale Rashi vede la volontà empia di rivendicare il sacerdozio da parte di chi non ha ricevuto questo dono e compito, in virtù della libera elezione del Signore15.

In conclusione, possiamo affermare che le dodici tribù d’Israele, raccolte attorno alla Dimora posta al centro dei loro accampamenti, costituiscono una comunità santa, che trova nel culto la sostanza stessa della sua identità e della sua storia16. Ciò si oppone implicitamente ad ogni forma di individualismo, soprattutto in ambito religioso. Ciascun figlio d’Israele sa di potere essere se stesso solo all’interno dell’intera comunità del Signore, la quale è, nel suo insieme, un regno di sacerdoti e una nazione santa17. Fortissimo è pertanto il senso di appartenenza che ogni figlio d’Israele deve avere nei confronti della sua comunità di fratelli, di cui condivide la storia e il destino.

D’altra parte, ciascuna componente del popolo di Dio deve svolgere il servizio che il Signore, nel suo disegno d’amore, le ha voluto assegnare18.

In particolare, la “santità” di Dio, contrapposta alla realtà di “peccato” del suo popolo, determina nel rapporto tra il Signore e Israele una evidente tensione dialettica. Pur chiamato alla comunione con Dio, non tutto il popolo può comparire alla sua presenza. E’ necessario che esso sia rappresentato da quanti il Signore ha liberamente eletto a questo fine. E’ necessario, cioè, il ministero svolto da legittimi intermediari.

Nel libro dei Numeri emergono pertanto le figure dei santi Aronne e Maria, la cui morte funge da espiazione per i peccati19. Rashi dice che entrambi, per la loro santità, morirono per “un bacio di Dio”20; particolarmente toccante è il racconto della gloriosa dipartita di Aronne, il sommo sacerdote del suo popolo21.

Tuttavia, la figura più significativa di mediatore è indubbiamente quella di Mosè22, l’uomo più mansueto e paziente della terra23, con il quale il Signore parlava bocca a bocca24.

Molto ricca e complessa appare, nel suo insieme, l’immagine del grande profeta d’Israele. Egli è anzitutto l’intrepido intercessore, che non esita a frapporsi tra i figli d’Israele e il Signore, quando essi con i loro peccati e le loro mormorazioni lo muovono all’ira. L’intera vicenda dei Numeri è scandita dalle suppliche di Mosè, espressioni del suo amore disinteressato per tutti i suoi fratelli.

Egli prega per il popolo che si lamenta contro il Signore25, per la sorella Maria26, per l’intera comunità che lo sconfessa come capo27; il ruolo di intercessore lo porta allo sfinimento, a motivo dei continui peccati d’Israele28.

Mosè è l’“eroe”, che in virtù della sua santità annienta i più terribili nemici d’Israele29, il popolo amato che è al centro del suo cuore30 e per il quale egli è disposto a dare la vita31. Egli è il consacrato del Signore32, dal quale è effuso lo spirito su quanti sono destinati a guidare il suo popolo33.

Eppure, come mostra il racconto drammatico di Nm 20, 11ss., anche il più grande tra i profeti non rimane immune dalla colpa nel lungo cammino alla volta della terra promessa, dalla quale egli viene escluso per irrevocabile decreto divino. La tragedia personale dell’uomo di Dio è descritta da un midrash di rara bellezza, che Rashi cita in Nm 27, 12: “Quando Mosè entrò nella eredità dei figli di Gad e dei figli di Ruben, gioì dicendo: ‘Mi sembra che il voto che mi riguarda sia stato annullato in mio favore!’. E’ simile a un re, il quale emise un decreto contro suo figlio, vietandogli di entrare per l’ingresso del suo palazzo. Il re entrò per la porta, e quello dietro; nel cortile, e quello dietro; nel salone, e quello dietro. Al momento però di entrare nella camera da letto, gli disse: ‘Figlio mio, da qui in poi ti è vietato entrare!’”.

D’altra parte, in più di un’occasione, durante il peregrinare nel deserto Mosè mostra la sua debolezza, quasi fosse schiacciato dal peso del suo popolo, che egli deve tanto a lungo portare34. In tali frangenti, Mosè è soccorso da figure carismatiche35: e ciò a riprova della santità dell’intera comunità d’Israele, a cui il Signore mai fa mancare i suoi doni, perché superata ogni prova giunga alla meta tanto desiderata.

La comunità in cammino: le cadute e gli avversari del popolo di Dio

I quaranta anni d’Israele nel deserto sono caratterizzati da continui peccati e ribellioni, di cui Rashi sa cogliere la tremenda gravità.

Le lamentele del popolo36; l’invidia di Maria e di Aronne37; la ribellione dell’intera comunità nell’episodio degli esploratori – ribellione che ne determina l’esclusione dalla Terra38; la rivolta di Core, Datan e Abiron39; le acque di Meriba40; il venire meno del popolo e il serpente di rame, fonte di salvezza per chi lo guarda con fede41; il terribile peccato di idolatria42: Israele deve riconoscere, riflettendo sulla sua storia, la propria natura di popolo peccatore43, incapace di superare le prove del deserto e quindi indegno dell’amore di Dio.

Eppure, proprio la drammatica vicenda del cammino, mentre rivela l’intima fragilità d’Israele su cui si abbattono i giusti castighi divini, attesta anche che la potenza del peccato non è tale da vanificare la vocazione del popolo di Dio, né da distruggerne l’intrinseca “santità”. E ciò per due motivi fondamentali. Israele, come proclama il profeta pagano Balaam, è integro e santo in virtù del merito dei Patriarchi44. Israele, soprattutto, in virtù dei sacrifici riceve il perdono di tutti i peccati, anche i più gravi45; e ciò perché il Signore, come profeticamente intuì Balaam, non considera con severità le colpe del suo popolo, che pure lo addolorano, né mai si separa da lui46.

La gratuità dell’amore divino, più forte di ogni peccato e di ogni avversità nel cammino, si manifesta anche nella vittoria del Signore contro i nemici esterni del suo popolo. Tale è il senso del trionfo sul re di Arad47, sugli empi sovrani Sichon e Og, che non vogliono fare passare Israele48, sui Madianiti49.

Ma il nemico certamente più insidioso è il profeta Balaam, che Rashi – in conformità con la tradizione rabbinica50 – descrive come un’autentica figura demoniaca, animata da un odio irriducibile nei confronti di Israele.

Chi è Balaam? Secondo Rashi, si tratta di un vero profeta, sul quale Dio ha fatto posare la sua Shekinah51, che però ha deliberatamente volto il suo cuore al male, divenendo causa di rovina spirituale per il suo popolo. In Balaam si è attuato un tragico sovvertimento dell’etica: anziché porre il suo carisma profetico al servizio del bene, come fanno i profeti d’Israele, egli vuole utilizzarlo contro Dio e la sua legge52.

Il tratto più caratteristico della fisionomia di Balaam è l’orgoglio, un orgoglio smodato che, unito alla sua avidità53 e alla attitudine a maledire54, lo trascina a sfidare Dio, di cui non accetta l’autorità55. L’odio implacabile contro Israele56, il popolo della elezione, diviene così l’espressione visibile della sua ostinata opposizione al Signore, che egli vuole avversare fino al suo ultimo respiro. Non a caso, l’estrema arma che Balaam usa contro il popolo santo è l’astuto consiglio dato ai Madianiti nella faccenda di Peor: ed è proprio l’intento di indurre i figli d’Israele, attraverso la fornicazione, al peccato supremo dell’idolatria che gli costa la vita57.

Alla luce di ciò, la vicenda di Balaam rappresenta la rivelazione piena dell’onnipotenza di Dio e dell’amore per il suo popolo. Il Signore irride l’arroganza di Balaam, umiliandolo all’estremo58.

Soprattutto, cambia le sue maledizioni in benedizioni, rendendolo strumento efficacissimo della sua volontà di bene nei confronti d’Israele59. Tramite l’empio profeta pagano, viene promessa la venuta del Re Messia, trionfatore definitivo sul male e sovrano di tutta la terra60.

Balaam, che nella sua persona indica la valenza spirituale degli avversari del popolo di Dio, invano ha lottato contro il merito dei Patriarchi, che protegge Israele61.

La sua tragica fine, oltre a manifestare la signoria divina, è anche espressione esemplare della vittoria del popolo santo sulle potenze effimere del male. Leggiamo in Nm 31, 8: “Balaam venne contro Israele e mutò la sua arte con la loro. I figli d’Israele, infatti, ottengono la vittoria solo in virtù della loro ‘bocca’: cioè mediante la preghiera e la supplica. Ora egli venne e si impossessò della loro arte, maledicendoli con la sua bocca. Anch’essi, pertanto, vennero contro di lui e mutarono la loro arte con quella delle nazioni, che si fanno avanti con la spada”.

Infatti, i figli d’Israele gli resero quanto meritava, e lo uccisero di spada.

Il pellegrinaggio glorioso e la Terra d’Israele

Il cammino nel deserto, caratterizzato da tante prove e cadute, viene descritto da Rashi come un’ora privilegiatissima della storia d’Israele, come un itinerario circonfuso di gloria durante il quale il popolo poté sperimentare la presenza personale del Signore e l’abbondanza miracolosa dei suoi doni.

La nube del Signore era sopra di loro di giorno, quando essi partirono dall’accampamento62; questo testo di Nm 10, 34 è commentato nel modo seguente: “Sette volte è scritto il termine ‘nube’ a proposito delle loro tappe: quattro indicano i quattro punti cardinali; una indica l’alto e un’altra il basso; una infine designa quella che li precedeva, per abbassare i luoghi elevati e innalzare quelli abbassati, e per uccidere serpenti e scorpioni”.

L’interpretazione di Rashi, che amplifica la portata del testo biblico in conformità con uno dei criteri dell’esegesi rabbinica63, suggerisce l’impossibilità da parte dell’uomo di cogliere la grandezza della condiscendenza del Signore e il paradosso del suo amore. Il popolo, mentre procede in un luogo impervio e privo di vita, è letteralmente avvolto dalla gloria divina, che toglie ogni ostacolo dal suo cammino alla volta della terra promessa.

Ora, tale realtà gloriosa del viaggio nel deserto non è affatto smentita neppure dai tradimenti d’Israele. Capitale è a questo riguardo il capitolo 33 del testo, dove, alla conclusione ormai del libro, Rashi offre una valutazione teologica delle tante tappe che lo hanno caratterizzato. Leggiamo in Nm 33, 1: “Per quale motivo furono trascritte queste tappe? Per rivelarti gli atti di misericordia di Dio! Sebbene infatti egli avesse decretato al loro riguardo di farli vagare ed errare nel deserto, non si può dire che essi andarono errando e vagabondando di tappa in tappa per tutti i quaranta anni, senza mai trovare riposo!”.

L’enumerazione precisa delle tappe rappresenta anzi il ricordo affettuoso del Signore, che come un padre guidava suo figlio nel deserto, sopportandone le continue debolezze64. In prossimità della meta, il cammino compiuto rivela il suo autentico significato. Esso non fu un vano vagare, un procedere alla cieca in luoghi di morte. Israele ora comprende che i quaranta anni trascorsi nel deserto sono stati l’espressione della mirabile pedagogia del Signore, che ha voluto guidarlo e purificarlo dal suo peccato, per potere infine donargli la Terra65.

Ogni fase pertanto del cammino, come insegna lo stesso libro dei Numeri66, è determinata esclusivamente dal Signore, che precede il suo popolo. A Israele spetta il compito esclusivo dell’obbedienza, perché è la Nube a fissarne le partenze e i tempi di riposo.

Ecco allora che la disposizione rigorosa delle tribù nell’accampamento – al cui centro è la Dimora – conferisce al cammino d’Israele il carattere di una marcia processionale, di una azione liturgica, fortemente ritualizzata e dall’evidente natura sacrale.

Rashi sviluppa gli elementi presenti nel testo, accentuandone gli aspetti rituali. Così, ad esempio, il momento della partenza dell’accampamento è indicato da un segnale specifico, “mediante le due trombe, in virtù di squilli potenti e normali”67. Nulla è lasciato al caso, poiché chi procede nel deserto è la comunità santa del Signore che, nella sua marcia trionfale, appare come un popolo unito, ben compaginato, suddiviso ordinatamente in dodici tribù, ciascuna delle quali è accampata attorno alla sua insegna, il cui colore corrisponde a quello della pietra incastonata nel pettorale, a perenne ricordo davanti al Signore68.

L’unico sostegno nel cammino, che anche in tal senso diviene metafora della realtà del popolo di Dio nel suo procedere verso il regno, è l’amore preveniente del Signore.

Di nuovo Rashi amplia e sviluppa i dati presenti nel testo biblico.

Israele beneficia del dono della manna, il cibo miracoloso che non appesantisce chi lo assume, ma lo rende agile e spedito nel cammino69. Non meno grande è il dono dell’acqua, l’elemento assolutamente vitale nel deserto. Ecco allora che un pozzo miracoloso segue per quaranta anni i figli d’Israele, come dono supremo di Dio70. Il pozzo offre acqua abbondante a ciascuna tribù71, che di tappa in tappa sperimenta come il Signore provveda puntualmente a tutte le sue necessità.

E infine, la meta.

Il primo e fondamentale insegnamento che Rashi vuole impartire riguardo alla Terra d’Israele è l’amore che il popolo deve provare per il grande dono del Signore.

Molto significativa è al riguardo la vicenda delle figlie di Zelofcad. In evidente contrapposizione con l’atteggiamento degli esploratori, i quali avevano rifiutato l’eredità del Signore, queste donne manifestano per la Terra la stessa intensità d’amore un tempo provata dal patriarca Giuseppe72.

Esse, uguali nella santità73, sanno “vedere” la volontà divina più di Mosè, intuendo, in virtù della loro fedeltà al Signore, che questi ne garantisce il diritto a un possesso ereditario nella terra santa74.

L’elogio rinnovato fatto alle figlie di Zelofcad75 pare come costituire un’inclusione che racchiude gli ultimi capitoli del libro, che in buona parte possono essere riferiti alla Terra, dove il popolo offrirà i sacrifici, fonte di benedizione, e celebrerà le feste del Signore76.

In Nm 34 vengono descritti minuziosamente i confini della Terra, nella quale soltanto è possibile l’osservanza integrale dei precetti della Torah77.

Questa terra, nettamente distinta per la sua santità da tutte le altre, è l’eredità del Signore: suo puro dono, che egli concede assoggettando a Mosè, rappresentante del popolo, le potenze spirituali avverse che osano opporsi al suo disegno78. Non la spada, quindi, ma la forza della preghiera costituisce l’unica e autentica arma del popolo santo, che solo confidando in Dio può sperimentare come egli stesso combatta le sue battaglie, concedendogli la vittoria su ogni avversario79.

Perciò la terra rimarrà per sempre “del Signore”, la Terra in mezzo alla quale egli dimora80: ed Israele dovrà rispettarne l’assoluta santità, evitando di renderla impura con i suoi peccati, soprattutto con lo spargimento del sangue81. Poiché la terra del Signore non può essere conquistata né mantenuta attraverso la violenza gratuita, ma soltanto nel rispetto dei comandamenti e nella pratica della giustizia tra tutti i figli d’Israele.

Il libro dei Numeri, che narra la conquista della Transgiordania, termina alla vigilia dell’ingresso d’Israele nella eredità del Signore.

Rashi, nel commento a Nm 32, 24, pone in rilievo la concordia assoluta che animò le dodici tribù quando, passato il Giordano, entrarono n possesso del dono di Dio.

Questa immagine in qualche modo idealizzata della ‘edah del Signore che superata ogni prova e ogni lacerazione infine entra nella Terra benedetta, simbolo anche della comunione con Dio e del riposo eterno, sembra richiamare le parole che, in Nm 23, 24, Rashi pone sulle labbra del profeta Balaam. Si tratta di un oracolo sul futuro, di una visione messianica relativa a quel tempo in cui Israele vivrà nella comunione perfetta con Dio e spiegherà anche agli angeli il senso della sua storia: “Di nuovo vi sarà in futuro un tempo in cui sarà rivelato agli occhi di tutti l’amore che Dio prova per i figli d’Israele: poiché essi siederanno alla sua presenza e apprenderanno la Torah dalla sua bocca. Il posto loro assegnato sarà in mezzo agli angeli del servizio, i quali chiederanno loro: Che cosa ha fatto Dio?”.

“In quel tempo” cioè diverrà pienamente manifesto il significato della storia salvifica che, come narra l’intero libro dei Numeri, ha come oggetto l’amore di Dio per il suo popolo, da lui prediletto e anteposto perfino alle schiere degli angeli. Allora, quando risplenderà in tutto il suo fulgore la gloria d’Israele, si compiranno le parole profetiche del Salmo: Ecco, quanto è buono e quanto è soave che i fratelli abitino insieme 82; poiché la comunità santa, superata ogni prova e ogni sua debolezza, attesterà con un solo cuore a tutti gli ordini delle creature e per sempre le grandi opere del Signore.

http://www.famigliedellavisitazione.it

Note

1 Cfr. Numbers, in Encyclopaedia Judaica, Jerusalem 1971, XII, 1249-1254, col. 1249: “Come gli altri libri del Pentateuco, il suo nome in ebraico, Be-Midbar, è preso dalla prima parola significativa nel libro (nell’uso popolare ci si riferisce al libro mediante la translitterazione Ba-Midbar).

2 Cfr. J.L. Ska, Introduzione alla lettura del Pentateuco, Bologna 2000, p. 48.

3 Nm 36, 13.

4 Cfr. Nm 26, 1 5 Cfr. Nm 29, 36.

6 Cfr. Nm 5, 2.

7 Cfr. Numeri…, p. 21, nota 12: “Il termine ‘edah ricorre frequentemente in Nm (80 volte), più del doppio dell’impiego totale dell’AT (145 volte circa) che lo usa pochissimo, al di fuori di testi tipicamente sacerdotali”. La rilevanza attribuita alla “comunità”, nella quale soltanto il singolo è veramente se stesso, viene costantemente affermata nella tradizione ebraica, che si oppone con vigore alla concezione individualistica della vita umana e della pratica religiosa. A tale riguardo il Talmud sentenzia: “L’uomo deve sempre unirsi alla comunità” (bBerakot 29b); e: “La preghiera dell’uomo è ascoltata soltanto in sinagoga” (bBerakot 6a). Sono perciò condivisibili le osservazioni proposte da L. Baeck, L’essenza dell’ebraismo (originale tedesco: 1905), Genova 1988, p. 180: “Possiamo fare questo bene (per Dio) solo e sempre mediante ciò che facciamo al prossimo, come dice un antico adagio talmudico; ‘Ama Dio negli uomini che egli ha creato” (Sifre su Dt 6, 5; Joma 86a). Nel prossimo la nostra libertà scopre la pienezza dei suoi compiti, il nostro dovere scopre con chiarezza il suo fine. (…) Nell’ebraismo non esiste quindi alcuna pietà senza il prossimo. La vita del solitario è giudicata qui come qualcosa di imperfetto, come una vita cui manca l’essenziale”. Si vedano al riguardo le fonti raccolte in A. Cohen, Il Talmud , Bari 1999 (prima ed.: Bari 1935), pp. 230ss.

8 Cfr. Nm 15, 41.

9 Si veda ad esempio Mekilta a Es 20, 2: “Perché le dieci parole non sono state proclamate all’inizio della Torah? Lo hanno spiegato con una parabola. A che si può paragonare? A un tale che assumendo il governo di una città domandò agli abitanti: Posso regnare su di voi? Ma essi risposero: Che cosa ci hai fatto di bene perché tu pretenda di regnare su di noi? (…) Così pure l’Onnipresente fece uscire Israele dall’Egitto, divise per loro il mare, fece scendere per loro la manna e salire l’acqua dal pozzo, portò loro in volo le quaglie e infine combatté per loro la guerra contro Amaleq. E quando domandò loro: Posso regnare su di voi?, essi gli risposero: Sì, sì!” (tr. It. in: Il dono della Torah: commento al decalogo di Es. 20 nella Mekilta di R. Ishmael, a cura di A. Mello, Roma 1982, p. 49).

10 Nm 16, 3.

11 Nm 1, 49.

12 Cfr. Nm 3.

13 Nm 3, 10.

14 Cfr. Nm 18, 1ss.

15 Cfr. Nm 16, 6ss.

16 Molto interessante è al riguardo il commento a Nm 7, 19, dove gli oggetti offerti al Signore da parte dei rappresentanti delle tribù divengono il simbolo dei vari atti della storia sacra. Il culto è davvero la ragion d’essere d’Israele.

17 Es 19, 6.

18 Si veda Il libro dei Numeri, a cura di G. Bernini, Roma 1972, pp. 10ss.: “Fondamentalmente ‘edah significa l’unione di più con ordinamenti corrispondenti all’indole e allo scopo per cui si è costituita l’unione. (…) Essendo la comunità di un esercito in marcia, prima di ogni altra cosa è messa in luce l’organizzazione militare della comunità; … c’è un identico contributo, conforme alla grandezza di ciascuna, delle dodici tribù. Come tutte ugualmente professano uguale riverenza e servizio nei confronti del culto e del suo personale (cfr. Nm 7)”. Afferma molto bene Kopciowki: “Il popolo ebraico deve trovare l’accordo tra i suoi membri, la sua completa unità, allo scopo di raggiungere il massimo dell’elevatezza spirituale. (…) Come era stato previsto da Giacobbe quando aveva radunato i suoi figli prima di impartire loro la sua benedizione, ogni tribù aveva caratteristiche peculiari diverse da quelle di tutte le altre, ma che si completavano a vicenda. Rimanendo unite esse costituivano la base perché il popolo, unito, potesse svolgere la propria attività in tutti i campi, perché potesse rispondere alle esigenze di ogni singolo, di ogni gruppo, di tutta la collettività” (Invito alla lettura della Torà…, pp. 183s.).

19 Cfr. Nm 20, 1.

20 Cfr. ib. e 33, 28.

21 Cfr. Nm 20, 26.

22 Cfr. G. Von Rad, Teologia dell’Antico Testamento. Vol. 1: Teologia delle tradizioni storiche d’Israele (originale tedesco: München 19624), Brescia 1972, p. 331: “E’ comune alle tre redazioni dell’Esateuco la posizione centrale che la figura di Mosè assume sempre, negli avvenimenti storici dall’esodo dall’Egitto fino al termine della peregrinazione nel deserto. Per quanto diversi nei particolari siano i modi d’intendere la funzione da lui scelta, dappertutto egli è il rappresentante d’Israele a cui il Signore si rivolge con la parola e con i fatti”.

23 Cfr. Nm 12, 3.

24 Nm 12, 8.

25 Cfr. Nm 11, 2.

26 Cfr. Nm 12, 13.

27 Cfr. Nm 14, 1ss.

28 Cfr. Nm 16, 4.

29 Cfr. Nm 21, 35.

30 Cfr. Nm 27, 15.

31 Cfr. Nm 31, 3.

32 Cfr. Nm 12, 1.4.

33 Cfr. Nm 11, 17; 27, 23.

34 Cfr. Nm 25, 6; 31, 21.

35 Cfr. ib.

36 Cfr. Nm 11.

37 Cfr. Nm 12.

38 Cfr. Nm 14.

39 Cfr. Nm 16.

40 Cfr. Nm 20.

41 Cfr. Nm 21, 4ss.

42 Cfr. Nm 25.

43 Cfr. Nm 11, 1.

44 Cfr. Nm 23, 9.

45 Cfr. Nm 19, 22.

46 Cfr. Nm 23, 21.

47 Cfr. Nm 21, 1.

48 Cfr. Nm 21, 21ss.

49 Cfr. Nm 31.

50 Cfr. Kopchiowski, Invito alla lettura della Torà…, p. 209: “La figura di Balaam è estremamente complessa e contraddittoria. (…) Nella letteratura midrashica la figura di Balaam compare ripetutamente e sempre nelle vesti di nemico giurato dei figli d’Israele, di Mosè in particolare. Fra l’altro sarebbe stato lui, insieme ad altri maghi, a suggerire al Faraone di gettare tutti i neonati ebrei maschi nel Nilo; e sarebbe stato ancora lui a suggerire al Faraone di mettere alla prova il piccolo Mosè con la scelta fra la corona del re e un carbone ardente, nella speranza di liberarsene”. Sulla figura di Balaam, che assume connotazioni demoniache anche nel NT (cfr. 2Pt 2, 15; Gd 10s.; Ap, 2, 14), si veda infine L. Ginzberg, The Legends of the Jews, Philadelphia 196813, III, pp. 354 pp.

51 Nm 22, 5.

52 Cfr. ib.

53 Cfr. Nm 22, 13.18.

54 Cfr. Nm 24, 2. Ciò corrisponde alla definizione della personalità di Balaam già fissata in mAbot V, 20: “Chi possiede queste tre qualità è fra i discepoli di Balaam il malvagio: (…) un occhio cattivo, uno spirito altezzoso, un desiderio smodato” (tr. It. in: Detti di rabbini: Pirqè avot con i loro commenti tradizionali, a cura di A. Mello, Magnano 1993, p. 177).

55 Cfr. Nm 22, 9.

56 Cfr. Cfr. Nm 22, 11.21; 24, 2.

57 Cfr. Nm 31, 8.16.

58 Cfr. Nm 22, 34; 23, 16.

59 Cfr. Nm 24, 6.

60 Cfr. Nm 24, 19.

61 Cfr. Nm 23, 4.

62 Nm 10, 34.

63 Cfr. Il canto del mare. Omelia pasquale sull’Esodo, a cura di U. Neri, Roma 1976, pp. 28s.

64 Cfr. Nm 33, 1.

65 Ciò corrisponde a una interpretazione rabbinica diffusa del significato della permanenza nel deserto; cfr.

Mekilta Es 13, 7: “Disse il Santo, benedetto egli sia: Se faccio entrare adesso Israele nella Terra, subito ciascuno si attaccherà al proprio campo o alla propria vigna, e non si occuperanno della Torah. Li farò dunque peregrinare nel deserto per quaranta anni, e mangeranno la manna e berranno dal pozzo, e la Torah impregnerà il loro corpo”. La stessa tradizione è attestata in Targum Ct 3, 5; tr. it. in: Il Cantico dei Cantici. Targum e antiche interpretazioni ebraiche, a cura di U. Neri, Roma 19872, pp. 114s.

66 Cfr. Nm 9, 18ss.

67 Nm 10, 5.

68 Cfr. Nm 2, 2.

69 Cfr. Nm 21, 5.

70 Nm 21, 16ss.; cfr. anche Nm 20, 2.17. Sulla diffusa tradizione del “pozzo” – attestata anche nel NT (cfr. 1Cor 10, 4) – numerose fonti rabbiniche sono riportate in H.L. Strack-P. Billerbeck, Kommentar zum Neuen Testament aus Talmud und Midrasch, 6 voll., München 1926-61, III, pp. 406s. In particolare, si veda mAbot V,7 e tSukkah III, 11s.

71 Cfr. Nm 21, 20.

72 Cfr. Nm 27, 1.

73 Cfr. ib.

74 Cfr. Nm 27, 4ss. Sulla questione delle eredità femminile, cfr. anche l’intero cap. 36.

75 Cfr. Nm 36, 11.

76 Cfr. Nm 28s.

77 Cfr. Nm 34, 2.

78 Cfr. Nm 34, 2.

79 Cfr. Nm 23, 24.

80 Cfr. Nm 34, 34.

81 Cfr. ib.

82 Sal 133, 1. Rashi interpreta in senso escatologico il versetto, con riferimento cioè al tempo in cui “il Santo, benedetto egli sia, sederà nella casa di elezione (=il Santuario) insieme con i figli d’Israele, che sono denominati fratelli e amici (Sal 122, 8), e sarà anch’egli insieme con loro” (tr. It. in: I salmi del pellegrinaggio, a cura di G. Lenzi, Roma 2000, p. 210).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 06/08/2017 da in ITALIANO, Lectio della Settimana, Liturgia, Settimanale con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.347 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

  • 135,031 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Gender Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: