COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Nel GENDER vince l’idea di Nietzsche

g

L’uomo (e la donna): una passione inutile? L’interrogativo che Jean Paul Sartre poneva nel suo esistenzialismo pessimista si ripropone oggi, drammatico, davanti all’incurante sciupio di vite umane quotidianamente sciorinato dai media. Nell’incalzare di drammi sempre più atroci, ciascuno di noi, i governanti nazionali e sovranazionali, i guardiani dell’economia europea e mondiale, i semplici cittadini, tutti noi, insomma, che apparteniamo al mondo occidentale, ci affanniamo cercando risposte per lo più vaghe e di scarsa efficacia. Ora il problema cui tutto è imputato è l’economia bloccata e stagnante, ora il fondamentalismo, ora la società multiculturale, ora la disoccupazione, ora lo svuotamento dei partiti e le mutazioni incontrollate della democrazia.

Cerchiamo sempre altrove. Il problema, invece, è del tutto evidente. Il dramma delle migrazioni di massa e della schiavitù che viene praticata apertamente, delle persecuzioni religiose e i massacri, le uccisioni e gli stupri perpetrati in nome di Dio, della miseria e della fame: la violenza sull’uomo ha raggiunto livelli di una ferocia sempre più insopportabile. In un mondo mai così capace di produrre ricchezza, l’accanimento sull’uomo sembra acuirsi in modo tanto incontrollato quanto puramente distruttivo.

Le teorizzazioni sui diritti umani, il più alto distillato della morale laica occidentale, sono ormai fragili mura di carta a difesa di princìpi che, sorprendentemente, non sono affatto universalmente condivisi, mentre il nostro mondo, progredito in ricchezza, conoscenze e libertà, è assediato da un rigurgito devastante di irrefrenabile primitivismo, dinnanzi al quale appare impotente.

La marea che incalza l’Occidente suscita però la drammatica domanda se quest’ultimo non condivida, nel modo sofisticato e complesso che gli è proprio, la medesima furia distruttrice nei confronti dell’essere umano. A ben vedere, infatti, sono molti i modi in cui questa si esercita anche nel mondo ipersviluppato e postindustriale, tanto che non è possibile affrontarli tutti. Ne esiste uno, tuttavia, che sconcerta per la propria ambigua incisività, e che si propone di scardinare in profondità il concetto stesso di “umano”. Mi riferisco all’orizzonte complesso delle varie filosofie della morte dell’uomo. Si potrebbe ritenere che il loro destino – per l’evidente irricevibilità da parte dei più – sia di non lasciare traccia, rimanendo una nota a margine nella storia del pensiero. Ma in realtà dobbiamo avere molto chiaro che non è affatto così. Si parla molto, per esempio, e non sempre in modo informato, di “teorie del gender”, senza avere coscienza della loro appartenenza, in vario grado, al filone delle filosofie della morte dell’uomo. Ed è precisamente da qui che occorre partire.

Parte del pensiero postmoderno, infatti, si propone di elaborare una riflessione che esca dalle griglie della filosofia del soggetto, cercando il superamento dello schema, tipicamente moderno, del razionalismo antropocentrico. In che modo? Tre punti sono fondamentali per comprendere questo orizzonte così importante e capire davvero i radicali mutamenti di costume che ci fronteggiano.

Il primo è che questa filosofia è una filosofia della differenza e del divenire, che discioglie cioè l’esistente in un processo di continuo mutamento e di completa “dissomiglianza”. Oltre a Nietzsche e parafrasandolo, la proposta è di collocarci dentro «l’eterno ritorno della disuguaglianza».

Il secondo punto immediatamente conseguente è quello di una de-naturalizzazione completa dell’esistente. Che cos’è ormai “natura” se non, appunto, il fluire nomade, continuo, impossibile da trattenere e dove ogni rappresentazione dell’uomo (e di ciò che, per lui, e in lui potrebbe essere considerato “naturale”) è rifiutata come arbitrariamente e violentemente normativa? Valga per tutte l’affermazione di Michel Foucault circa l’uomo, volto di sabbia che l’onda del mare si incarica ritmicamente di cancellare e le cui mobili immagini sono affidate di volta in volta all’azione dei discorsi che la storia, nel complesso reticolato di relazioni che la compongono, periodicamente coagula e impone come modello ondivago dell’“umano’”. In questo contesto, ogni richiamo a una “natura” dell’uomo è impossibile.

Il terzo punto di questo percorso, è elaborato da Judith Butler, la teorica di questa linea di pensiero più rappresentativa perché più radicale. Esso consiste nell’applicare il sistema di relazioni, produttrici di discorsi “performativi”, costitutivi cioè di identità variabili, alla corporeità. Ciò è possibile poiché, per Butler, non solo l’appartenenza al genere è un prodotto che la cultura impone all’individuo umano, ma perfino la corporeità è superficie completamente neutra determinata soltanto dal fluido condizionamento culturale. La caratteristica sessuata del corpo, per Butler, perciò, non è più portatrice di alcun senso, se non di quelli che le relazioni e i discorsi che le strutturano e che ne esprimono il potere “performativo” le forniscono di volta in volta.

La storia, per Butler, viene frantumata ancora più radicalmente di quanto avvenga in Foucault, divenendo storia continuamente diveniente dei corpi singoli, costruiti culturalmente nel modo che si è detto. Nello specifico, ciò vuol dire che essi sono capaci di assumere ogni connotazione sessuale che l’incessante fluire dei discorsi innervanti le relazioni imponga. Il quadro è di totale mobilità. Ne consegue che ogni valutazione morale legata all’esercizio della sessualità è da respingere come completamente destituita di fondamento, realizzando così definitivamente il proposito nietzschiano di liberare la vita dalla schiavitù di ogni morale pretestuosamente fondata in una supposta “natura”.

Il confronto dialogico tra questo contesto e chi si muove nel solco dell’antropologia cristiana e delle relazioni interumane e intersessuali che tradizionalmente le appartengono, e di cui eterosessualità e stabilità della famiglia sono i cardini fondamentali, è, evidentemente, estremamente arduo. Per impostarlo in modo costruttivo, è bene partire dalla comprensione che il rapido mutamento delle percezioni comuni intorno al matrimonio, all’esercizio della sessualità, alle relazioni interpersonali non è casuale ma è, piuttosto, ascrivibile a una precisa deriva del pensiero che, come tale, è possibile vagliare, criticare, superare. La precipitosa evoluzione del costume ha, insomma, un ben determinato “album di famiglia”.

Il grande sforzo del pensiero cristiano dovrebbe essere quello di rispondere in termini convincenti alla sfida che è mossa alla sua intelligenza da un pensiero antiumano in cui il soggetto appare privato di una dimensione che gli appartiene in modo essenziale: quella della libertà. Sottoposto alla performatività delle relazioni di sapere/potere, alla dialettica del riconoscimento, alla convocazione dell’altro/ i, all’azione costitutiva dei primi rapporti fondamentali tramite il senso di colpa, l’uomo diventa una passione inutile perché dissolta nel proprio sé originale e irripetibile. Al pensiero cristiano compete – in coerenza con il proprio lascito fondamentale – riproporre l’inesauribile ricchezza di ogni individuo umano nell’uguaglianza ontologica accomunante.

Gabriella Cotta

9 maggio 2015


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13/08/2017 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.347 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

  • 135,385 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Gender Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: