COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Assunzione della Beata Vergine Maria


Solennità dell’Assunzione della B.V. Maria.jpg

Dove approderà la nostra storia? Verso che cosa siamo incamminati? Quale destino ci attende? Mai come in questo tempo, domande simili affiorano con forza, ancor prima che sulle nostre labbra, nel nostro cuore. Viviamo giorni attraversati da paure, preoccupazioni, visioni fosche, quasi non riusciamo più a scorgere neppure una fiammella di quel senso che in altri frangenti ci è parso molto più chiaro ed evidente. Ci cogliamo in balia di un cieco destino, come se la nostra vicenda non stia a cuore a nessuno, neppure a Dio. Ci ritroviamo a corto di speranza. Tutto sembra sgretolarsi, nulla sembra reggere allo scontro con quel tarlo che dapprima silenziosamente, e poi sempre più inesorabilmente, mina ciò che con fatica ci sembrava di aver raggiunto. È impari la nostra lotta con quell’”enorme drago rosso” di cui ci narra l’Apocalisse. Nulla resiste alla sua minaccia: la fede, la vita, i legami, gli affetti, la sicurezza sociale, quella economica.

È proprio in una situazione come questa che il calendario di Dio, ancor prima di quello cronologico, ci chiede di celebrare la festa dell’Assunzione di Maria. Dio non cessa di donarci questo segno perché nessuno patisca lo smarrimento e la disperazione. Maria è per tutti noi il segno che vale la pena ingaggiare la lotta contro tutto ciò che minaccia la possibilità che il bene venga alla luce. L’umanità è da sempre gravida del bene ma questo, perché possa venire alla luce, è necessario che passi attraverso il travaglio dell’impegno e della responsabilità di ognuno. Esso non ha una gestazione naturale, ma conosce la terribile esperienza di una gravidanza a rischio.

Questa festa ci testimonia che la smentita di un momento non deve intaccare la certezza della buona riuscita di quell’impresa che è l’esistenza umana sulla terra. Abbiamo bisogno di rialzare lo sguardo, abbiamo bisogno di non perdere il senso del cammino e della meta che ci attende. “Noi non siamo come quegli altri che non hanno speranza” (1Ts 4,13). Certo, “chi spera, non incontra fiumi senza guado”.

Questa celebrazione ci ricorda che tutte le volte in cui scegliamo di stare dalla parte della vita, del bene, del dono di sé, proprio quando questa scelta non è affatto ovvia, anzi, addirittura minacciata, Dio continua a prepararci un rifugio, come attesta l’Apocalisse, che non significa essere esenti dall’esperienza della prova. Il rifugio che Dio prepara è la consapevolezza che nulla potrà mai separarci da lui. Non dimenticarlo: hai un rifugio nel suo cuore, tra le sue mani!

“Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada?… Ma in tutte queste cose noi siamo più che vincitori grazie a colui che ci ha amati” (Rm 8,35.37).

È questa consapevolezza che ci fa affrettare i nostri passi senza mai perdere la speranza: siamo infatti persuasi che la scelta del bene è seme di eternità e perciò mette le sue radici altrove, accanto a Dio. Non è forse su questo che la nostra vita sarà giudicata?

Che cosa, infatti, è degno di stare accanto a Dio per sempre? Un’esistenza declinata secondo lo stile della disponibilità, del prendersi cura, del non sospetto, del fare il primo passo, della condivisione, della gratuità, del rispetto, della sincerità. È seme di morte, invece, e di morte per sempre, tutto ciò che è declinato secondo lo stile della maldicenza, dell’invidia, della gelosia, dell’odio, del rancore, del sopruso, del calcolo, dell’accaparramento, della violenza.

Scegliere il bene, comunque. A questo ci esorta Santa Maria Assunta, a imparare a vincere resistenze e paure, ad apprendere la capacità di affidarsi alla parola di Dio, a riconoscere che Dio è ancora all’opera anche in questo frangente storico.

Le parole che Maria riceve, sono parole che la mettono in cammino: alzatasi Maria raggiunse in fretta… Maria non rimane chiusa a contemplare in modo privato il dono della maternità che porta in grembo, ma è proiettata sui sentieri della premura e della disponibilità. Quando questo accade la vita danza, si rimette in moto. La fede non è mai un fatto privato…

Quanto vorremmo avere in questo momento il suo sguardo! Di lei che contempla le cose come le guarda Dio. Dio sovverte, attesta Maria. Il Messia viene da dove non ce lo si aspetterebbe. Il cielo non è chiuso, anche se nubi di violenza e di morte vorrebbero convincerci che così non è. C’è un’altra storia che Dio scrive attraverso uomini e donne docili alla sua Parola, che ancora credono che le sue parole possono compiersi, in loro anzitutto. Ti fidi?

La fede non ci risparmierà l’esperienza della conflittualità ma ci restituisce la consapevolezza che nella fine è l’inizio.

Antonio Savone
https://acasadicornelio.wordpress.com



Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.563 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug   Set »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

  • 181,511 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cibo Cina Contemplazione Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dialogo Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Madonna Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria Noël P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: