COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Campagna per il Pakistan. «Salario minimo e orario di lavoro» per i nuovi schiavi

Campagna per il Pakistan

2,2 milioni i lavoratori senza tutele nelle fornaci di mattoni, quelli che più di altri simboleggiano arretratezza, disumanità di impiego e costrizione solo nella provincia del Punjab

È una doppia, terribile, discriminazione. Che colpisce le minoranze religiose – cristiana e indù – e le fasce più povere della popolazione pachistana. Arrivando a coinvolgere un “esercito” di 2,3 milioni di persone. Sono gli “schiavi per debito”. Il meccanismo – che li condanna ad abusi, vessazioni, maltrattamenti, a un’intera esistenza alla mercé di padroni spesso senza scrupoli – è inesorabile. Si inizia con un prestito o un anticipo da parte dei datori di lavoro. Restituirlo richiede in media due anni, durante i quali si è ridotti in una condizione servile. Senza diritti, senza certezze, senza paga, costretti a turni di lavoro massacranti, in abitazioni spesso fatiscenti. In molti casi, il lavoratore non ce la fa, non riesce a ripagare il debito contratto. Inizia, così, un calvario che spesso si conclude soltanto con la morte. “Nessuno sia più schiavo” è la campagna che Avvenire lancia, assieme a Focsiv e Iscos, per combattere il fenomeno degli “schiavi a debito”. Un impegno che si fonda su una certezza: le catene della schiavitù, in qualsiasi forma vengano mascherate, non sono più tollerabili. Possono e devono essere spezzate.

Il lavoro senza regole e senza tutele è tutt’altro che retaggio del passato in Pakistan, soprattutto tra gli strati più poveri della popolazione che includono le minoranze indù e cristiana. Ad aggravarlo il fatto che vincoli che nascono da un debito concesso con clausole-capestro lo trasformano spesso in vera schiavitù. Soffocante al punto tale da coinvolgere insieme agli adulti anche i loro figli.

Nella sola provincia del Punjab, la più popolosa di un Paese che sta per arrivare ai 200 milioni di abitanti, la Commissione Giustizia e Pace della Conferenza dei Superiori maggiori del Pakistan calcola in 2,2 milioni i lavoratori nelle fornaci di mattoni, quelli che più di altri simboleggiano arretratezza, disumanità di impiego e costrizione. Di questi, il 40 per cento sono cristiani. Una percentuale giustificata dalla concentrazione di battezzati nel Punjab, la più popolosa delle quattro province del Paese. «Gli indù sono schiavizzati soprattutto nel settore agricolo nella provincia meridionale del Sindh, mentre i cristiani lo sono nel Punjab», conferma Hyacinth Peter che della Commissione è segretario esecutivo.

Una prevaricazione, dunque, che riguarda soprattutto le minoranze religiose in un Paese islamico per Costituzione. Com’è motivata?

In questo caso, si tratta, più che di una reale volontà di coercizione sulle minoranze religiose, dello sfruttamento di gruppi sfavoriti che sono tradizionalmente perlopiù concentrati tra le comunità religiose minoritarie – ricorda Peter –. I cristiani, ad esempio, non riescono a avere accesso a posti di lavoro pubblico a causa della corruzione e del sistema di raccomandazione che di fatto regola l’assunzione. Di conseguenza, sono anch’essi costretti a cercare lavoro nelle fabbriche di mattoni o nell’agricoltura, ponendosi così alla dipendenza di datori di lavoro con immenso potere su di loro e che sanno che non potranno mai alzare la voce per chiedere diritti ad altri garantiti.

Stiamo però parlando di una pratica che, sebbene fuorilegge è ancora diffusa, nonostante un impegno sempre più vivo della società civile e una pressione internazionale crescente. Come è possibile contrastarla con efficacia?

Occorre partire dal presupposto che la pratica del lavoro coatto (anche se sovente equivalente a schiavitù) è radicata nella tradizione e gestita da mediatori (‘jamadar’) che riforniscono i datori di lavoro di manodopera a basso costo. La società civile – sottolinea Hyacinth Peter – è impegnata a diffondere il più possibile informazioni che da un lato creino una coscienza nuova del fenomeno e dall’altro lo ostacolino nel suo sviluppo. Un impegno che, in molti casi, ha portato a buoni risultati dove i datori di lavoro-padroni sono stati costretti a riconoscere per i lavoratori il diritto a un salario minimo, assistenza medica, garanzie di orari e ambienti adeguati. Diversi individui e intere famiglia sono stati «liberati» per intervento della magistratura. Addirittura in alcuni distretti il governo ha avviato corsi informali per educare i figli dei lavoratori-schiavi. Tuttavia, molto resta da fare e gli abusi sono intollerabili.

Le minoranze religiose appartengono ai gruppi meno favoriti perché non hanno la possibilità di studi adeguati e anche quando vi riescono non hanno abitualmente la possibilità di far sentire la propria voce a livello politico, come pure di superare con conoscenze opportune o adeguati mezzi finanziari le barriere che impediscono l’accesso a impieghi meglio retribuiti… Questo esclude una discriminazione basata sulla religione?

No, ovviamente la miseria delle minoranze ha anche radici in una loro cittadinanza spesso percepita come di serie B. In diversi casi, abbiamo visto che le domande di lavoro di nostri correligionari sono state respinte a causa del nome che li identifica come cristiani. Io stesso – segnala l’attivista cristiano – sono stato vittima di questo sistema discriminatorio, quando la mia richiesta di accedere al servizio antidroga nazionale come consulente è stata respinta dal ministro allora responsabile. Eppure ero il primo in graduatoria.

Stefano Vecchia Avvenire giovedì 17 agosto 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/08/2017 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO.

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.373 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug   Set »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

  • 150,968 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Adviento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: