COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

India. Il massacro di 90 cristiani in Orissa, nove anni dopo non c’è ancora giustizia

Nell’agosto del 2008 l’inizio della persecuzione da parte degli estremisti indù: novanta le vittime cattoliche, oltre 600 i villaggi devastati, almeno 6.500 le famiglie attaccate

India. Il massacro di 90 cristiani in Orissa, nove anni dopo non c'è ancora giustizia.jpg

Nell’agosto del 2008 ben 600 villaggi del Kandhamal vennero devastati dai fondamentalisti indù (Epa)

Ancora il 5 febbraio scorso, il cardinale Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai e presidente della Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia, si è espresso a favore del riconoscimento del martirio per i cattolici uccisi in Kandhamal. Libri, film, convegni e conferenze continuano a perpetuarne la memoria, ma perdura anche l’incertezza e l’ingiustizia che riguarda chi ha vissuto quei giorni terribili ed è sopravvissuto. Nell’agosto 2008, a partire dal 25, l’India sperimentò le peggiori violenze anticristiane della sua storia repubblicana, ma a distanza di tempo, nel Paese molti restano convinti che alla base di quegli eventi ci sia l’impegno proselitista dei cristiani.

Sicuramente il risultato di una scarsa conoscenza della storia di regioni che restano ai margini della storiografia ufficiale e degli interessi dei mass media, ma anche della propaganda nazionalista e filo-induista che si è andata ispessendo negli ultimi anni. Il Kandhamal, distretto dello Stato orientale di Orissa, è abitato da gruppi aborigeni e tribali tra i quali hanno fatto breccia il messaggio evangelico di condivisione e di uguaglianza. Sollevando il sospetto e l’ostilità di leader religiosi indù e, sempre più, l’aggressività di gruppi e individui che esprimono interessi di potere o economici sulla popolazione e sulle risorse del territorio, quelle forestali e minerarie in particolare. Inutile la ripetuta ammissione dei guerriglieri naxaliti (maoisti) che siano stati loro a uccidere il 23 agosto 2008 Laxmanananda Saraswati, uomo di punta del radicalismo induista e dei suoi interessi nella regione, scagionando così i cristiani dei sospetti diffusi immediatamente a piene mani dai seguaci di Saraswati. La persecuzione durò pochi giorni ma la devastazione in termini concreti e di sospetti perdura tutt’oggi.

Furono oltre 600 i villaggi interessati, almeno 6.500 le famiglie attaccate e le loro abitazioni devastate; in 55mila dovettero abbandonare i luoghi di residenza; furono distrutti forse 400 chiese e luoghi di culto, ma non vennero risparmiati istituzioni scolastiche, lebbrosari, sanatori, sedi di organizzazioni di impegno sociale. In almeno 2.000 furono costretti a abiurare la propria fede cristiana. I morti furono una novantina, ma il dolore non è solo per la loro memoria, ma anche per l’incapacità dei sopravvissuti a avere giustizia. «Nel 2008, il Kandhamal ha sperimentato una persecuzione che è una vergogna per la nostra democrazia. Io ho cercato di creare maggiore consapevolezza riguardo i sopravvissuti», ricorda K.P. Sasi, regista indiano il cui documentario “Voices from the Ruins” (Voci dalle rovine) contribuisce a mantenere attiva la coscienza sugli eventi dell’agosto 2008 ma ancor più sulle loro ragioni.

«Perché – ed è lo stesso Sasi a sottolinearlo – molti che hanno perduto le proprie case durante le violenze vivono tempi difficili». Come testimonia la vicenda dei Pradhan, tre famiglie consanguinee tra la quarantina che abitano l’area sottoposta al giudizio del panchayat (consiglio degli anziani) di Brainguda, le sole battezzate dopo la conversione di oltre un secolo fa. Costretti alla fuga, sono successivamente rientrati per ritrovarsi esclusi da ogni attività, uso di terre e risorse comuni, Impossibilitati persino a recarsi nella foresta per raccogliere quanto loro necessario. Il “perdono”, hanno deciso i capi-villaggio, andrebbe pagato con un’ammenda di 1.000 rupie (poco più di 13 euro), un gesto simbolico che equivarrebbe però a un’ammissione di colpa e insieme all’accettazione di subordinazione verso la maggioranza induista.

Stefano Vecchia, Bangkok
Avvenire, venerdì 25 agosto 2017


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25/08/2017 da in Attualità sociale, Cristiani perseguitati, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.676 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug   Set »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

  • 201,223 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

1-2 Samuele Africa Afrique Ambiente Amore Ano B Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cibo Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Mission Missione Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Regola di Vita Rifugiati Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: