COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Il Papa in Myanmar e Bangladesh dal 27 novembre al 2 dicembre

BB

Visiterà le città di Yangon, Nay Pyi Taw e Dhaka

«Amore e pace», per il Myanmar. «Armonia e pace» per il Bangladesh. La scelta dei motti, molto simili tra loro, indica il filo rosso che unisce le due tappe del viaggio che vedrà il Papa nel Sud-Est asiatico dal 27 novembre al 2 dicembre prossimi. Un itinerario, come si capisce, che chiama in causa la riconciliazione e la fraternità, nel segno del dialogo. Ieri mattina nell’annunciare che Francesco aveva accolto l’invito dei rispettivi vescovi e capi di Stato, il direttore della Sala Stampa vaticana Greg Burke ha annunciato il doppio respiro della visita. Il Papa sarà in Myanmar dal 27 al 30 novembre, per la precisione nella capitale Yangon e a Nay Pyi Taw, per poi spostarsi a Dacca nel Bangladesh dove resterà fino al 2 dicembre, quando farà ritorno in Vaticano.

«Il Papa compie il viaggio in Myanmar come messaggero di pace, per sostenere i cristiani e lanciare un appello universale di riconciliazione – ha sottolineato in un’intervista a Radio Vaticana don Dario Paviša, segretario della nunziatura apostolica in Myanmar. «Viene come un pastore che visita il suo gregge» ha spiegato il presidente della Conferenza episcopale, il vescovo Felix Lian Khen Thang aggiungendo che nel Paese sono presenti molte tradizioni religiose, il buddismo, l’induismo, l’islam, il cristianesimo. Se si vuole che lavorino insieme nella comprensione e nel rispetto reciproco, deve essere ricercata la pace».

Quella di Bergoglio sarà la prima visita di un Papa in Myanmar. «Una novità – ha precisato don Paviša – non solo per la Chiesa cattolica, ma anche per il governo e tutto il popolo, che ha tanto bisogno di “pace e di amore”. Anche i vescovi, durante l’annuncio ufficiale, hanno pubblicato un messaggio, indirizzato non solo ai cattolici ma anche a tutta la società e al popolo birmano, nel quale hanno affermato che il Papa verrà come messaggero di pace, per incoraggiare i cristiani, ma anche per cercare di dare un messaggio universale per la riconciliazione tra i diversi gruppi etnici».

Proprio il tema della vicinanza alle minoranze religiose sarà una fondamentale chiave di lettura della visita. In Myanmar infatti su 50 milioni di abitanti, i cattolici sono circa 600mila (poco più dell’1%), in Bangladesh, su una popolazione di 160 milioni di persone, sono meno di 400mila (circa lo 0,3%). In entrambi i Paesi tuttavia, malgrado il numero esiguo, la comunità cattolica sta dando un contributo decisivo allo sviluppo, contribuendo anche al difficile cammino di riconciliazione. E questo malgrado la criminale arroganza terroristica nella realtà pachistana e le guerriglie interetniche nell’ex Birmania. «La popolazione è già pronta – ha detto ad AsiaNews il cardinale Patrick D’Rozario, arcivescovo di Dacca, la capitale –. Attendevamo da tempo la notizia. Papa Francesco sarà accolto da tutti, non solo dai cristiani, ma anche dai musulmani e dagli indù. Questo perché il Bangladesh possiede un’enorme ricchezza culturale e la nostra presenza, in quanto cattolici, è accettata da tutti».

Sul tema della difesa delle minoranze religiose la voce del Papa è risuonata anche domenica scorsa, all’Angelus, con un forte appello a fermare le persecuzioni contro i «nostri fratelli rohingya». «Vorrei esprimere tutta la mia vicinanza – ha detto il Pontefice –. E tutti noi – ha aggiunto invitando alla preghiera – chiediamo al Signore di salvarli e suscitare uomini e donne di buona volontà in loro aiuto, che diano loro i pieni diritti». Come noto quella dei Rohingya (lo spieghiamo in questa stessa pagina) è un minoranza di religione islamica, presente soprattutto in Myanmar ma anche in Bangladesh. Arabia Saudita e in misura più ridotta in Pakistan, Thailandia e Malaysia.

Pochi dubbi sul fatto che il Papa tornerà sulla loro condizione durante la visita di fine anno. A questo proposito, come già detto Francesco sarà il primo Papa a recarsi in Myanmar. Sarà invece la terza volta di un Pontefice in Bangladesh, dopo Paolo VI nel 1970 e Giovanni Paolo II nel 1986. Visita, quest’ultima, durante la quale Wojtyla incontrò una delegazione della Chiesa birmana.

Riccardo Maccioni
Avvenire martedì 29 agosto 2017


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/08/2017 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.359 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug   Set »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

  • 138,988 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: