COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

XXIII domenica del Tempo ordinario (A) Lectio

Lectio del vangelo della Domenica
XXIII DOMENICA – TEMPO ORDINARIO – Anno A
Matteo 18, 15-20

XXIII DomenicaCon il capitolo 18 ha avuto inizio il quarto dei cinque discorsi di Gesù che cadenzano il Vangelo di Matteo. Dopo:
Il discorso della montagna Mt 5,1ss.-7,88;
Il discorso missionario Mt 9, 36- 11,1;
Il discorso parabolico Mt 13, 1-53;
comincia Il discorso comunitario Mt 18,1- 19,1;
con il quale l’evangelista affronta il problema /valore della comunità. Al versetto 14 c’è stato il richiamo alla volontà del Padre che non vuole che si perda neanche: “uno solo di questi piccoli”. Una delle situazioni che fanno cadere i piccoli è l’esistenza di insanabili dissidi all’interno della comunità, per questo Gesù passa dai piccoli ai fratelli, indicando che sono entrambi i componenti della comunità, e parla dell’assoluta necessità di sanare i conflitti.

15 «Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello;

L’insegnamento sull’importanza di conservare salda l’unione fra i componenti della comunità deve essere compreso alla luce di quanto esposto prima: mentre coloro che si allontanano (si smarriscono) dalla comunità vanno cercati e ricuperati, ugualmente quanti, rimanendo nella comunità sono causa di discordia, vanno avvicinati e guadagnati alla fraternità. Compito del discepolo è quello di avvicinare non di isolare l’altro.
Gesù, richiamandosi e ampliando quanto prescritto nel libro del Levitico: “non coverai nel tuo cuore odio contro il tuo fratello; correggi apertamente il tuo prossimo così non ti caricherai di un altro peccato per lui. Non ti vendicherai e non serberai rancore contro i figli del tuo popolo, ma amerai il tuo prossimo come te stesso” (Lv 19,17-18), espone il caso di un fratello, quindi di un componente della comunità, che si è comportato male.
Il verbo utilizzato dall’evangelista (hamartḗsē da hamartánō = devio, prendo una direzione sbagliata), lo troviamo solo tre volte in Mt 18,15.21; 27,4 e ha il significato di deviazione, direzione sbagliata.
Compito della persona offesa è quello di dimostrare al fratello l’errore compiuto per convincerlo, in forma privata, del suo comportamento sbagliato (non di ammonirlo): il verbo usato dall’evangelista è lo stesso che Gesù applica a se stesso in Gv 8,46: “chi di voi può convincermi di peccato/chi di voi può dimostrare che ho peccato?”. Il comportamento sbagliato di uno dei componenti della comunità (fratello) non è da intendere in senso generico ma concerne un membro del gruppo, altrimenti il riguardo iniziale di avvicinare l’altro in privato sarebbe fuori posto.
Può sembrare alquanto strano che Gesù non inviti l’offensore a chiedere il perdono alla persona offesa, ma, al contrario, che debba essere la parte lesa a compiere il primo passo in vista della riconciliazione (Mt 5,23-24), ma è solo in questo modo che è possibile “guadagnare il fratello”. Gesù invita il credente ad assumere lo stesso atteggiamento del Padre che concede il perdono prima che questo venga richiesto. Per questo Gesù non dice mai di chiedere perdono a Dio ma sempre di concederlo all’altro. Il discepolo che ha ricevuto un’offesa non deve rimanere chiuso in se stesso ma imitando il pastore che va in cerca della pecora smarrita, deve anche lui andare incontro al fratello che ha sbagliato. Risalta la ripetizione della particella se ogni volta che si introduce una condizione (Mt 18,15.16.17.18.19).

16 se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni.

Se il primo tentativo di riavvicinare il fratello è senza risultato, poiché manca la disponibilità nell’altro ad ascoltare, nel senso che non vuole riconoscere il torto fatto, allora bisogna cercare l’aiuto di una o due persone della comunità. Gesù si rifà all’ordinamento del Deuteronomio dove è prescritto che “un solo testimone non avrà valore contro alcuno, per qualsiasi colpa e per qualsiasi peccato; qualunque peccato questi abbia commesso il fatto dovrà essere stabilito sulla parola di due o tre testimoni” (Dt 19,15). Non si tratta di fare un processo al fratello che ha commesso una mancanza grave, ma di prendere sul serio l’impegno che ogni componente della comunità deve avere nel rendere salda la concordia all’interno del gruppo. L’una o due persone a cui ricorrere non sono dei semplici testimoni, come testi di accusa da presentare davanti a un tribunale, ma quei membri della comunità più adatti a convincere l’altro del suo sbaglio.

17 Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano.

Il termine greco tradotto con comunità l’abbiamo già incontrato in Mt 16 [chiesa]) intesa come assemblea dei credenti. Il conflitto tra i componenti deve essere portato a conoscenza di tutta la comunità soltanto dopo che siano stati esauriti tutti i tentativi di soluzione, da quello individuale a quello con i testimoni.
Chi si ritiene fratello (v. 15) ma rifiuta di comportarsi come tale impedendo il ricomporsi del dissidio, va considerato come il pagano e il pubblicano. Ciò non significa che viene escluso dall’amore della comunità, ma che questo amore sarà a senso unico da parte di chi ha ricevuto l’offesa. Il testo pone l’accento di nuovo sull’individualità: “sia per te …” non viene tirata in ballo la comunità ma solo colui che è stato offeso, il quale deve continuare ad amare l’altro senza attendersi di ricevere nulla.
Quando l’altra parte resiste all’amore questo non potrà più essere vicendevole, e il colpevole va amato come si amano i nemici e si prega per i persecutori (Mt 5,44), come Gesù che non esclude né peccatori né pubblicani dal suo amore, ma mangia con essi (Mt 9,10-11) per essere come il Padre che “fa sorgere il suo sole sui cattivi e suoi buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti” (Mt 5,45). Questo insegnamento conferma quanto già espresso nelle parabole della zizzania (Mt 13,37-38) e della rete (Mt 13,48-49).

18 In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo.

A Cesarea di Filippo, quando Simon Pietro aveva riconosciuto Gesù come il Cristo/Messia, il Figlio del Dio vivente (Mt 16,16) Gesù gli aveva detto: “Ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli” (Mt 16,19). Ora Gesù estende a tutti i discepoli quanto aveva prima attribuito ad un unico discepolo. L’espressione presa dal linguaggio rabbinico ha il significato di insegnare dichiarando vera o no una dottrina, ma in questo contesto, dove si parla di rapporti comunitari, ha il significato di concessione o meno del perdono: il fratello che non perdona lega l’amore e il perdono di Dio verso di lui. Colui che perdona scioglie questo amore, come verrà formulato nel v. 35, conclusivo di questo capitolo.

19 In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. 20 Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

Questo insegnamento non è sulla fiducia nella preghiera che Gesù ha già chiaramente illustrato (Mt 6,5-8), ma sulla necessità dell’accordo comunitario, condizione antecedente la preghiera, per sperimentare la presenza del Signore. Per questo l’insegnamento viene collocato dopo l’assoluta esigenza del superamento dei conflitti comunitari.
I due o tre personaggi riuniti nel nome di Gesù, richiamano l’una o due persone (v.16) chiamate in causa per risolvere il dissidio. La loro funzione di costruttori di pace (Mt 5,9) rende manifesta la presenza del Signore. Il verbo si metteranno d’accordo traduce il greco siumfōnésōsin da cui la parola sinfonia. L’accordo o sinfonia alla quale Gesù rimanda non consiste nell’appiattimento delle varie personalità ma, come in una sinfonia, ogni strumento è invitato a suonare la stessa melodia pur conservando la sua indispensabile peculiarità. L’unità alla quale i componenti della comunità di Gesù sono chiamati non è quella di pensare tutti nello stesso modo, bensì di vivere tutti nella pratica dello stesso amore. Nel Talmud si afferma che: “se due si riuniscono per studiare le parole della Torah, la Shekina (Gloria di Dio) è in mezzo a loro” (Pirqe Abot 3,3). Gesù si sostituisce alla Legge e la sua presenza manifesta la Gloria di Dio. Al centro del Padre Nostro c’era la richiesta di avere Gesù come pane di vita – quotidiano – (Mt 6,11). Al centro della comunità cristiana non c’è più la Legge, per quanto divina, ma Gesù, l’Uomo-Dio. Va sottolineata la piccolezza del numero: la presenza di Gesù è assicurata da due o tre persone. Lo stesso non viene detto per le folle. L’evangelista ha iniziato il suo vangelo con l’espressione “Dio con noi” riferita a Gesù (Mt 1,23) e termina con l’assicurazione di Gesù: “io sono con voi tutti i giorni, sino al compimento di questo tempo” (Mt 28,20: traduz. lett.). Al centro del vangelo Matteo colloca l’identica assicurazione: Gesù è il Dio in mezzo ai suoi che cammina con la sua comunità, portando a compimento la promessa di Lv 26,11-12: “Stabilirò la mia dimora in mezzo a voi e non vi respingerò. Camminerò in mezzo a voi, sarò vostro Dio e voi sarete il mio popolo” (cfr. Es 34,9; Gl 2,27). La presenza del Signore in mezzo alla comunità non riguarda più una promessa al futuro ma è una realtà presente che tutti possono sperimentare quando si vive in concordia: “Dove due o tre sono riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro” non già lì sarò…; appena si realizza la sinfonia ecco che si trova anche Lui presente in mezzo a loro (cfr. Origene, Comm. Mat. XIV,413).

Riflessioni…

  • Regole evangeliche di vita comunitaria. Regole a senso unico; regole contro senso; regole insensate. Per una Comunità singolare, ove i membri sono costituiti e sono denominati fratelli da un Padre comune; nata con un primo Figlio/Fratello; che ha per regola fondante l’Amore, ed eventualmente il Per-dono.
  • Anche la Comunità è nata nel per-dono, e, come dono, ha avuto in pegno e caparra il Figlio del Dio vivente. Da qui le dinamiche delle regole singolari, persino insensate per alcuni che pensano solo da potenti e da forti dominatori, quasi da super-uomini. Quanta la debolezza, invece, di queste regole di vita, ma ricche d’amore!
  • Se…se…: condizioni/situazioni di ipotesi piena. Ove ogni se… rappresenta una possibilità: situazioni per esprimere amore, per dare senso all’esistenza, per sciogliere perbenismi e buon senso e sperimentare le unicità e singolarità di un amore che si dà per dono. E se ancora il fratello sbaglia…, allora donerai ancora perdono.
  • Queste le regole divine, mentre l’uomo ha inventato quelle dei codici, quelle dei galatei, del senso comune…, dell’utile e della convenienza. A norme infrante, a colpe e responsabilità tra relazioni, vengono proposti stili di vita ostili, di rotture e disunioni, di rigetto e disistima, di prevaricazioni e di rifiuto. Mentre, qui, in questa Comunità, emergono proposte d’amore per dono.
  • In questi contesti, va’ per prendere iniziative, al di là di sensi comuni, di presunzioni di infallibilità, risalendo la corrente della scontata condanna, del rifiuto, o di regole inventate da farisaiche convinzioni di primogenitura, di onorabilità, di dignità o di gradi e titolarità eccellenti. Va’ e… convinci nella Verità, che potrebbe bastare per scuotere coscienze, per far rinsavire e tornare ad amare. E in ogni modo, fino allo spasimo, tenta di riguadagnarti un amore fraterno, coltivando amore senza riserve. Come fece e fa il Padre comune che dona a tutti per-doni.
  • Resta pertanto la propria responsabilità di inaridire amori, di rifondare ostacoli alla circolarità di amore gratuito di Dio, per tutti, anche per chi si dichiara stanco di offrire perdoni o si chiude a possibilità di rivivere occasioni di vita perdonata.
  • Questa la regola di una Comunità fatta di persone che si incontrano e si comprendono, che sbagliano ma si esercitano a regalarsi occasioni di amore; fatta di persone che si impegnano a creare comunione d’intenti, che vivono tra condivisioni di vita. E Dio si accomuna e si accompagna, ricordando stili di generosità senza limiti, giuramenti costanti di fedeltà, cuori e pensieri di ri-accoglienza per ricostruire legami di pace.

http://www.ilfilo.org/vangelodelladomenica.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/09/2017 da in Anno A, ITALIANO, Lectio della Domenica, Liturgia, Tempo ordinario.

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.361 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

  • 143,065 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: