COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Quasi 300mila i Rohingya fuggiti in Bangladesh

Il disastro umanitario provocato dalle ultime due settimane di scontri nello Stato birmano di Rakhine al confine con il Bangladesh. L’urgenza di offrire a questo popolo in fuga uno status garantito internazionalmente

Quasi 300mila i Rohingya fuggiti in Bangladesh.jpg

Sfiorano ormai quota 300mila i Rohingya in fuga dalle violenze che dal 25 agosto sono riprese nelle aree confinarie dello Stato occidentale birmano di Rakhine. La stima è delle Nazioni unite e si basa su una proiezione che tiene conto della situazione in evoluzione drammatica, nonostante gli appelli internazionali e l’impegno – finora perlopiù disatteso e inframmezzato da accuse agli stessi Rohingya di essere artefici delle tensioni in corso – della Premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, per ruolo e per prestigio riferimento del governo birmano.

Gli ultimi dati forniti dai funzionari dell’Onu nell’area di Cox’s Bazar al di là del confine bengalese, parlano di 294 mila ingressi nelle ultime due settimane scandite dalle violenze nello Stato di Rakhine. Per Dipayan Bhattacharyya, portavoce del Programma alimentare mondiale nel Paese, i Rohingya costretti alla fuga dai combattimenti e dai rastrellamenti “arrivano denutriti, tagliati fuori dal normale afflusso di cibo anche da oltre un mese”. Di conseguenza, “sono visibilmente affamati e traumatizzati”.

Una nuova crisi umanitaria, che si innesca su quella dello scorso autunno e ancora prima sulla recrudescenza di una persecuzione che ha portato nel tempo a una diaspora di 300-400mila Rohingya, di fede musulmana come la maggioranza dei bengalesi, a trovare rifugio oltreconfine, vivendo in condizioni difficili e a volte disperate in estesi campi profughi senza possibilità di integrazione e dipendenti dall’aiuto internazionale. Sicuramente, il Bangladesh dispone di pochi margini per potere sostenere ulteriori arrivi e, nonostante le agenzie coinvolte nell’assistenza siano allo stremo, acqua potabile, cibo e servizi sanitari sono inadeguati.

Lo stesso segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, in una lettera recapitata al Consiglio di sicurezza ha sottolineato la preoccupazione che la violenza possa presto sfociare in una “catastrofe umanitaria”. Mancano al momento 13,3 milioni di dollari indicati dal Programma alimentare mondiale come necessari nell’emergenza per quattro mesi e per questo anche Bhattacharyya ha lanciato un appello ai donatori per evitare che i profughi arrivino a “combattere tra loro per il cibo, che crescano criminalità, violenza contro le donne e i bambini”.

Che dopo decenni di tensioni ai confini e di presssioni internazionali la situazione dei Rohingya alimenti ancora controversie più che cooperazione tra i governi bengalese e birmano, è significativo. I rapporti tra Dacca e Naypyitaw sono episodici, non hanno una continuità e soprattutto una coerenza, Nel 1998 lo tsunami di 300mila Rohingya in fuga travolse i confini bengalesi ma venne presto regolato e i fuggiaschi censiti. Questo favorì un parziale rientro in Myanmar; il governo di Naypyitaw pretende che i Rohingya siano in realtà immigrati dall’odierno Bagladesh e per questo non meritevoli del riconoscimento di cittadinanza. In buona sostanza, per i bengalesi i profughi in arrivo sono sicuramente Rohingya, confratelli di fede in fuga ma non compatrioti, mentre per i birmani sono estranei, oltre tutto impegnati a coltivare istanze jihadiste e rivendicazioni mentre procreano a un ritmo superiore a quello dei birmani buddhisti minacciando l’identità nazionale. Per questo sono ignorate la richieste a Dacca di registrare chi arriva garantendo lo stato di rifugiato sotto supervisione internazionale che aprirebbe la strada a un rimpatrio ora precluso.

In secondo luogo, una regolarizzazione nella condizione di rifugiato impedirebbe il reclutamento dei giovani, in mancanza di prospettive, nella militanza armata e garantirebbe loro protezione contro la reazione dei militari birmani.

Infine, rilevano gli osservatori – occorre un maggiore impegno delle diplomazie. La condizione dei Rohingya e i loro impatto sul Bangladesh sono perlopiù ignorati, all’interno ma ancor più all’estero. Una politica coerente del governo locale dovrebbe quindi andare di pare passo con un sostegno internazionale al di là delle emergenze.

L’idea più volte prospettata nel tempo dalle autorità bengalesi e ripresa anche negli ultimi giorni, della ricollocazione dei fuggiaschi di etnia rhoingya sull’isola di Thengar Char, nel Golfo del Bengala, è non solo di difficile realizzazione per le condizioni ambientali e la distanza dalle sedi attuali, ma fortemente condannata dalle organizzazioni internazionali che temono per i Roghingya – già ora per metà fuori dal territorio birmano – una soluzione basata dall’espulsione totale dal Myanmar come alternativa al genocidio oppure la segregazione.

Stefano Vecchia
11.9.17
http://www.mondoemissione.it


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12/09/2017 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.373 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago   Nov »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

  • 150,968 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Adviento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: