COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Veli che si alzano

Jesus – Rubrica La bisaccia del mendicante – Novembre 2017
di ENZO BIANCHI

1.jpg

Robert Rauschenberg, La cavalcata delle cariatidi, 1985
Viviamo un tempo di “apocalissi”. Lo ripeto sovente perché vedo veli che si alzano (questo il significato di «apocalisse») su realtà coperte da nebbia, non evidenti e a volte anche non gradite.
Così oggi ci accorgiamo molto più di ieri dell’ipocrisia religiosa dominante, di quell’abitudine propria a molti pastori a «dire e non fare». Fino a non molto tempo fa la riverenza verso chiunque avesse autorità nella Chiesa e nella società impediva questo sguardo realistico, sicché risultava più facile apparire diversi e migliori di quanto si fosse in realtà. È vero che oggi papa Francesco osa parole inaudite nel denunciare i peccati della Curia romana, nel delineare il ritratto del vescovo infedele e nello stigmatizzare i cattivi ministri della Chiesa. Ma il successore di Pietro non fa altro che parafrasare le parole usate da Gesù verso le autorità religiose e politiche del suo tempo. Quanto Gesù si mostrava mite, tenero e pieno di compassione per il popolo, i poveri, i peccatori manifesti, gli scarti della società, tanto si mostrava duro ed esigente con quelli che “contano” in questo mondo.
Mitissimo, Gesù aveva però dato della «volpe» (Lc 13,32) a Erode, che lo voleva far perire come aveva fatto con il Battista, e aveva indirizzato a sacerdoti e guide religiose di Israele una serie di «guai a voi!», rivolgendo loro accuse gravissime: «In nome della vostra tradizione voi annullate la parola di Dio» (Mt 19,6), «Voi non conoscete la Scrittura né la potenza di Dio» (Mt 22,29), «Guai a voi che chiudete agli uomini il regno dei cieli!» (Mt 23,13).
Gesù, venuto a proclamare la misericordia di Dio per tutti, si è tuttavia mostrato irato contro i pastori. Perché tanta durezza? È la stessa durezza che ritroviamo nei profeti, soprattutto Geremia ed Ezechiele (cf. Ger 23Ez 34), una durezza suscitata dal fatto che proprio quelli che Dio aveva voluto come pastori del suo popolo sovente pascevano se stessi, fino a opprimere le pecore o ad abbandonarle in preda a chi le minacciava. Ecco le ragioni di una critica così radicale che ancora oggi ci sconvolge. In realtà in tutte le religioni c’è brama di potere da parte di chi è incaricato di guidare gli altri, c’è la tentazione dell’autocelebrazione e dell’autoreferenzialità, del non ascolto  dei poveri. Nelle religioni si annida un lievito, un fermento nascosto ma efficace di cui ci si rende conto sempre troppo tardi: un fermento all’opera in quelle che sono ritenute autorità e perciò parlano a voce alta di un Dio che non hanno mai ascoltato né si sono mai premurati di mettere in pratica le cose buone che Dio ha messo loro in bocca. In ogni religione e in ogni epoca esistono persone che sentono come loro compito proclamare con rigore inflessibile la volontà di Dio e la sua legge e che per questo passano la vita a spiare il peccato degli altri, senza mai vedere la sofferenza del loro prossimo; persone certe della legge, con i suoi obblighi e i suoi pesi, pesi che impongono agli altri senza muoverli nemmeno con un dito; persone venerate e, dunque, mai criticabili; persone molto attente a nascondere le proprie debolezze e peccati; persone che si ritengono “padrone” degli altri e, per questo, si considerano una casta esente dal duro mestiere di vivere, convinte come sono di rappresentare una Chiesa destinata a reggere il mondo secondo la logica della mondanità.

Sì, nonostante il rinnovamento voluto dal Concilio, nonostante l’umile servizio di molti pastori, nonostante le ammonizioni severe di Benedetto XVI e di Francesco, i “guai” pronunciati da Gesù restano ancora attuali. E possono e devono essere pronunciati ancora oggi, anche se a caro prezzo.
Non dimentichiamoci che, se Gesù è stato condannato dal potere imperiale ma soprattutto dai pastori del suo popolo, è stato proprio a causa della parresía di questa denuncia.
Pubblicato su: Jesus
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 06/12/2017 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.676 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

  • 201,222 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

1-2 Samuele Africa Afrique Ambiente Amore Ano B Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cibo Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Mission Missione Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Regola di Vita Rifugiati Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: