COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Archeologia. Una Croce racconta i martiri del Colosseo

Gli studi dello storico Guiducci su un graffito scoperto nei recenti restauri sembrano smentire la vulgata secondo cui nel celebre anfiteatro non furono uccisi cristiani

ISOLA

Ci fu martirio di cristiani nel Colosseo? La questione si trascina da tempo. Gli storici moderni hanno avanzato teorie che nei fatti lo escludono, sostenendo che i cristiani a Roma venivano uccisi in altri contesti come nelle carceri, nel Circo di Nerone (o nelle vicinanze) o addirittura nel Circo Massimo, per non dire lungo le strade o in contesti periferici. E da anni, ormai, è questa la versione ufficiale. Esiste però una traditio che riferisce di un elevato numero di martiri uccisi nel Colosseo e non è un caso che, il venerdì Santo, la Chiesa celebri la Via Crucis alla presenza del Papa in questo luogo, inteso come simbolo delle uccisioni di fedeli in Cristo avvenute a Roma come in tutto il mondo. Un simbolo che adesso, però, sembra avvalorato dagli studi storici sul ritrovamento del disegno di una croce su un tratto di intonaco risalente al terzo secolo. Il ritrovamento di questo intonaco e dei graffiti su di esso segnati, risale ai recenti restauri dell’Anfiteatro Flavio. In un primo momento la presenza della croce è stata trascurata, anche perché inserita in un contesto di parole, numeri e segni sovrapposti e risalenti a varie epoche.

Quando però Pier Luigi Guiducci, docente di Storia della Chiesa alla Lateranense, si è imbattuto per caso in una fotografia di questo ‘lacerto’ di muro, è scattata una molla. «Ho visto subito la croce in basso a sinistra. Ho notato che era di un colore rosso diverso dal resto delle scritte e ho deciso di approfondire», afferma lo storico, che il giorno 16 dicembre (ore 10) presenterà i risultati dei suoi studi nel teatro del Centro polivalente Il Girasole a Roma in via Donato 48. Il tratto di intonaco con la croce si trova nel corridoio di servizio poco illuminato che immette al terzo livello dell’anfiteatro, che storicamente era riservato al popolino.

Questa è la prima cosa che ha incuriosito Guiducci, perché mai erano state individuate croci ai piani superiori. Gli unici altri graffiti col simbolo cristiano sono posti al primo livello, negli ambienti prossimi all’arena e gli storici li hanno sempre attribuiti all’epoca medievale, incisi dagli operai addetti all’estrazione di materiali da costruzione oppure da persone che nei secoli hanno sfruttato le strutture del Colosseo come riparo o come abitazione. Teoria che convince Guiducci solo in parte avendo notato che una di queste semplici croci è analoga a un graffito presente nelle catacombe di Domitilla (II secolo). Ma cosa ha di diverso la croce trovata al terzo livello? Intanto il colore. Il rosso che è stato usato per segnarla sul muro è tipico del III secolo e molti ritrovamenti testimoniano che lo stesso pigmento è stato utilizzato proprio nel Colosseo per la decorazione degli intonaci interni. Inoltre la croce è disegnata, in piccolo, fra due grandi lettere ‘T’ e ‘S’, ed è posta, in posizione lievemente sopraelevata, sulla linea grafica che le congiunge alla base. Il suo significato è quindi strettamente collegato a quello delle due lettere che la inscrivono. Conclusione alla quale Guiducci è giunto lavorando con tecniche digitali di elaborazione delle immagini per isolare perfettamente la struttura grafica del disegno dal resto dei graffiti presenti sulla parete. A questo punto non restava che comprendere il rapporto fra le due lettere e la croce. Prima si è pensato all’ipotesi che si trattasse della prima e dell’ultima lettera di un nome romano, come Tarcisius o Theseus. Ma da varie risultanze di graffiti di epoca latina si sa per certo che i romani non avevano l’abitudine di segnare i nomi propri sui muri con la prima e l’ultima lettera, ma li scrivevano per esteso.

Vagliate altre ipotesi, Guiducci ha pensato di contestualizzare le due lettere nell’ambiente degli spettacoli che si tenevano nell’arena e nel contesto sociale relativo al suo terzo livello. Così è giunto alla conclusione che con ‘T’ ed ‘S’ si sia voluta indicare la parola Taurus. Fra la seconda metà del secondo secolo e tutto il terzo secolo i tori erano fra gli animali più usati nelle arene. Avevano un valore simbolico di forza e di coraggio riconosciuto in tutta l’antichità. Inoltre sul colle Palatino, a fianco del Colosseo, c’era un tempio dedicato a Cibele, dea per il cui culto era necessario il sacrificio di tori. Nei circhi i tori venivano usati per i combattimenti con gladiatori, per i combattimenti fra animali, ma anche per uccidere i condannati a morte ( damnatio ad bestias). L’ingresso nel toro nell’arena era particolarmente atteso dagli spettatori e nel Colosseo che poteva contenere 70 mila persone, il grido «Taurus, taurus, taurus» si alzava spesso quando questi animali tardavano a essere immessi sull’arena o quando, fatti entrare i condannati a morte, la consuetudine dello spettacolo prevedeva la crudele incitazione della folla all’ingresso dei tori. Ora, come spiega Guiducci, da numerose attestazioni sappiamo che anche tanti cristiani, condannati a morte perché non abiuravano, venivano condotti nelle arene per subire la stessa sorte di tanti criminali. Ignazio di Antiochia, per esempio, subì questa sorte nel 107 e proprio nell’anfiteatro Flavio. In alcune particolare occasioni, come per la celebrazione di importanti vittorie militari, al Colosseo si indicevano ‘giochi’ di festeggiamento che duravano mesi e gli ‘spettacoli’ erano anche tre al giorno, con l’impiego di migliaia di animali e di uomini: per la vittoria sui Daci, l’imperatore Traiano organizzò 123 giorni di combattimenti. Come nel caso di Ignazio, i condannati venivano ‘importati’ per l’occorrenza da varie parti dell’impero.

E per condannare dei cristiani a morte ci voleva davvero poco. Tertulliano alla fine del secondo secolo scrive che qualunque cosa accadesse nell’impero, «che tracimasse il tevere o vennise a piovere», subito si alzava il grido « Christianos ad leonem ». Ecco allora che la croce inscritta nella parola ‘taurus’ disegnata col rosso nel buio corridoio che conduceva al terzo anello del Colosseo, destinato al popolo urlante, acquista il tono di una chiara invocazione alla misericordia, una affidamento al Cristo che salva, per il cristiano che ha appena trovato, o sta trovando la morte lacerato da un toro, nella sottostante arena. Insomma, quella croce posta a congiunzione fra le lettere ‘T’ e ‘S’ è in qualche modo una sorta di attestazione storica che nel Colosseo, fra secondo e terzo secolo, c’è stato chi ha avuto piena coscienza che un cristiano era morto ad bestias fra sanguinari incitamenti «taurus, taurus» , e ne ha avuto pietà. Tutto questo ragionamento, dicevamo, sarà accuratamente documentato nel convegno del 16 dicembre da Pier Luigi Guiducci, che sui martiri cristiani ha fatto molti studi e che nell’occasione parlerà anche di un’altra recente scoperta. Si tratta della presenza di alcuni ‘Chrismon’ (il monogramma di Cristo composto dalla lettere greche Chi e Rho) nel criptoportico rinvenuto negli scavi sotto l’ambasciata americana a Roma. Struttura degli antichi Horti  alla fine del secondo secolo scrive che qualunque cosa accadesse nell’impero, «che tracimasse il tevere o vennise a piovere», subito si alzava il grido « Christianos ad leonem ». Ecco allora che la croce inscritta nella parola ‘taurus’ disegnata col rosso nel buio corridoio che conduceva al terzo anello del Colosseo, destinato al popolo urlante, acquista il tono di una chiara invocazione alla misericordia, una affidamento al Cristo che salva, per il cristiano che ha appena trovato, o sta trovando la morte lacerato da un toro, nella sottostante arena. Insomma, quella croce posta a congiunzione fra le lettere ‘T’ e ‘S’ è in qualche modo una sorta di attestazione storica che nel Colosseo, fra secondo e terzo secolo, c’è stato chi ha avuto piena coscienza che un cristiano era morto ad bestias fra sanguinari incitamenti «taurus, taurus» , e ne ha avuto pietà. Tutto questo ragionamento, dicevamo, sarà accuratamente documentato nel convegno del 16 dicembre da Pier Luigi Guiducci, che sui martiri cristiani ha fatto molti studi e che nell’occasione parlerà anche di un’altra recente scoperta. Si tratta della presenza di alcuni ‘Chrismon’ (il monogramma di Cristo composto dalla lettere greche Chi e Rho) nel criptoportico rinvenuto negli scavi sotto l’ambasciata americana a Roma. Struttura degli antichi Horti Sallustiani, pertinenza del potere politico, a conferma che i cristiani erano anche fra le classi agiate e avevano bisogno di indicare la loro presenza.

Roberto I. Zanini, Avvenire, giovedì 14 dicembre 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15/12/2017 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.674 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

  • 201,039 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

1-2 Samuele Africa Afrique Ambiente Amore Ano B Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cibo Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Mission Missione Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Regola di Vita Rifugiati Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: