COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

L’Africa senza protezione sociale

L’82 per cento della popolazione non riceve assistenza. 

Africa-Missione.jpg

Mentre in diverse parti del mondo si sono registrati progressi nell’allargamento delle protezioni sociali, in Africa l’82 per cento della popolazione non ha ancora diritto alla sicurezza sociale. È quanto emerge dall’ultimo rapporto dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) presentato dal direttore regionale per l’Africa Cynthia Samuel-Olajuwon nella capitale nigeriana Abuja.
Secondo i nuovi dati presentati nel World Social Protection Report 2017-2019, solo il 45 per cento della popolazione globale è effettivamente coperto da almeno un’indennità speciale, mentre il rimanente 55 per cento, pari a circa quattro miliardi di persone, non ha alcuna protezione. Il rapporto dimostra che esistono significative mancanze nelle coperture di bambini, madri con neonati a carico, lavoratori disoccupati e persone con disabilità. Per l’Ilo, lo sviluppo di protezioni sociali è una priorità urgente per l’Africa.
«La mancanza di protezioni sociali rende le persone vulnerabili nell’affrontare malattie, povertà, disuguaglianze ed esclusione sociale nel corso delle loro vite» ha dichiarato Samuel-Olajuwon. È dunque necessario incrementare la spesa pubblica sulla protezione sociale per rafforzare la copertura e assicurare almeno una protezione sociale di base per tutti.
Il rapporto analizza poi le misure rivolte ai bambini. È emerso che il 35 per cento dei minori in tutto il mondo hanno accesso effettivo a protezioni sociali. Tuttavia, 1,3 miliardi di bambini sono ancora senza alcuna copertura, la maggior parte dei quali in Africa e in Asia. «È assolutamente necessario che i governi esaminino tutte le possibili soluzioni finanziarie per promuovere uno sviluppo socioeconomico nazionale basato sull’occupazione e la protezione sociale» ha dichiarato Isabel Ortiz, direttrice del dipartimento della protezione sociale dell’Ilo. «La gamma di soluzioni che permettono di generare delle risorse per la protezione sociale è molto larga». Tra queste soluzioni, si annovera ad esempio il lobbying a favore degli enti sociali e dell’assistenza sanitaria a chi non può permetterselo.
Un’altra pubblicazione congiunta dell’Ilo, dell’Unicef e dell’Onu Donne del 2017 propone anche diverse raccomandazioni sulle molteplici opzioni alle quali i governi possono ricorrere perché la protezione sociale diventi realtà. Per esempio, l’Indonesia, il Ghana e altri paesi utilizzano le sovvenzioni ai carburanti per sviluppare la protezione sociale. Il Brasile ha applicato una tassa sulle transazioni finanziarie per estendere la protezione sociale. Bolivia, Mongolia e Zambia finanziano le pensioni di anzianità e le prestazioni familiari grazie alle tasse sulle estrazioni minerarie e sul gas.
L’Osservatore Romano, 16-17 dicembre 2017.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/12/2017 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

  • 327.125 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 734 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: