COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Dalla Cina in immagine che fa riflettere. Si raddoppi il voto al bimbo di ghiaccio

Cina

Ferdinando Camon
Avvenire domenica 14 gennaio 2018

La notizia del bambino cinese di 10 anni che ha fatto quattro chilometri a piedi per andare a scuola, a una temperatura di meno 9 gradi, è diventata un’immagine virale, pubblicata venerdì scorso anche in Italia, magari a tutta pagina, e sfruttata nei suoi aspetti più immediati: il freddo, il ghiaccio, le screpolature alle mani, i ghiaccioli sui capelli, le guance paonazze, insomma un esempio di chi fa il proprio dovere in condizioni di disagio, povertà, sofferenza. En passant, s’insinuano in qualche articolo note sulla crescita economica della Cina, una crescita annuale spesso a due cifre. Il senso è: è giusto che cresca a due cifre un popolo i cui bambini fanno questi sforzi, dan prova di questa sopportazione? A me, che ho passato la vita a insegnare, la nota che mi sorprende di più è un’altra: quel giorno, per quel bambino, c’era compito in classe. E lui non voleva mancare.

Il compito in classe è un evento importante, fa vedere al tuo insegnante che cosa hai imparato, come migliori, dove sei forte. Ed è un documento: resta agli atti. Non so come vadano le cose in Cina, ma da noi i compiti vengono conservati e possono essere consultati, un compito è per sempre. Ragion per cui anche da noi gli studenti per fare il compito in classe affrontano freddo e gelo (o, altrove un solo a picco e chilometri e chilometri in percorsi aridi)? No, al contrario: nel giorno del compito in classe gli alunni deboli non vogliono che la loro debolezza venga misurata, che resti agli atti, perciò se trovano un minimo appiglio (e 9 gradi sotto zero sono appiglio formidabile), stanno a casa volentieri.

ragazzo cinese

Per questo la notizia mi è sembrata mirabolante. E mi ha commosso. Per questo ne parlo. È questo che spiega, meglio di tanti altri ragionamenti, la crescita annuale a due cifre della grande Cina: questo bambino s’impegna come s’impegna il popolo a cui appartiene, ce la mette tutta, se lo Stato (il maestro, la famiglia, i parenti…) gli fan capire che una cosa va fatta, lui la fa. Possediamo una foto di questo ragazzino, in cui lui sta dritto in piedi, guance paonazze, orecchie rosse, occhi seri: un ometto di massimo affidamento. Nella foto non si vedono le mani, che si vedono però in un’altra foto, tutta per loro, in cui sono posate sui fogli di un quaderno, a dita aperte, e le dita sono straordinariamente grosse, come per una malattia. Sono i geloni. Nella camminata gli si son gelate le dita, a questo povero ragazzo. Le dita gelate si screpolano e tra i crepetti escono goccioline di sangue. Niente di grave, ma è molto patetico. Il sangue gela subito. È una caratteristica della mani dei bambini poveri, cioè senza guanti. Evidentemente, questo bambino ha marciato per 4 chilometri dalla poverissima capanna dove vive coi nonni (la madre è morta, il padre e lontano per poter lavorare) con le mani all’aperto, non in tasca. Per fare il compito in classe. Per non far mancare al maestro questo documento per la sua completa valutazione.

Nella zona dove vive questo bambino, gli abitanti guadagnano un dollaro al giorno. Sono sacche di arretratezza che lo Stato cinese si rassegna a non migliorare, chiama questi abitanti «lasciati indietro »: lo Stato corre ma non tutti i suoi abitanti corrono con esso, questi, compreso il bambino, sono lasciati indietro. E cosa devono fare? Quel che fa questo bambino: pagare 4 quel che gli altri pagano 1. Per gli altri andare a scuola è una camminata, per questo bambino è una traversata polare. Tutti i bambini devono procurarsi quell’1, non possono star fermi allo 0, perché con lo 0 non fai niente. Devono procurarsi 1 per lavorarlo e farlo diventare 2, questo è il senso della loro vita. Ora, è relativamente facile, o comunque possibile, passare da 1 a 2. È difficilissimo, pressoché impossibile, passare da 0 a 1. Io (che alle elementari abitavo in una casa senza pavimento, senza acqua, senza riscaldamento) m’ero fatto l’idea che quel che rende, in orale e nello scritto, un figlio che vive e studia in queste condizioni, al momento della valutazione (il voto) andrebbe moltiplicato per 2. Ma non è mai accaduto. Potrebbe accadere nella lontana e per noi ancora misteriosa Cina? A cominciare da questo bambino di ghiaccio? Dal compito in classe che ha fatto l’altro giorno?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15/01/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 424 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic   Feb »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

  • 222.241 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: