COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

L’inferno d’oro del Camerun nelle miniere abbandonate

Nelle cave esaurite e incustodite la gente cerca «briciole» di fortuna, ignorando i rischi di crolli e avvelenamenti

Cameroun

Sosthène Samba aveva appena dodici anni quando è affogato in un lago di fango. Insieme ad altre persone voleva tentare la fortuna in una delle centinaia di miniere d’oro abbandonate nella regione orientale del Camerun. L’incidente è avvenuto lo scorso settembre nella località di Kambelé. La stessa sorte è toccata ad altre quattro persone l’anno prima nella medesima miniera. Le vittime erano un bambino di sette anni, un giovane di 20 e una madre con il suo neonato. «In pochi sanno quanto è pericoloso andare a scavare nelle miniere abbandonate», afferma Brice Mbodiam, giornalista camerunese del sito d’informazione Investire in Camerun: «Queste grosse buche, profonde diversi metri, si riempiono generalmente di acqua formando dei laghi artificiali. L’imprudenza, quindi – prosegue Mbodiam –, spinge le persone ad avventurarsi rischiando la propria vita».

È nell’area di Kambelé, ricca del prezioso metallo giallo, che la Métalicon, come molte altre società minerarie loca- li e straniere, ha scavato per alcuni anni. Una volta esaurita la vena d’oro ha lasciato l’area, senza però preoccuparsi di chiudere i siti rispettando la legislazione locale. Tanto il rischio è irrilevante: le autorità hanno solo imposto 6 mesi di sospensione delle operazioni alla Métalicon. «Nel settore minerario regna da anni l’anarchia – aveva ammesso qualche tempo fa Ernest Ngwaboubou, ministro camerunese di industria, miniere e sviluppo tecnologico –. Con questi fatti è ora necessario mettere ordine nel settore». Lo “nguéré” è il termine usato per definire la ricerca nelle buche formatesi dopo lo sfruttamento minerario nelle quali trovare solo “briciole” delle fortune estratte da altri. E nonostante le varie promesse del governo, drammi di questo genere continuano a verificarsi senza tregua.

«Almeno 43 persone hanno perso la vita in Camerun nel 2017 mentre lavoravano nelle miniere d’oro abbandonate – sottolinea Laurence Wete Soh, avvocato della Foder, un’organizzazione non governativa locale che si batte per la bonifica dei siti minerari –. Le società coinvolte in queste tragedie dovrebbero essere accusate di omicidio colposo, insieme all’amministrazione locale che deve assicurare l’ordine pubblico ». L’ultimo incidente riguarda nove persone travolte da terra e fango mentre scavavano a mani nude in un sito minerario della località di Ngoe Ngoe. «Il dramma è avvenuto lo scorso 30 dicembre – ha confermato una nota governativa –. Le vittime sono morte in una miniera lasciata senza sorveglianza dalla società cinese, Lu e Lang». Nella notte dopo la tragedia, però, sembra che la compagnia cinese abbia nascosto i propri macchinari e abbandonato l’area: «Li abbiamo sentiti mentre andavano via con le loro auto e mezzi per scavare», hanno raccontato i residenti.

«Tra il 2012 e il 2014 sono stati aperti e sfruttati almeno 250 cantieri minerari – affermano studi degli analisti del settore –. Le 65 aziende che li hanno gestiti, incaricate di richiuderli in modo appropriato dopo lo sfruttamento, hanno però ignorato le regolamentazioni e li hanno lasciati aperti». Dal Senegal alla Guinea, dalla Repubblica democratica del Congo alla Tanzania, tale fenomeno è comune a gran parte degli Stati africani. Lo scorso luglio, 14 persone sono state dichiarate «disperse» dopo che una miniera d’oro artigianale è crollata nella cittadina occidentale di Prestea, in Ghana, secondo produttore del Continente dopo il Sudafrica. «Nelle miniere ghanesi c’è inoltre una consistente percentuale di lavoro minorile – affermava nel 2015 uno studio dell’organizzazione Human Rights Watch –. E da allora la situazione non è cambiata. Sono almeno 7.400 i bambini che rischiano la vita in questo settore». Molti si ammalano, intossicati dal mercurio liquido usato per separare l’oro dalla sabbia. L’anno scorso, per la terza volta in dieci anni, è stata lanciata una campagna mediatica in Ghana per sensibilizzare la popolazione sui danni che la ricerca dell’oro ha provocato nelle società africane. È servita però a ben poco.

Matteo Fraschini Koffi domenica 14 gennaio 2018
Avvenire 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15/01/2018 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.563 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic   Feb »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

  • 180,770 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cibo Cina Contemplazione Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dialogo Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Madonna Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria Noël P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: