COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Primi bilanci a dieci anni dal varo della Grande muraglia verde. Contro la desertificazione nel Sahel

 

 

Grande muraglia verde2

A dieci anni dalla nascita, nel Sahel la cosiddetta Grande muraglia verde sta riuscendo a contrastare la desertificazione in alcuni dei territori più a rischio nel cuore dell’Africa e sta portando sviluppo alle popolazioni. A riferirlo sono esperti ambientali e ong. Il progetto, ideato nel 2007 dall’Unione africana (Ua) e lanciato l’anno dopo, prevede di piantare alberi in una zona di 12 milioni di ettari, una striscia lunga 7700 chilometri e larga 15, che corre dal Senegal fino a Gibuti e attraversa 11 paesi. Studi hanno dimostrato che ogni anno il deserto avanza di due chilometri, causando una perdita di circa due milioni di ettari di zone verdi. In 50 anni sono stati cancellati dalla mappa 650.000 chilometri quadrati di terre arabili, l’equivalente della superficie della Francia. L’immensa barriera vegetale è in grado di bloccare venti e sabbia provenienti dal deserto e nel contempo migliorare la qualità dei terreni. Una volta terminata sarà la più grande struttura vivente al mondo, tre  volte la dimensione della grande barriera corallina, che dovrebbe riuscire ad assorbire 250 milioni di tonnellate l’anno di anidride carbonica, creare 350.000 posti di lavoro e dare cibo a 20 milioni di persone.

Esperti ambientali hanno precisato però che impoverimento e siccità dei suoli non sono causati solo dall’avanzata del deserto; tra le cause, c’è anche il diboscamento e lo sfruttamento eccessivo dei terreni da parte dell’uomo per l’agricoltura, la pastorizia e l’urbanizzazione. A queste attività si aggiungono gli effetti del riscaldamento globale, molto sentiti ai margini del deserto, alle porte dei centri abitati. Drammatiche le conseguenze: calo della produttività agricola e di pastorizia, scomparsa di specie vegetali e animali, carestia e migrazioni forzate.

E come detto, a dieci anni dal varo del progetto della Grande muraglia verde si stanno stilando i primi bilanci. Il rimboscamento procede ma con un ritmo lento: la Grande muraglia è stata realizzata finora soltanto al 15 per cento, principalmente in Senegal e Etiopia, dove finora la superficie tornata verde raggiunge i 55.000 ettari e l’altezza degli alberi è di circa due metri.

Va detto che la muraglia deve fare i conti con finanziamenti insufficienti, nonostante l’entusiasmo iniziale di governi e partner internazionali, e con l’instabilità in diversi paesi teatro di scontri tra gruppi armati e atti terroristici che rendono gli interventi impossibili. Nel nord del Senegal ogni anno durante la stagione delle piogge il suolo viene lavorato e giovani alberi vengono piantati su particelle di 500 ettari recintate per proteggerle dal bestiame. Così dal 2008 circa due milioni di alberi sono stati messi a terra. In Senegal e in Etiopia sono visibili i primi effetti positivi della muraglia verde.

In dieci anni è migliorato lo sviluppo socio-economico delle comunità locali grazie alla creazione di nuove attività redditizie. In Senegal sono soprattutto le donne a gestire giardini che producono frutta e verdure destinate all’autoconsumo e vendute sui mercati locali. Molti allevatori hanno cominciato a diversificare la propria attività, riducendo la loro dipendenza dalla pastorizia.

L’Osservatore Romano, 15-16 gennaio 2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17/01/2018 da in Attualità sociale, Ecologia, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 529 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic   Feb »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

  • 223.522 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: