COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

L’impegno della Chiesa per i malati di lebbra nei cinque continenti

Giornata_Mondiale_contro_la_Lebbra_28Gen2018

Città del Vaticano (Agenzia Fides) – Nell’ultima domenica di gennaio, quest’anno domenica 28, si celebra la Giornata mondiale dei malati di lebbra, istituita nel 1954 dallo scrittore e giornalista francese Raoul Follereau, definito “l’apostolo dei lebbrosi”, che lottò contro ogni forma di emarginazione e ingiustizia. Ogni anno si registrano oltre 210.000 nuovi casi di lebbra, un caso ogni 2 minuti. Il 10% ha meno di 15 anni. Milioni di persone riportano disabilità permanenti e vengono emarginate a causa della lebbra, mentre questa malattia ormai è facilmente curabile.

La Chiesa, soprattutto nei territori missionari, si è sempre dedicata all’assistenza dei malati di lebbra, spesso abbandonati dai loro stessi familiari ed emarginati dal contesto sociale, fornendo loro, oltre alle cure mediche e all’assistenza spirituale, anche possibilità concrete di recupero e di reinserimento nella società. In molti luoghi è ancora grave la discriminazione verso questi malati, per la presunta incurabilità della malattia e per le tremende mutilazioni che provoca.

Non sono poche al riguardo le testimonianze di missionari e missionarie, alcuni dei quali riconosciuti dalla Chiesa come Beati o Santi, che hanno dedicato tutta la loro vita ad alleviare le sofferenze dei malati di lebbra, come San Jozef Daamian De Veuster SSCC o santa Marianna Cope, O.S.F., il beato Jan Beyzym, S.I., il venerabile Marcello Candia. Il 6 novembre 2017, è morto ultracentanraio ad Hong Kong il missionario italiano don Gaetano Nicosia, noto come “l’angelo dei lebbrosi”, che per 48 anni ha condiviso la sua esistenza con i lebbrosi, prima nella provincia del Guangdong poi a Coloane (Macao), dove grazie alla sua opera il lebbrosario è stato chiuso e i malati ormai guariti sono stati reinseriti nella società (vedi Fides 17/11/2017).

Secondo i dati dell’ultimo “Annuario Statistico della Chiesa”, la Chiesa cattolica gestisce nel mondo 604 lebbrosari. Questa la ripartizione per continente: in Africa 187, in America 48 (totale), in Asia 296, in Europa 72 e in Oceania 1. Le nazioni che ospitano il maggior numero di lebbrosari sono: in Africa: Repubblica Democratica del Congo (31), Madagascar (24), Kenya (21); in America del Nord: Stati Uniti (2); in America centrale: Messico (7); in America centrale-Antille: Haiti (2); in America del Sud: Brasile (16); in Asia: India (236), Vietnam (14), Indonesia (12),; in Oceania: Papua Nuova Guinea (1); in Europa: Portogallo (63), Germania (5), Polonia (2). (SL) (Agenzia Fides 27/01/2018)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27/01/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 424 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic   Feb »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

  • 222.723 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: