COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sul mondo e sulla Chiesa — MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the world and the Church

130 anni fa moriva don Bosco, il ricordo in tutto il mondo

Oggi la festa del patrono dei giovani. Il ricordo dei suoi figli nei vari continenti. Il Papa: guardiamo a lui come l’educatore esemplare

Don Bosco.jpg

Redazione Catholica mercoledì 31 gennaio 2018

«Oggi ricordiamo san Giovanni Bosco, padre e maestro della gioventù. Cari giovani, guardate a lui come all’educatore esemplare. Voi, cari ammalati, sul suo esempio confidate sempre in Cristo crocifisso. E voi, cari sposi novelli, ricorrete alla sua intercessione per assumere con generoso impegno la vostra missione coniugale». Il Papa, nella catechesi di stamattina, non ha mancato di rivolgere un pensiero al grande santo patrono della gioventù, fondatore dei Salesiani e delle Figlie di Maria Ausiliatrice, che moriva il 31 gennaio 1888 e di cui oggi la Chiesa celebra appunto la memoria.

Don Bosco si spense all’età di 72 anni, dopo aver esaurito le sue energie e la sua salute in un apostolato senza tregua. «Ho promesso a Dio che fin l’ultimo mio respiro sarebbe stato per i miei poveri giovani» aveva detto un giorno e così effettivamente fu. Lasciò un’opera che era già imponente mentre era in vita – circa 700 religiosi, 64 case in 6 Paesi – ma che in oltre un secolo è crescita fino a diventare una delle più grandi realtà di vita consacrata nella Chiesa.

Ci si può rendere pienamente conto di ciò guardando a dove e come sia commemorato il dies natalis del santo. Qualche esempio.

Il Rettor maggior a Timor Est

Il Rettor maggiore dei salesiani, don Ángel Fernández Artime, ha celebrato la ricorrenza odierna a Timor Est, dov’è è arrivato lunedì mattina, accolto all’aeroporto di Dili da centinaia di membri della Famiglia Salesiana al grido di «Viva Don Bosco». Don Artime tra i vari appuntamento ha incontrato don João de Deus Pires, pioniere salesiano a Timor, da 60 anni impegnato nella missione salesiana nel Paese asiatico.

Panama, Valdocco d’America

L’Ispettoria salesiana del Centro America ha presentato in questi giorni il progetto “Panama, Valdocco d’America”, che mira a rendere il Paese un centro di devozione a Don Bosco in tutta l’America Latina. Il progetto avrà la sua base nella Basilica di Don Bosco, situata nel quartiere popolare di Calidonia, a Città di Panama, e oltre a promuovere il turismo religioso, mira a rafforzare l’educazione integrale dei giovani, specialmente di quelli in difficoltà e a rischio. Il progetto è iniziato nel 2017 e continuerà fino al 2021.

Una scuola in Nepal

In Nepal l’Ong salesiana Nepal Don Bosco Society ha celebrato la festa di Don Bosco e il suo 25° anno di servizio alla popolazione consegnando una quinta scuola antisismica, costruita dopo i terremoti del 2015, agli abitanti dei villaggi di Kallery, nel distretto di Sindhupalchawk, Nepal centrale, a circa 90 km a est di Kathmandu. A breve verrà completata la consegna di altre cinque scuole, ricostruite in diverse aree remote del paese, per un totale quindi di 10 strutture.

Monumento in Patagonia

Oggi la comunità di Río Grande, nella diocesi di Río Gallegos – Terra del Fuoco, Argentina – ha inaugurato un momento dedicato al santo dei giovani. Il parroco Joaquín López ha ricordato che «Don Bosco, quando da sacerdote stava fondando la congregazione salesiana, ebbe vari sogniriguardo alla nostra terra, però non sapeva che si trattava appunto della Patagonia. Lo capì quando a Genova incontrò il console argentino Bartolo».

Germania: il cartone animato

La casa editrice salesiana tedesca “Don Bosco Medien S.A, che sta producendo una serie di cortometraggi animati su Don Bosco, pensati per far conoscere la sua figura al pubblico di Austria e Germania, ha pubblicato il primo di essi nei giorni scorsi, in vista della festa di oggi. «Vogliamo informare e allo stesso tempo intrattenere le persone. Oggigiorno la gente non ha molta voglia di leggere testi troppo lunghi e noiosi. Preferisce guardare dei video, meglio se brevi, al posto di leggere» ha detto il direttore dell’editrice, don Alfons Friedrich.

La parole di Nosiglia

«Don Bosco offre agli educatori e ai giovani stessi un metodo concreto per evangelizzare il mondo giovanile, che è ancora valido e attuale oggi» ha detto l’arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia, nella Messa per la festa del santo celebrata oggi nella Basilica di Maria Ausiliatrice. «Vi amo perché siete giovani, diceva Don Bosco – ha aggiunto Nosiglia – e non perché siete bravi, intelligenti, educati, credenti… Per questo, li cercava nelle carceri, per la strada, nei luoghi malfamati, dove questi ragazzacci – come li chiamavano – ne combinavano di tutti i colori (furti, bande di violenti…). Anche per noi una particolare attenzione va riservata a quei ragazzi difficili o “invisibili” a causa della nazionalità e della cultura, della malattia o di particolari condizioni di disabilità o disagio».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31/01/2018 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 481 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic   Feb »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

  • 206.678 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: