COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Ogni settimana trucidati quattro ambientalisti

Il nuovo studio di Global Witness rivela: 197 ecologisti sono stati assassinati nel 2017. E’ l’America Latina il Continente più letale. Il Brasile, con 46 omicidi, in gran parte avvenuti nell’area amazzonica, è in cima alla lista.

Lucia Capuzzi
Avvenire venerdì 2 febbraio 2018

Isidro

 

Il messicano Isidro Baldenegro è stato ucciso il 19 gennaio 2017

Quattro ambientalisti uccisi alla settimana. Nel 2017, la difesa della casa comune da megaprogetti e cacciatori di risorse ha fatto 197 vittime, secondo i dati di Global Witness. Quattro in meno rispetto all’anno precedente. Il che significa che, per lo meno, per la prima volta dal 2014 il bilancio ha smesso di crescere. La cifra resta comunque drammatica. Rispetto a 16 anni fa – quando l’Ong esordì con il primo dossier – il numero dei difensori della “madre terra” è quadruplicato.

Quasi tutti i delitti sono concentrati nel Sud del mondo, dove difendere l’ambiente significa opporsi a interessi milionari e patti segreti tra governi, multinazionali, mafie. Come al solito, l’America Latina è il Continente più letale. Il Brasile, con 46 omicidi, in gran parte avvenuti nell’area amazzonica, è in cima alla lista. Al secondo posto, la Colombia che ha visto un rapido incremento degli attivisti massacrati, come effetto collaterale del trattato di pace tra governo e Fuerzas armadas revolucionarias de Colombia (Farc) del 24 novembre 2016. Gruppi criminali eredi dei paramilitari di ultra-destra cercano di occupare il “vuoto” lasciato dal disarmo della guerriglia: gli ecologisti, come l’intera società civile organizzata, vengono considerati un nemico da eliminare.
Altre due nazioni dove si assiste a un aumento degli ambientalisti ammazzati sono Messico e Filippine. In entrambi, spesso, i killer agiscono in combutta con i governi. Proprio in Messico, è stato ucciso il primo ecologista del 2017: si tratta di Isidro Baldenegro, indigeno e premio Goldman, il Nobel dell’ambiente, come Berta Cáceres, trucidata l’anno prima. In Africa, il Paese più pericoloso è la Repubblica democratica del Congo, dove è forte la minaccia dei trafficanti di avorio.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/02/2018 da in Attualità sociale, Ecologia, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.561 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
febbraio: 2018
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728  

  • 199,756 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

1-2 Samuele Africa Afrique Ambiente Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cibo Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Mission Missione Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa RDC Regola di Vita Rifugiati Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: