COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

«Os catadores», gli emarginati delle discariche di Maputo

Mozambico


di Marco Simoncelli
(Maputo)
«Abbiamo sentito un tuono! Pensavamo fosse il temporale invece era la frana che è scesa giù dalla montagna. Ora abbiamo paura». Anastasia è intenta a raccogliere buste di plastica, mentre racconta la tragedia avvenuta nelle prime ore del mattino di lunedì scorso nel quartiere Hulene di Maputo e finita su tutti i media internazionali. La «montagna» di cui parla è un’enorme discarica con cumuli di rifiuti alti 20 metri, che si staglia come un enorme tsunami sullo sfondo della sua casa e di quelle dei suoi vicini.

A causa delle incessanti piogge che hanno colpito la capitale del Mozambico nelle ultime settimane il gigantesco cumulo di spazzatura si è impregnato d’acqua fino a quando, da uno dei suoi versanti, è crollato e una valanga di fango nero nauseabondo ricolmo di rifiuti di ogni tipo ha inghiottito cinque case e provocato 17 vittime.

La discarica di Hulene, si trova ad appena 10 km dal ricco centro della città a poca distanza dall’aeroporto. Poco prima dell’indipendenza dal dominio portoghese negli anni Settanta, qui non abitava nessuno. Tutto era cominciato con una fossa dove venivano scaricati i rifiuti cittadini, ma nel corso degli anni si è trasformata nella montagna attuale e attorno ad essa si è formato un intero quartiere di circa 2000 abitanti, che vive proprio degli scarti che riesce a recuperare da quella spazzatura. Durante la guerra civile (1981-1994) la povertà e l’insicurezza hanno fatto arrivare in città migliaia di persone dalle zone rurali. L’urbanizzazione rapida e disordinata ha reso possibile la costruzione delle case a ridosso della discarica, che nel frattempo ha continuato a crescere senza freni per via della mancanza di sistemi e servizi per il trattamento dei rifiuti.

«Siamo arrivati senza niente e non trovavamo lavoro. Quando abbiamo scoperto che con la plastica e il ferro si potevano fare soldi, abbiamo cominciato a raccoglierli», afferma il Paulo Tomas che guida uno dei camion che trasporta le balle di plastica in città per rivenderle alle fabbriche. I «catadores» sono nati così. Dentro le mura delle discariche della periferia di Maputo sono tollerati, mentre fuori vivono ai margini della società, invisibili agli occhi dei politici: «Ci vedono come poveri falliti. Ma in realtà diamo un servizio alla città. Ricicliamo e ripuliamo».

Generalmente i «catadores» uomini guidano i camion o trasportano dei carrelli in giro per la città in cerca di vecchi rottami di ferro, mentre le donne e i ragazzi restano in discarica a raccogliere e setacciare fra i rifiuti. Con bocca e naso coperti da un fazzoletto per proteggersi dai fumi tossici della spazzatura putrescente, la signora Calda sta legando una balla di bottiglie di plastica mentre spiega come funziona questa misera economia informale.

«Per un kg di ferro ci danno 5 meticais (0,06 cent. di euro), per uno di bottiglie 8 meticais, mentre per le buste di plastica… dipende dal colore, ma si va da 1 a 3 meticais al kg – si asciuga la fronte sudata, poi continua – Per accatastare un kg di bottiglie può volerci mezza giornata. Per questo lavoriamo sempre per sopravvivere. Non esistono domeniche per noi. Qui non si può coltivare niente, quindi cibo e acqua vanno comprati nei mercati».

Dopo il disastro e la vergogna di lunedì, il governo ha deciso di spostare le persone che abitano a ridosso della discarica. Prima in un centro di accoglienza nel quartiere ferroviario, poi, forse, in altri sobborghi. «Vogliono mandarmi a Chiango – si lamenta la vecchia Rosita nel cortile della sua baracca – ma quel posto è lontano da qui e si allaga sempre. Io vivo sola con dieci figli e nipoti da mandare a scuola. So che è pericoloso vivere qui, ma se mi spostano come facciamo ad andare avanti?».

Fra le baracche di Hulene la gente vive 24 ore al giorno tra ratti, liquami, vapori fetidi e i fumi tossici provocati da piccoli incendi incontrollati che provocano malattie respiratorie e cancro, oltre all’inquinamento delle falde acquifere che causa spesso epidemie di dissenteria. Eppure paradossalmente spostare i «catadores» significa privarli del loro unico misero mezzo di sostentamento.

Giovedì si sono tenuti i funerali delle vittime tra la rabbia della gente e alla presenza dei principali media mozambicani. Le autorità del municipio si sono prese la responsabilità di ciò che è avvenuto, ma la discarica doveva essere chiusa da ormai da dieci anni. Durante la campagna elettorale che ha portato alla sua rielezione nel 2013, il sindaco David Simango aveva di nuovo promesso di chiuderla, ma nei quattro anni successivi l’immondezzaio ha continuato a ricevere più di mille tonnellate di rifiuti al giorno.

«Dell’incompetenza delle autorità non avevamo dubbi – ha scritto il direttore di Canal de Moçambique Fernando Veloso nel suo editoriale di giovedì -, ma nessuno pensava che sarebbe arrivata a uccidere dei mozambicani… Per giunta i più poveri e con la spazzatura».

https://www.africarivista.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/03/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 482 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

  • 207.686 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

1-2 Samuele Africa Afrique Ambiente Amore Ano B Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Mission Missione Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa RDC Regola di Vita Rifugiati Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Testimonianze Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: