COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Nuovo orrore in Iraq

Molte donne e bambini tra le vittime rinvenute nella regione irachena di Halila. A Mosul una fossa comune con i resti di quaranta cristiani


Mosul-liberata-06-1000x600


Nuovo orrore in Iraq. Una fossa comune contenente i cadaveri di quaranta cristiani, in maggioranza donne e bambini, è stata scoperta ieri dalle Forze di mobilitazione popolare, alleate del governo di Baghdad, vicino a Mosul, ex roccaforte del sedicente stato islamico (Is) nel nord dell’Iraq.
«Al Hashd Al Shaabi [Forze di mobilitazione popolare] insieme alle forze di sicurezza irachene hanno trovato una fossa comune dove sono stati sepolti i cristiani rapiti nella regione di Halila, vicino a Badush a ovest di Mosul» ha spiegato una fonte della chiesa siriaca ortodossa al sito di Alghad Press. «La maggior parte dei resti umani era stata sepolta insieme. Alcuni appartenevano a donne e bambini. Avevano con loro piccole croci» ha aggiunto la fonte. Tuttavia, il vicegovernatore per gli affari cristiani di Ninive, Duraid Hikmat, ha dichiarato che la fossa comune non è di vittime del sedicente Stato islamico, ma di cristiani uccisi più di trenta anni or sono.
Le forze della sicurezza hanno trovato decine di fosse comuni nella regione, dopo la liberazione dall’Is, avvenuta nel luglio 2017 dopo mesi di durissimi combattimenti tra l’esercito iracheno e i miliziani jihadisti. Spesso proprio le comunità cristiane erano i principali obiettivi degli attacchi. Si sono registrati numerosi massacri e distruzioni di chiese.
Intanto, sempre ieri, l’esercito di Baghdad ha annunciato la scoperta nella provincia di Nivive, di cui Mosul è capoluogo, di una fossa comune contenente i corpi di 120 jihadisti dell’Is che si ritiene siano stati giustiziati dai loro comandanti nell’ambito di una faida interna all’organizzazione.
Il portavoce delle operazioni militari nella provincia, colonnello Mohammad Al Juburi, ha detto che la scoperta è stata fatta vicino al villaggio di Zerga, non lontano dalla frontiera con la Siria. Tra i cadaveri vi sarebbero quelli di miliziani, sia iracheni sia di altri paesi arabi, uccisi con colpi d’arma da fuoco alla testa o al petto.
Quella per la riconquista di Mosul è stata una delle battaglie più atroci che hanno segnato il conflitto contro l’Is in questi ultimi anni. Nonostante la vittoria riportata, la situazione nella città continua a essere drammatica ed estremamente complessa. Migliaia di sfollati stanno facendo ritorno alle loro case, ma ormai di quella che un tempo era una delle principali città irachene resta ben poco. Non ci sono più servizi idrici, ospedali, scuole. La maggior parte degli edifici è inagibile, distrutta o danneggiata dalla furia dei combattimenti. Il compito della ricostruzione appare arduo. Prima ancora della riedificazione materiale della città sarà necessario fare chiarezza su quanto accaduto e sulle terribili conseguenze subite dalla popolazione.
Oltre 40.000 civili sono morti nei combattimenti. Il dato è contenuto in una recente inchiesta del quotidiano britannico «The Independent», secondo il quale i residenti delle zone assediate della città sarebbero stati uccisi soprattutto durante le offensive di terra delle truppe irachene, volte a stanare i miliziani, così come durante alcuni bombardamenti aerei, oltre che dagli stessi seguaci di Al Baghdadi. Secondo fonti ufficiali irachene, moltissimi corpi di civili uccisi potrebbero essere ancora sepolti sotto i cumuli di macerie della città devastata. «Il livello di sofferenza umana è immenso» dicono i testimoni.

Sinora le stime diffuse sul numero di morti a Mosul sono sempre state al ribasso poiché concentrate essenzialmente sui danni fatti dai bombardamenti aerei, e non molto sulle conseguenze dell’azione dell’artiglieria. Secondo il gruppo di monitoraggio bellico Airwars, il fuoco dell’artiglieria sarebbe invece responsabile della morte di 5800 persone, in maggioranza civili, tra febbraio 2016 e giugno 2017.
L’Osservatore Romano, 3-4 marzo 2018
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 06/03/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.610 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com

  • 194,069 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Ambiente Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Daesh Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pobreza Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: