COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Papa Francesco ai sacerdoti “Non fate pagare la messa”


messa.jpg


(Andrea Tornielli, La Stampa) Il Pontefice: si possono accettare le offerte ma i sacramenti sono sempre gratis – «La messa non si paga. Se vuoi fare un’ offerta falla, ma non si paga». Papa Francesco, nell’aula delle udienze in Vaticano, solleva lo sguardo dal discorso preparato e parla a braccio rivolgendosi ai fedeli. L’ argomento della sua catechesi è la preghiera eucaristica, cuore della messa, che accompagna la consacrazione del pane e del vino. È l’ occasione per ricordare che non può esistere un «tariffario» per i sacramenti e che neanche la messa in suffragio dei propri cari defunti può essere «pagata».

«Nessuno e niente è dimenticato nella preghiera eucaristica, ma ogni cosa è ricondotta a Dio – ha detto Bergoglio – Nessuno è dimenticato. E se io ho qualche persona, parenti, amici, che sono nel bisogno o sono passati da questo mondo all’altro, posso nominarli in quel momento, interiormente e in silenzio o fare scrivere che il nome sia detto. “Padre, quanto devo pagare perché il mio nome venga detto lì?”- “Niente”. Capito questo? Niente! La messa non si paga. La messa – ha ribadito Francesco – è il sacrificio di Cristo, che è gratuito. La redenzione è gratuita. Se tu vuoi fare un’ offerta falla, ma non si paga.

Questo è importante capirlo». Già altre volte il Pontefice argentino aveva preso le distanze dai «tariffari» legati alla celebrazione dei sacramenti come battesimi e matrimoni, o delle esequie. Ieri ha ripetuto la sua contrarietà specificando in particolare le messe di suffragio, che quotidianamente i sacerdoti celebrano pregando per le anime dei defunti. L’ offerta per la messa è contemplata dal Codice di Diritto canonico, che al numero 945 recita: «Secondo l’ uso approvato della Chiesa, è lecito ad ogni sacerdote che celebra la messa, ricevere l’ offerta data affinché applichi la messa secondo una determinata intenzione». Ma subito dopo precisa: «È vivamente raccomandato ai sacerdoti di celebrare la messa per le intenzioni dei fedeli, soprattutto dei poveri, anche senza ricevere alcuna offerta».

Risulta pertanto evidente che non di «tariffa» o «pagamento» si tratta, bensì di offerta, che in quanto tale è libera e soprattutto non richiesta a chi avesse difficoltà a versarla, come aveva già chiarito nel 2014 l’allora presidente della Cei Angelo Bagnasco: «I sacramenti non sono pagati in nessun modo. Le offerte che i fedeli intendono dare in forma libera sono un modo per contribuire alla necessità materiali della Chiesa».

È vero che esistono delle indicazioni di massima, ma queste vengono dalle singole diocesi o dalle singole conferenze episcopali regionali, come quella piemontese, che nell’ormai lontano dicembre 2001, aveva stabilito un’ offerta di 10 euro per la messa di suffragio sottolineando che non era lecito chiedere somme superiori. Un’ indicazione simile, anche come cifra, è stata proposta tre anni fa dalla conferenza episcopale umbra. Recentemente anche i vescovi della regione ecclesiastica lombarda hanno stabilito che l’offerta raccomandata sia di 10 euro, specificando che comunque si accolga ciò che i fedeli sono in grado di donare.

Offerte diversificate sono invece previste in uno dei santuari più frequentati, quello del Santo di Padova, dedicato a sant’Antonio: per la memoria dei defunti c’ è anche la possibilità della «messa perpetua» la cui offerta raccomandata è di 20 euro, (il defunto, insieme a molti altri, viene ricordato una volta l’anno, e per sempre, nelle intenzioni del prete celebrante), mentre attorno ai 400 euro si aggira l’offerta prevista per la messa cosiddetta «gregoriana»: in questo caso i parenti del defunto scelgono un sacerdote che per un mese intero celebra quotidianamente una messa in memoria del loro caro, nominandolo durante il rito.

Un discorso diverso riguarda le celebrazioni dei sacramenti. Nella stragrande maggioranza dei casi i «tariffari» non esistono o non esistono più e il sacerdote accetta una busta con del denaro al termine del rito senza averne in alcun modo concordato prima l’ ammontare. E se capita di trovarsi di fronte a persone che sono in grado di offrire poco o nulla, accade anche che vi sia chi non lascia alcuna offerta pur avendo a possibilità di farlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/03/2018 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.610 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com

  • 194,069 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Ambiente Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Daesh Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pobreza Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: