COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Un grano di sale, mattutino (32)

“Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri” (Marco 9,50)
Una parola, un granello di sale al giorno per dare sapore alla tua giornata. 


candele


PICCOLE CANDELE

Io sono come quelle piccole candele che si piegano al calore; non ho la rigidezza dei grossi ceri che però sono di legno: vuoti e falsi. Io sono un debole, ma sono vero. Così si confessa davanti al suo vescovo don Pacifico, il parroco protagonista di Campane a Sangiocondo, una delle opere di quella straordinaria (e del tutto ignorata) scrittrice che fu la romana Dolores Prato (1892-1983).

Forse pochi sanno che quelle splendide candele che si ergono ritte sui solenni altari delle grandi chiese, come quelle più tozze e basse ma perfette che sono collocate sugli altari moderni, sono sostanzialmente un «falso»: si tratta, infatti, di oggetti di plastica e, in passato, di legno che hanno al loro interno un meccanismo che spinge una piccola candela vera progressivamente verso l’alto, mentre si consuma. Bella è, quindi, la metafora del parroco di Sangiocondo: egli è genuino e sincero come un cero autentico.

Proprio per questo si piega, si consuma malamente secondo i colpi di vento, gocciola rivelando la sua natura. «Sono debole, ma vero», dichiara con semplicità e pochi di noi possono ripetere questa confessione perché spesso abbiamo rivestito una corazza di protezione e indossato persino una maschera che celi i nostri limiti. È quell’ipocrisia che Cristo sapeva subito snidare; è l’orgoglio raffinato che ci avvolge il cuore e l’anima; è quell’«apparire» a tutti i costi che diventa la legge che sostituisce l’impegno per «essere». Solo chi è come don Pacifico sa alla fine vedere meglio la realtà umana. Il vescovo, ad esempio, gli dice: «Nel cinema, nelle osterie, la gente non fa che divertirsi!». E lui: «Non si diverte, si stordisce; è diverso-».

Avvenire 10/04/2011
http://www.novena.it


gianfranco-ravasi-3da IL MATTUTINO di Gianfranco Ravasi,  presidente del Pontificio Consiglio della cultura.
Le riflessioni proposte quotidianamente dal cardinale su Avvenire, nel suo “Mattutino” (2002-2007 e 2011), offrono delle preziose occasioni per sostare qualche minuto in meditazione interrompendo la frenesia della giornata.
Il libro con la raccolta di queste riflessioni può essere acquistato in libreria.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/03/2018 da in ITALIANO, Un grano di sale.

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 614 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

  • 238.999 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: