COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Un grano di sale, mattutino (39)

“Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri” (Marco 9,50)
Una parola, un granello di sale al giorno per dare sapore alla tua giornata. 


  ascolta
UN DIO SORDOMUTO?

«Abbiate pietà di me, ascoltatemi, Signore! Abbiate pietà di quelli che si amano e sono stati separati!» – «Mi avete chiamato?» – «Aiutatemi, ho bisogno d’aiuto, abbiate pietà e vogliate aiutarmi!» – «No!».

Per comprendere questo dialogo, è necessario narrare la trama del dramma Il malinteso (1944) di Albert Camus, scrittore ateo ma con una sua originale domanda di Dio e su Dio. In una locanda remota e isolata la padrona uccide talvolta i viandanti che ospita per rubare i loro beni.

Un giorno giunge un suo figlio fuggito di casa molti anni prima e ora sposo di Maria. Nella notte la madre, che non l’ha riconosciuto, lo uccide per rapinare i suoi averi. All’alba, la moglie Maria scopre il delitto e lancia disperata il suo grido a Dio e agli altri. Nel dialogo da noi citato le sue parole sono raccolte da un vecchio servo sordomuto che rompe il silenzio e risponde con un gelido monosillabo finale: «No!». E qui cala il sipario. È evidente che egli incarni il Dio muto e indifferente al dolore dell’umanità, chiuso nel suo silenzio. Si delinea, così, un’esperienza tragica, vissuta anche da molti credenti quando scivolano nel gorgo della desolazione: «Dalla città si alza il gemito dei moribondi e la gola dei feriti grida aiuto: Dio non presta attenzione alle loro preghiere», esclama sconfortato Giobbe (24,12).

È l’amarezza condivisa anche dal morente Gesù, che così si rivela nostro fratello nel dolore: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?». Ed è proprio qui la risposta di Dio che non replica da un cielo dorato come il vegliardo sordomuto, ma che scende nel Figlio a bere il calice aspro e avvelenato della sofferenza e della morte per infondervi l’antidoto della sua divinità, della vita, della luce, perché sorga l’alba della sua e nostra Pasqua.

Avvenire /05/2011
http://www.novena.it


gianfranco-ravasi-3da IL MATTUTINO di Gianfranco Ravasi,  presidente del Pontificio Consiglio della cultura.
Le riflessioni proposte quotidianamente dal cardinale su Avvenire, nel suo “Mattutino” (2002-2007 e 2011), offrono delle preziose occasioni per sostare qualche minuto in meditazione interrompendo la frenesia della giornata.
Il libro con la raccolta di queste riflessioni può essere acquistato in libreria.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/03/2018 da in ITALIANO, Un grano di sale.

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 419 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

  • 221.700 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: