COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Santo del giorno: Zeno di Verona

Santo del giorno

Una rassegna quotidiana dei Santi, maestri e testimoni del Vangelo di tutti i tempi che come fari luminosi orientano il nostro cammino di cristiani e missionari.

 12 Aprile
Zeno di Verona.
Il pastore «africano» che fu maestro di umiltà


Zeno di Verona.JPG


La figura di san Zeno (o Zenone) appartiene all’identità profonda della comunità cristiana veronese e ancora oggi indica alla città veneta la via da percorrere per la santità. La sua origine è incerta, ma c’è consenso nell’indicare la Mauretania (la regione costiera oggi tra Algeria e Marocco) come sua terra natale. Giunto a Verona visse per un certo numero di anni da monaco per diventare nel 362 l’ottavo vescovo della comunità locale. Nella novantina di sermoni giunti a noi si coglie la preoccupazione principale di questo pastore santo: l’insegnamento della corretta fede minacciata da un paganesimo ancora diffuso. Viene ricordato anche per la sua umiltà, radicata in un autentico senso di povertà. La data della morte è incerta e varia tra il 371 e il 380. Verona lo festeggia il 21 maggio, giorno della sua traslazione avvenuta nell’anno 807.

Altri santi. San Damiano di Pavia, vescovo (VII-VIII sec.); san Giuseppe Moscati, laico (1880-1927)

Matteo Liut
Avvenire


San Zeno (o Zenone) è il Santo Patrono della città di Verona. Africano originario della Mauretania, da cui deriva il soprannome di Vescovo Moro, fu il primo vero evangelizzatore della città scaligera e suo ottavo Vescovo cristiano, dal 362 fino alla morte nel 380.

Come numerosi vescovi cristiani dell’epoca visse in austerità e semplicità, pescando spesso nell’Adige il pesce per il proprio pasto; per questo è considerato IL SANTO PROTETTORE DEI PESCATORI DI ACQUA DOLCE. Pur essendo molto semplice nelle abitudini era comunque persona colta ed erudita, formatosi alla scuola di retorica africana, i cui maggiori esponenti furono Apuleio di Madaura, Tertulliano, Cipriano e Lattanzio. Sono giunti fino a noi numerosi suoi sermoni, di cui sedici lunghi e settantasette brevi, che testimoniano come egli, nella sua opera di evangelizzazione, si confrontò con il paganesimo ancora diffuso e si applicò per confutare l’arianesimo. Il sermone quindicesimo, ad esempio, traccia un parallelo tra la figura di Giobbe e quella di Gesù Cristo. A lui i devoti veronesi hanno dedicato la grande BASILICA DI SAN ZENO, che da molti autori è ritenuta il principale capolavoro del romanico in Italia. Sulle formelle in bronzo del portale, sui bassorilievi in pietra a sinistra e a destra dell’ingresso e in alto sul protiro è raffigurata la vita di san Zeno con i suoi miracoli. Mentre nel dipinto in alto san Zeno compare tra cavalieri (a destra) e fanti, simboli dell’aristocrazia e del popolo riuniti nella fede cristiana. All’interno della chiesa il Santo è raffigurato sorridente anche in una statua di bronzo inserita in una piccola abside che si trova sulla sinistra del presbiterio.

La sua festa è fissata nel martirologio al 12 aprile ma la Diocesi di Verona lo celebra il 21 maggio, nel giorno della traslazione del corpo ad opera dei santi Benigno e Caro, dalla temporanea sepoltura nella Cattedrale lo portarono nella zona dell’attuale Basilica il 21 maggio 807. Numerosi sono i miracoli e le leggende che i fedeli attribuiscono al Vescovo Moro. Una curiosa riguarda UNA SCOMMESSA CHE IL SANTO AVREBBE FATTO CON IL DIAVOLO: con la vittoria in una partita a palla, giocata con la punta di una montagna, egli avrebbe ottenuto in premio una fonte battesimale in porfido (quella oggi visibile all’entrata della chiesa) che il diabolico rivale fu costretto a portare sulle spalle fin da Roma. Un’altra leggenda racconta di come San Zeno riusci a guarire la figlia indemoniata del magistrato Gallieno di Rezia, ricevendo dal padre in dono una preziosa corona. Il miracolo più straordinario è quello riferito da Papa Gregorio e narra di un improvviso straripamento delle acque del fiume Adige che sommersero tutta la città; quando le acque arrivarono a minacciare la cattedrale, dove il longobardo Re Autari si era appena sposato con la bella principessa Teodolinda, esse vennero fermate dal Santo sulla porta. Qui rimasero per alcuni giorni, alte e minacciose ma incapaci di invadere l’interno, ed i veronesi si salvarono aspettando nella cattedrale che la piena scemasse.

https://www.verona.net


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12/04/2018 da in ITALIANO, Santo del giorno.

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.563 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

  • 181,063 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cibo Cina Contemplazione Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dialogo Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Madonna Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria Noël P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: