COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Dal rigattiere di parole (2)

Tulipano

Rigattiere di paroleQuello che qui incuriosisce è la derivazione del suo nome: si ritiene infatti che il tulipano sia stato definito così per via dei petali che si compongono come le pieghe di un turbante, detto “dulbend” dai turchi e recepito come “tulband” nei Paesi Bassi, che in tardo latino divenne “tulipa”.

Lo conoscono tutti e non ci soffermeremo a parlare di botanica. Quello che qui incuriosisce è la derivazione del suo nome: si ritiene infatti che il tulipano sia stato definito così per via dei petali che si compongono come le pieghe di un turbante, detto “dulbend” dai turchi e recepito come “tulband” nei Paesi Bassi, che in tardo latino divenne “tulipa”.

Proveniente dall’Asia Centrale, questo fiore tuttora molto amato trovò la prima ampia considerazione proprio in Turchia e da qui, sulla scia dei grandi commerci del XVI secolo, raggiunse i Paesi Bassi, dove si ottennero nuove varietà sempre più elaborate e più belle, più richieste e più pagate. “Nel 1600 il tulipano, acclamato come il nuovo re del giardino, subentrava alla rosa, l’indiscussa regina fino a quel momento” (Mike Dash, La febbre dei tulipani, 1999). Per un nuovo tipo di tulipano era necessario impiegare molto tempo e nella ricchissima Olanda dell’epoca d’oro la domanda dei collezionisti fu talmente superiore all’offerta che si generò un’ondata di speculazioni finanziarie sempre più ardite, e quella dei tulipani è considerata la prima bolla speculativa della storia. Il più alto prezzo pagato per un bulbo di tulipano, nel 1637, fu di 5.200 fiorini, quando il guadagno medio di un ricco mercante era di 3mila fiorini all’anno e il salario di un falegname di 250. Per “La ronda di notte”, il suo capolavoro, Rembrandt fu pagato nel 1642 1.600 fiorini, quasi un terzo del bulbo più prezioso.

Paolo Stefanato – Mer, 07/05/2014
http://www.ilgiornale.it/sezioni/cultura.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15/04/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag .

  • 298.685 visite
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 576 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
p.mjoao@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: