COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Bombe italiane in Yemen, la denuncia penale delle Ong: «Violata la legge 185»

Secondo le organizzazioni, Rwm Italia e le autorità italiane «sono complici di un attacco aereo dall’esito mortale sferrato nello Yemen dalla coalizione guidata dall’Arabia Saudita»


 Nello Scavo
Avvenire mercoledì 18 aprile 2018
armi1

Il resto di una bomba “italiana” sganciata su un abitato civile


Una coalizione internazionale di Organizzazioni Non Governative ha depositato una denuncia penale contro Rwm Italia, filiale italiana del produttore di armamenti tedesco Rheinmetall AG, e contro l’Autorità Nazionale per le autorizzazioni all’esportazione di armamenti (Uama). Secondo le organizzazioni il produttore di armi e le autorità italiane “sono complici di un attacco aereo dall’esito mortale sferrato nello Yemen dalla coalizione guidata dall’Arabia Saudita”.

Alle 3 dell’8 ottobre 2016, un raid aereo condotto verosimilmente dalla coalizione militare guidata dai saudita ha colpito il villaggio di Deir Al-Hajari, situato nello Yemen nord-occidentale. Il raid ha ucciso una famiglia di sei persone, tra cui una madre incinta e quattro bambini. Sul luogo dell’attacco sono stati rinvenuti dei resti di bombe e un anello di sospensione prodotti da Rwm Italia. Per far luce sul contributo “Made in Italy” nell’episodio che ha ucciso dei civili, il 17 aprile 2018 l’European Center for Constitutional and Human Rights (Ecchr), insieme alla Rete Italiana per il Disarmo e all’organizzazione yemenita Mwatana Organization for Human Rights, hanno presentato una denuncia penale alla Procura di Roma.

Ai pm viene chiesto di avviare un’indagine sulla responsabilità penale dell’autorità italiana che autorizza le esportazioni di armamenti (Unità per le Autorizzazioni dei Materiali d’Armamento – Uama) e degli amministratori della società produttrice di armi Rwm Italia spa per le esportazioni di armamenti destinate ai membri della coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita.



“Tutte le parti coinvolte nel conflitto nello Yemen hanno ripetutamente violato i diritti umani e la popolazione civile sta affrontando una crisi umanitaria di vaste proporzioni”, si legge nella denuncia. Numerosi attacchi aerei sferrati dalla coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita sono stati giudicati dalle Nazioni Unite in violazione del diritto umanitario internazionale.

“Le esportazioni di armi ancora in atto da parte dei Paesi europei favoriscono l’uccisione di civili, mentre società come la tedesca Rheinmetall AG e la sua filiale italiana Rwm Italia spa – insistono gli attivisti – traggono vantaggio da questo business. Allo stesso tempo, i Paesi esportatori forniscono aiuti umanitari alla medesima popolazione colpita da queste armi”.


Bonyan Gamal, attivista della ong yemenita Mwatana Organization for Human Rights

Bonyan Gamal, attivista della ong yemenita Mwatana Organization for Human Rights


A detta della coalizione di Ong, “l’ipocrisia è sconcertante e si protrae a causa della mancata attuazione del regime normativo europeo sul controllo delle esportazioni di armi in relazione ai diritti umani”, afferma Miriam Saage-Maaß, vice direttore per gli affari legali di Ecchr. “E’ pertanto di fondamentale importanza avviare un’indagine sulla responsabilità penale per queste esportazioni di armi e le relative autorizzazioni”.Sulla denuncia interviene Francesco Azzarello, direttore dell’Uama(l’Autorità nazionale per le autorizzazioni delle esportazioni di armamento): “L’Autorità nazionale Uama – dichiara – è sempre, peraltro come già accaduto nel recente passato, a completa disposizione della magistratura, ed è serena, poiché le autorizzazioni alle esportazioni vengono, necessariamente, rilasciate in base alla normativa vigente, e sempre conformemente alla politica estera e di difesa dell’Italia”.

Negli anni scorsi dopo le denunce di Rete Disarmo e le inchieste di Avvenire, erano state aperte due inchieste, una dalla procura di Brescia (dove ha sede legale la Rwm) e una dalla procura di Cagliari (dove hanno sede gli stabilimenti produttivi). Entrambi i fascicoli sono poi stati trasmessi per competenza alla procura di Roma, che sta esaminando la regolarità delle esportazioni. Le norme, e la Costituzione, vietano infatti di trasferire armamenti a Paesi in conflitto.

L’intervista di Medici Senza Frontiere:

«Devastante l’impatto della guerra sulla sanità»


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19/04/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 503 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

  • 214.384 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: