COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

IV Domenica di Pasqua (B) Lectio

IV DOMENICA DI PASQUA (B)
Giovanni 10, 11-18


buon_pastore - Tutti ti cercano

11 Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore.

Gesù già si è presentato come porta (Gv 10,7.9) perché egli stesso è l’accesso alla vita, l’alternativa alla morte; pastore, invece, è termine che descrive la sua attività con coloro che il Padre gli ha dato (6,39). Gesù non è un pastore fra tanti, ma il modello, quello vero, o` poimh.n o` kalo.j (il termine greco o` kalo.j = ho kalòs, in posizione enfatica, lungi dall’alludere a “buono” [buonismo ecc.] indica, invece, “bello”, “vero”, “eccellente”, tutto ciò che si impone alla nostra attenzione, cfr. anche 2,10; 10,32); caratteristica del pastore vero è dare la vita per i suoi (cfr. 15,13). La vita viene comunicata soltanto dall’amore, che è dono di sé agli altri (15,13). Il massimo dono di sé è la piena comunicazione dell’amore.

12 Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; 13 perché è un mercenario e non gli importa delle pecore.

Come prima l’immagine della porta (10,7.9), anche la figura del pastore (cfr. 10,2) appare in opposizione a una figura negativa quale quella del salariato/ mercenario (10,11-13). L’opposizione tra il pastore e il salariato si fonda sulle reciproche motivazioni: il pastore vero presta il suo servizio rinunciando al proprio interesse, disposto a dare la vita per le pecore; il salariato lo fa per denaro e, in caso di pericolo, lascia che le pecore muoiano. Il lupo è un’altra figura negativa, in parallelo con quella dei ladri e briganti (10,8): rapisce e disperde. Il lupo compie nel gregge la medesima strage che compiono i ladri e briganti (10,8). L’opera delle figure negative è contraria a quella di Gesù: raccogliere in uno i figli di Dio dispersi (11,52).

14 Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, 15 così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore.

Gesù descrive la sua relazione con i suoi. Prima ha affermato una conoscenza personale di ciascuno di loro che egli chiamava per nome per condurli fuori dal recinto (10,4). Ora dichiara che fra lui e la comunità, come insieme di persone, esiste una relazione personale di conoscenza profonda e intima. Per questo l’espressione conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me indica la relazione fra Gesù e i suoi creata dalla partecipazione allo Spirito (1,16). Questa relazione di conoscenza-amore è tanto profonda che Gesù la paragona a quella che esiste fra lui e il Padre, basata anch’essa sulla comunione di Spirito (1,32; 4,24). È l’esperienza di amore che genera la vera appartenenza alla comunità di Gesù, non è una affiliazione esterna e burocratica.

16 E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore.

Gesù scopre l’orizzonte della sua futura comunità. La sua missione non si limita al popolo giudeo, si estende ad altri (11,52-54). Questo universalismo è in consonanza con la concezione di Giovanni che, fin dal Prologo, colloca il suo vangelo nel contesto della creazione. Si farà un gregge non chiuso, del tutto aperto, e unito dalla sola convergenza nell’unico pastore, Gesù. Le nuove traduzioni, fedeli al testo greco, superano l’equivoco creato dalla Vulgata che induceva in errore parlando di “unum ovile” piuttosto che di “unus grex = unico gregge”.

17 Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita: per poi riprenderla di nuovo. 18 Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio”.

Il disegno di Dio è dare vita all’umanità (6,39s). Gesù lo fa suo (4,34; 5,30; 6,38) e così è una cosa sola con il Padre (10,30). A partire dal momento in cui il Padre, con lo Spirito, gli conferisce la missione (1,32s), tutta la sua esistenza è interamente dedicata a condurla a termine, identificando la sua attività con quella del Padre (5,17). Gesù consegna se stesso e così si arricchisce, perché dare se stesso significa acquistare la pienezza del proprio essere. Chi dispone della propria vita per darla sa che dispone di essa per riaverla indistruttibile e definitiva come lo Spirito. Gesù afferma la sua assoluta libertà nel dono della propria vita, libero come lo è il dono dell’amore, che per sua stessa natura deve essere completamente libero. Questo è il patrimonio di ogni uomo che nasce dallo Spirito. In Gesù c’è una relazione con il Padre che nasce dalla sintonia nello Spirito. La relazione non è di sottomissione ma d’amore: è operando liberamente che egli mostra la sua unità con il Padre e gli esprime il suo amore. Il comandamento del Padre non è un ordine, ma un incarico che egli assume per assonanza con il Padre. Anche il discepolo di Gesù non agisce per comando ma, per identificazione interiore (14,15-17): se mi amate, osserverete i comandamenti miei; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paraclito perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi. Giovanni utilizza il termine “comandamento” per confrontarlo con quelli dell’Antica Legge. Mosè ricevette da Dio numerosi comandamenti (Es 24,12; Dt 12,28, ecc.); Gesù ne riceve uno solo, quello dell’amore fino all’estremo (cfr. 13,1). Da questo amore nascono le Beatitudini, questi minimi precetti (Mt 5,19), che servono a costruire la felicità degli uomini.

Riflessioni…

  • Il suono e il richiamo della sua voce hanno sempre lo stesso timbro, la stessa musicalità: voce inconfondibile che parla ai sensi, alla mente, al cuore. Le pecore del gregge hanno ormai imparato la forza suadente, convincente ed amorevole del richiamo del buon Pastore.
  • Il Pastore sa parlare, perché sa ascoltare: magia e mistero della comunicazione e della relazione, dove l’uomo diviene persona vera e ove si compie il mistero delle relazioni divine.
  • Ed ogni uomo si sente pensato, amato, chiamato per nome, mentre il Pastore fa esercizio di memoria intrecciando nomi e situazioni, e si accorge di non aver dimenticato nessuno. Trova conferma che ama tutti, anche nemici, senza distinzione: è la follia suprema del suo amore.
  • Darebbe la vita per tutte le pecore, e per ognuna. È davvero un Pastore buono. Anzi è un Pastore unico nel suo genere: è un Dio. Ed è bello per Lui e per l’uomo vivere questa fusione di conoscenza, di relazione, di vita. Sembra che, insieme, abbiano lo stesso destino. Almeno così desidera questo Pastore.
  • Egli parla una sola lingua: invita ad uscire fuori degli angusti recinti di schiavitù, di dipendenza, di inutile sofferenza, spingendo tutti verso prati senza confini: la salvezza sta nei senza confini, negli spazi illimitati, dove non c’è paura di ladri, briganti, ladroni e mercenari. Invita tutti a seguirlo, e propone di donare anche la propria esistenza per…
  • …donare e ri-donare, in costante flusso d’amore, come tra il Padre che nel volto amato del Figlio rivede la bellezza d’origine, il Figlio che illumina il volto rinnovato della terra e degli uomini, lo Spirito che fa ogni cosa nuova e divina. Mentre l’uomo riesce a rivivere nuovi significati e riprende a sperare nella vita che intanto riprende colori. Ad un patto sincero di solidarietà, ove non per un Dio solo, ma con Lui insieme prende inizio ogni salvezza.
  • Chi riesce a donare anche la vita, ne ritrova il senso, si riappropria del suo valore, giunge persino a goderla di più, quando lo fa con libertà e disponibilità suprema. È il gesto che ha compiuto Lui per primo, confermando la bontà del comando d’amore, in forza dello Spirito che è in Lui. E grazie allo stesso Spirito, l’uomo è in grado di porre in essere medesimi progetti di incondizionata donazione.

Associazione “il filo – gruppo laico di ispirazione cristiana” – Napoli http://www.ilfilo.org

 

Annunci

Un commento su “IV Domenica di Pasqua (B) Lectio

  1. Luca Zacchi
    24/04/2015

    L’ha ribloggato su Luca Zacchi, energia in relazionee ha commentato:
    Per prepararsi alla prossima domenica, giorno del Signore, IV di Pasqua anno B.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19/04/2018 da in anno B, Domenica - lectio, ITALIANO, Liturgia, Pasqua (B) con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 593 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

  • 230.939 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: