COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Dal rigattiere di parole (8)

Forbice, forbici

rigattiere-di-parole1

Sembra un quesito senza risposta: perché, per indicare il consueto strumento da taglio, si dice forbici al plurale? Anzi, proprio un “paio”, ovvero “cosa non divisibile ma formata di due parti della stessa forma e misura”? La gran parte dei dizionari, antichi e moderni, alla voce forbice avvertono che l’uso è prevalentemente plurale, molti registrano direttamente la parola forbici, omettendo il singolare.

Se l’uso plurale sembra fuori dubbio, nessuno spiega perché lo si preferisca. La derivazione latina, forfex, forficis, non aiuta.

A ben curiosare, però, le definizioni di forbici/e individuano due oggetti differenti. Per la prima parola, al plurale, ci affidiamo allo Zingarelli: “Strumento da taglio, composto di due coltelli o lame d’acciaio incrociate e imperniate nel mezzo, fornite a un’estremità di anelli in cui infilare le dita per adoperarle”: è l’utensile che tutti conosciamo. Ma il D’Alberti di Villanuova definisce la forbice, al singolare, così: “Strumento di ferro da tagliar panno, tela e simili, fatto d’una lama di ferro ripiegata nel mezzo, la quale ripiegatura detta calcagno, fa ufficio di molla, e le due parti rappresentano due coltelli che si riscontrino col taglio, e stretti insieme mozzano tutto ciò che vi s’interpone”. La definizione viene ripresa, identica, dal Tommaseo e da altri autori.

Quest’ultima descrizione, al singolare, si riferisce a uno strumento più elementare e più antico, un elemento unico che riproduce la forma di una V, dove l’angolo è rappresentato dal calcagno a molla. Mentre le forbici comuni, unite nel mezzo da un perno, hanno la forma di una X, ovvero di due V unite e contrapposte, e appaiono quindi come un elemento doppio. Dunque il plurale potrebbe derivare proprio dalla forma: la forbice, singolare, è una V; mentre la X, che si compone di due V, rappresenta quindi due forbici, una caratterizzata dalle lame, l’altra caratterizzata dagli anelli.

Un’analogia dal mondo animale può aiutare. Forbice è “ciascuna delle chele dei granchi e degli scorpioni” (Devoto Oli); anch’esse sono organi a forma di V, e indicandone una sola non c’è infatti esitazione nel chiamarla al singolare,”chela”.

Paolo Stefanato
http://www.ilgiornale.it/sezioni/cultura.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21/04/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 593 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

  • 230.946 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: