COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Dal rigattiere di parole (17)

Fagotto

rigattiere-di-parole1

Ma che cosa c’entra l’elegante strumento della famiglia dei legni presente in orchestra con il fardello fatto alla meglio per spostare della roba? A prima vista, proprio niente.

La parola deriva dal francese fagot (fascina, fastello) e dal Medioevo indica un involto, un pacco fatto un po’ alla rinfusa. Il fagotto-strumento, messo a punto da Afranio degli Albonesi, canonico a Ferrara, arriva prima del 1539: e in origine aveva un mantice a soffietto che lo faceva assomigliare, appunto, a un fagotto. Far fagotto tuttora significa andarsene malamente e di fretta, “far le balle per battersela”, per dirla con il D’Alberti di Villanuova, dove “le balle” sono proprio sinonimo di fagotto, “quantità di roba messa insieme e rinvolta in tela, per trasportarla di luogo in luogo” (da cui “imballare”). “Far fagotto” è anche un modo ironico per dire “morire”. Fagotto è, inoltre, un abito troppo largo e sgraziato, da cui “infagottare, infagottato” che sta anche per goffo, impacciato, arfasatto. Il Tommaseo annota grevemente: “Di donna sporca si suol dire che è un fagotto o una balla di panni sudici”. Il Panzini, più lieve, ci ricorda che “fagottino” è il nome popolare di vari dolci, ripieni “a fagotto” d’uva o fichi secchi.

Fino a tutto l’Ottocento i dizionari citano lo strumento musicale, ma senza soffermarvisi; esso prende la forma attuale nel corso dei secoli, il suo uso orchestrale inizia nel Settecento e la fabbrica tedesca Heckel lo arricchisce e lo potenzia alla fine del XIX secolo . Il mantice della forma iniziale fu superato già nel 1570, in Germania, ma, anche senza l’originale somiglianza, lo strumento continuò a chiamarsi fagotto. Oggi appartiene alla famiglia dei legni, è costruito in acero, ha una gamma di toni bassi, ancia doppia, lunga canna e beccuccio ripiegato a collo d’oca. Curioso notare che fino a un secolo fa veniva indicato come strumento “da” fiato e non “a” fiato, come diciamo oggi.

Per il solo Zanobetti “fagotto da artifizio” è un “sacchetto pieno di materiali combustibili che attaccato ad una picca si lancia contro i vascelli nemici per incendiarli” (la picca è un’asta di legno con punta di ferro usata dalla fanteria).

Paolo Stefanato
http://www.ilgiornale.it/sezioni/cultura.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/04/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 513 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

  • 215.736 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: