COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

La Madonna nell’arte (6)

La Madonna sul monte che avvicina le civiltà.

Chi, attraversando l’arida Samaria, giunge alle pendici del Carmelo s’impatta con la bellezza verdeggiante di un monte che è promessa di acqua e fertilità, per una terra che si dibatte fra il deserto roccioso e il mare. Nella Bibbia il Carmelo è immagine di una bellezza femminile prorompente e pura, come attesta il Cantico dei Cantici:«Il tuo capo si erge su di te come il Carmelo e la chioma del tuo capo è come la porpora». I toni della porpora dominano una tela del barocco sud americano dedicata alla Virgen del Cerro.

Anonimo. Virgen del Cerro (Madonna del Monte), Olio su tela, 72 × 92 cm.  1701 – 1800 Museo Nazionale d'Arte (La Paz, Bolivia)

La Madonna della montagna, che nella tradizione europea si lega spontaneamente alla Vergine del Carmelo, è legata, presso il popolo andino, all’archetipo della Grande Madre. El cerro del Potosí, celebre cima della Bolivia, ben prima dell’arrivo degli europei era venerato come la Reina, la regina di tutti i monti. Un tale culto si fuse spontaneamente a quello della Vergine la quale, avendo portato in sé il Salvatore, è regina di tutte le Madri. Nasce così l’iconografia della Virgen del Cerro: dalla sommità del monte sbucano il volto di Maria e le sue mani aperte, in atto di ricevere e subito donare. Questa forma “montana” di Maria si ritrova in altre Madonna della regione andina, come la Virgen de Pomata, dove il caratteristico abito (dalmatica o piviale) viene ad assumere la forma di un monte. Fu proprio attorno al XVI secolo, che invalse l’uso di rivestire in tal modo le statuette della Vergine Maria (ad es. a Loreto).

6 Anonimo Escuela Cuzqueňa. Virgen del Rosario de Pomata. Olio su tela, 163 x 110 cm XVIII sec. Museo di Arte Coloniale, Bogotà (Colombia).


Un esemplare del XVIII secolo, realizzato dalla Scuola Cuzqueňa (quindi peruviana), offre l’immagine di Maria che, come santa Montagna, offre il suo frutto più prezioso: il Re del Cielo. Le mani della Madonna, una delle quali con il palmo aperto, reggono un rosario rosso fuoco, come i cuori di coloro che la venerano. Lo sguardo della Vergine di Pomata è rivolto al Figlio, mentre questi guarda noi, quasi rassicurandoci circa la potente intercessione della Madre.

La Virgen del Cerro, invece, rivolge occhi e orecchio, (ben visibile per l’orecchino a forma di rosario) alla Trinità. Come la cima del monte è rivolta verso il Cielo, così il cuore della Vergine è rivolto verso l’Altissimo. Come la montagna è bagnata dalle acque del Cielo che convoglia nelle valli fecondandole, così Maria riceve da Dio le grazie da distribuire ai fedeli a lei affidati. Una serie di personaggi, su scale differenti popolano la scena. Troviamo Papa Paolo III e re Carlo V, segni del potere spirituale e temporale, e ai lati i donatori. Su scala ridotta, lungo le pendici del monte, vediamo gli indigeni che scoprono giacimenti d’argento, il re Inca, fondatore di Potosí, e i conquistatori spagnoli che acclamano la regina del Cielo. L’opera narra l’integrazione avvenuta fra popoli diversi grazie alla fede. Come in Messico (con la Guadalupe), anche qui Maria forgia una nuova cultura ed è strumento di comunione fra i popoli. In un’epoca di scontro fra civiltà affidiamoci alla Vergine del Monte: lei ci aiuterà a entrare in quel connubio fra umano e divino che allontana il devozionismo e genera una fede capace di cultura.

Dentro la bellezza A cura di Gloria Riva

Avvenire 17/07/2014

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 06/05/2018 da in Arte, ITALIANO, La Madonna nell’arte, Vergine Maria.

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 593 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

  • 230.946 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: