COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sul mondo e sulla Chiesa — MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the world and the Church

L’elogio degli alberi


05__Ulivo__51363951.jpg


Ermanno Olmi
Avvenire domenica 5 giugno 2016
​Il regista Ermanno Olmi: «Sono il simbolo della vita». E ricorda un tema a scuola: «Salivo sul ramo più alto e dialogavo. In realtà parlavo con me stesso.
Ho studiato dai Salesiani a Milano, ero un pessimo scolaro. Eravamo alla fine dell’anno, e nell’ultimo tema di italiano scrissi di un mio rapporto speciale con un albero: nel testo mi arrampicavo fino al ramo più alto e stavo a dialogare con lui; ma era un monologo, perché il vero dialogo era con me stesso. Agli scrutini mi aspettavo un disastro su tutta la linea, invece sul tabellone lessi “promosso” e rimasi sorpreso. Il professore di lettere, un giovane sacerdote di 24 anni, era lì nell’atrio della scuola e incrociò il mio sguardo: «Ti ho promosso per il tuo racconto fra te l’albero», mi disse.

Quando il Padreterno, soffiando sulla materia inerte, ha portato nel mondo la presenza dell’uomo, risultato ultimo della Creazione, ci ha fatto e, soprattutto, ci ha raccomandato di essere liberi. Se un percorso scolastico viene ridotto a schema di comportamenti, non solo impoverisce il rapporto con la realtà ma si offende Dio. Il salesiano aveva capito cosa c’era al di là della mia sprovvedutezza (io, naturalmente, all’epoca non avevo fatto queste considerazioni) e ha sottoscritto la raccomandazione del grande artefice. Questa credo sia la condizione giusta, necessaria, di tutti gli esseri umani. Senza questa libertà innanzitutto ci confonderemmo. C’è un dato esclusivo negli alberi, che ci fa dialoganti con noi stessi. Sul retro della mia casa, qui ad Asiago, inizia il bosco. È un luogo che da sempre contiene tutti i misteri. Gli alberi hanno bussato alla mia innocenza di bambino e si sono presentati come amici.

Ne Il mistero del bosco vecchio, il colonnello Procolo solo alla fine capisce che gli alberi sono una presenza amica, e che ognuno di loro è dotato di un’anima. È un’idea che è già nel bellissimo racconto di Dino Buzzati, da cui ho tratto il mio film: gli alberi del bosco sono come le persone, parlano tra loro, soffrono quando vengono abbattutti. Tiziano Terzani suggeriva, quando siamo costretti a tagliare un albero, di chiedergli almeno scusa e spiegargli il perché. Nell’Albero degli zoccoli un contadino taglia una pianta per intagliare le scarpe al figlio, e per questo viene cacciato dal padrone. Moravia mi imputava il fatto che per fare uno zoccolo veniva tagliato un albero intero: ma per quello scopo serviva il legno di un’“albera”, ossia di un pioppo: un legno che deve essere ancora “vivo” quando è lavorato, perché quando è morto e ormai privo della linfa, diventa duro e resistente. Il contadino, quindi, non taglia l’albero a caso.

Questa storia fa emergere due modi di avvicinarci alla natura che corrispondono a dinamiche di disponibilità e di possesso: i contadini la vivono come disponibilità e fatica, il padrone come possesso e sfruttamento. Quest’ultimo è il “proprietario” della terra, ma Jean-Jacques Rousseau, diceva: «Se vi dimenticate che i frutti sono di tutti, e gli alberi di nessuno, voi perirete». La natura ci dona tutto ciò che per noi è necessario alla vita. Non solo l’albero grande: persino un filo d’erba. Ma l’albero condensa simbolicamente e materialmente in sé, in quanto creatura che appartiene alla terra, tutto ciò che ci consente di vivere. Senza alberi non saremmo nati. «I frutti sono di tutti, gli alberi di nessuno», perché noi e loro facciamo tutti parte del grande sistema della vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 07/05/2018 da in Cultura, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 481 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

  • 207.394 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

1-2 Samuele Africa Afrique Ambiente Amore Ano B Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Mission Missione Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa RDC Regola di Vita Rifugiati Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Testimonianze Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: