COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Armi ed eserciti: nuovo record storico

Carri armati cinesi

Più armamenti per tutti

2017-Military-Spending.jpg

xSpesa-armamenti

Italia : Si taglia tutto, ma mai la spesa per le armi: nel 2018 aumenta del 7% (https://addioallearmi.it)

Aumenta la spesa per gli armamenti

Non c’è nessun processo di disarmo, anzi non si è mai speso così tanto in fucili, pistole, cannoni, carri armati, aerei e navi dalla fine della guerra fredda. A diffondere le cifre è l’ultimo rapporto dell’Istituto internazionale di Stoccolma per le ricerche sulla pace (Sipri). Nel 2017 le spese militari complessive a livello globale sono cresciute dell’1,1 per cento rispetto all’anno precedente, arrivando alla cifra di 1.739 miliardi di dollari, pari al 2,2 per cento del pil mondiale. Gli Stati Uniti restano il paese che spende di più come cifra assoluta, ma è la Cina a segnare il record di crescita degli investimenti in armi: più 110 per cento. La Russia, invece, conferma un taglio, anche se non del 20 per cento annunciato dal Sipri.

I paesi che in assoluto hanno investito di più in armamenti sono cinque: Stati Uniti, Cina, Arabia Saudita, India e Russia. La somma di quanto hanno stanziato queste nazioni rappresenta il 60 per cento del totale mondiale.

A spendere di più sono gli Stati Uniti, che coprono un terzo di questa cifra. In particolare, spendono quasi tre volte di più rispetto ai cinesi, arrivando a 610 miliardi. Ma per Washington si tratta comunque di un dato che segna una riduzione nell’ultimo decennio (meno 14 per cento).
Per Asia e Medio oriente, invece, si segnala una costante crescita della spesa in armamenti, con il boom della Cina che registra un più 110 per cento.
In generale, quattro dei quindici paesi con i maggiori investimenti nelle armi sono in Europa occidentale: Gran Bretagna, Francia, Germania e Italia, che è dodicesima — con 29,2 miliardi — ma segna una riduzione del 17 per cento dal 2008. Se si parla invece di crescita della spesa militare, allora si deve citare l’Europa centrale e orientale, in cui si registrano crescite del 20 e del 33 per cento.
In Medio oriente, l’area del mondo che maggiormente ha a che fare con i conflitti, i capitali usati per gli armamenti sono è cresciuti nell’ultimo decennio del 29 per cento. La Turchia nello stesso periodo ha speso quasi la metà in più rispetto al periodo precedente, arrivando al quindicesimo posto nella classifica mondiale. Anche l’Iran ha ripreso ad aumentare la spesa militare dal 2014, dopo il progressivo allentamento delle sanzioni occidentali per il positivo sviluppo delle trattative sul nucleare. Teheran negli ultimi tre anni ha fatto registrare un aumento del 37 per cento.
Israele ha raggiunto il suo massimo nel biennio 2014-2015, in coincidenza con le operazioni militari a Gaza. Poi è seguito un calo. Siria, Yemen, Qatar e Emirati Arabi non forniscono dati ufficiali.
Asia e Oceania hanno aumentato le spese per il ventinovesimo anno di seguito, con la Cina che fa da traino, investendo in armi 228 miliardi: da sola vale il 13 per cento della spesa mondiale. In Giappone la spesa è quasi invariata.
Nelle Americhe la cifra stanziata risulta invariata se si guarda all’ultimo anno, ma considerando gli ultimi dieci anni si evidenzia un calo dell’11 per cento rispetto al 2008.
L’Osservatore Romano, 3-4 maggio 2018
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 09/05/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.601 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
maggio: 2018
L M M G V S D
« Apr    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

  • 187,913 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Afrique Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Daesh Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria Noël P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: