COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Sud Sudan, suicidio di genere

3.jpg

La nazione più giovane del mondo è ora al suo quinto anno di conflitto e la violenza ha portato alla morte di decine di migliaia di persone. Uomini e donne, ma soprattutto ragazze e bambini.

di Sonia Berti
Venerdì, 01 Giugno 2018
http://www.combonifem.it 

È una triste realtà che nelle situazioni in cui scoppia un conflitto armato, sono i membri più vulnerabili delle società: le ragazze, i bambini, che vengono più colpiti dalle conseguenze della guerra. Le sei violazioni più comuni sono il reclutamento e l’uso di bambini in guerra, uccisioni, violenze sessuali, rapimenti, attacchi a scuole e ospedali e la negazione dell’accesso umanitario.

Il 19 agosto 1982, stimolata dalle emergenze in Palestina, l’Assemblea Generale decise di commemorare il 4 giugno di ogni anno come Giornata internazionale dei bambini innocenti vittime dell’aggressione.

Spesso le violenze e i soprusi causati dalla guerra non pesano solo sui bambini e sulle bambine, ma anche sulle giovani ragazze, influenzando umori, distruggendo famiglie, eliminando ogni prospettiva futura. A documentarlo è un report di Plan International “Adolescenti in crisi: voci dal Sud Sudan”.

Questo rapporto si basa su ricerche condotte con ragazze e membri delle loro famiglie in più siti nel Sud Sudan e in Uganda. Esplora come le ragazze adolescenti in due fasce di età (10-14 anni e 15-19 anni) comprendono e rispondono all’impatto unico che la crisi del loro paese ha su di loro. Cerca di amplificare le loro voci e le loro percezioni della crisi e presenta le loro opinioni su come il settore umanitario potrebbe rispondere.

Negli ultimi 5 anni, il conflitto civile nel Sud Sudan ha lasciato una ragazza suicida su quattro, traumatizzate fisicamente e a causa delle violenze sessuali con le quali venivano usate per pagare i soldati. Lo studio, basato su sondaggi con 249 ragazze, riporta che il 25% ha riferito di avere sentimenti suicidi negli ultimi 12 mesi, in gran parte a causa della paura di essere stuprate, picchiate, rapite o uccise.

«Queste ragazze hanno sopportato alcune delle più orrende difficoltà immaginabili – afferma George Otim, direttore di Plan International in Sud Sudan – se vogliamo contribuire a dare loro una speranza per il futuro, dobbiamo dare una fine al conflitto in Sud Sudan. Abbiamo bisogno di rendere più efficace e immediato il supporto contro lo sfruttamento sessuale, in modo che le ragazze adolescenti si sentano al sicuro dalla violenza e possano continuare la loro educazione».

Il Sud Sudan, che si è separato dal suo vicino settentrionale, il Sudan, nel 2011, è stato attanagliato da una guerra civile scatenata dalla rivalità tra il presidente Salva Kiir e il suo ex vice Riek Machar. La nazione più giovane del mondo è ora al suo quinto anno di conflitto e la violenza ha portato alla morte di decine di migliaia di persone.

Molte di queste erano ragazze che si sono tolte la vita autonomamente, abbandonando la loro voglia di creare pace e sviluppare la nazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 04/06/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag .

  • 311.422 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 709 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: