COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Australia: il “segreto” è reato

confessione


Un anno fa, era l’agosto del 2017, la «Commissione reale» incaricata dal governo australiano di indagare le risposte delle istituzioni alla piaga degli abusi sessuali su minori aveva reso noto (dopo 4 anni di lavoro) 85 «raccomandazioni» su come migliorare il sistema giudiziario australiano. Pochi giorni fa, una legge che richiede in alcuni casi ai sacerdoti cattolici di rompere il sigillo della confessione è stata approvata dall’Assemblea legislativa del Territorio della Capitale Australiana, a Canberra. Tra le raccomandazioni della Commissione c’era appunto la possibilità di rendere reato la mancata denuncia da parte di un sacerdote di molestie o violenze su minori apprese nella celebrazione del sacramento della riconciliazione.

La notizia è stata data dal Catholic News Service (e rilanciata dalla rivista dei gesuiti America) lo scorso 7 giugno. L’agenzia affermava che la legislazione è passata senza emendamenti e che l’arcidiocesi di Canberra e Goulburn ha ora nove mesi di tempo per negoziare con il governo le prassi che saranno introdotte quando la nuova legislazione sarà in vigore.

Intervenendo sul Canberra Times, lo stesso 7 giugno, l’arcivescovo di Canberra e Goulburn, Christopher Prowse, ha affermato di essere favorevole alla estensione delle procedure di denuncia degli abusi alle autorità anche alle organizzazioni cattoliche, ma che non è disposto ad accogliere una richiesta di violazione del sigillo della confessione. A parte il fatto che chi commette violenze sui minori «non confessa il suo crimine né alla polizia né ai sacerdoti», una tale legislazione mette a rischio la libertà religiosa, sostiene il presule. «Il governo minaccia la libertà religiosa nominandosi un esperto di pratiche religiose e tentando di cambiare il sacramento della confessione senza apportare miglioramenti alla sicurezza dei minori. (…) Violare il sacro sigillo della confessione non aiuterà a prevenire abusi e non aiuterà gli sforzi che stiamo facendo per aumentare la sicurezza dei minori nelle istituzioni cattoliche. Chiediamo con forza al primo ministro di permettere che la Chiesa cattolica venga coinvolta nel dibattito al fine di assicurare che sia parte della soluzione».

Lo scorso mese di aprile, il primo ministro di uno dei Territori australiani, il Nuovo Galles del Sud, Gladys Berejiklian, ha richiesto che la questione del sigillo sacramentale sia presa in carico non isolatamente dai governi dei singoli stati, ma dal Consiglio dei governi australiani (l’Australia è una federazione di sei stati). «La nostra risposta alla raccomandazione della Commissione reale è quella di sottoporre la questione al Consiglio dei governi australiani. Crediamo infatti che sia quella la sede opportuna per affrontarla», ha affermato Berejiklian in una intervista alla ABC. «Si tratta infatti di questioni complesse che richiedono di essere trattate tenendo conto delle convinzioni della gente sul tema della libertà religiosa».

Marco Bernardoni
8 giugno 2018
http://www.settimananews.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11/06/2018 da in Attualità ecclesiale, Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.610 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

  • 193,831 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Ambiente Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Daesh Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pobreza Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: