COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sul mondo e sulla Chiesa — MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the world and the Church

Ghana: La Sodoma e Gomorra dell’Hi-tech

GHANA, LA DISCARICA DI AGBOGBLOSHIE 

LA SODOMA E GOMORRA DELL’HI-TECH

16.jpg

A pochi km da Accra. Una città nella città, dove vivono decine di migliaia di persone. La più estesa discarica africana di rifiuti elettronici. Molti – da governi ad associazioni, da agenzie a ong – promettono di smantellarla. Ma sono progetti che durano poche settimane, addirittura pochi giorni. Poi la novità scompare come scompaiono i “benefattori” e i “curiosi”, e tutto torna come prima. Peggio di prima, perché questa è una gallina dalle uova d’oro, dove a lucrare sono in molti. Tranne i disperati.

Uno spazio nero, fumoso, mefitico. Ultima fermata per disperati alla ricerca di un lavoro e di un tetto, anche se di lamiera. Luogo di affari illeciti e sfruttamento, di disagio sociale e di abuso, ma anche di lucro e riserva di voti in tempo di elezioni.

Questa è Agbogbloshie, la discarica di rifiuti elettronici più estesa e tristemente nota del continente africano. E a cui nel tempo è stato dato il nome di Sodoma e Gomorra, risonanza biblica che parla di “peccati”, smoderatezza, perdita di dignità. Qui tutto è eccessivo. Eccessiva è la quantità di rifiuti di ogni genere; eccessivo è il numero di persone che ci vive; eccessivo è l’odore pungente e – naturalmente – l’inquinamento provocato dal fumo continuo di materiale bruciato per ricavarne ogni piccola parte rivendibile. Ed eccessivo è persino l’interesse di media, ong, fondazioni. Sproporzionato rispetto ai risultati, perché le parole e le energie – anche finanziarie – spese qui sarebbero state sufficienti a cambiare questa realtà assai prima che incancrenisse.

Agbogbloshie è ad Accra, capitale del Ghana. Quello stesso paese considerato un modello per i risultati economici degli ultimi anni, per la sua democrazia basata sull’alternanza, per l’accoglienza agli investitori stranieri che qui hanno trovato stabilità e condizioni favorevoli per le proprie imprese. Situata in un sobborgo della capitale, a due passi da grandi arterie, mercati, centri istituzionali e banche, Agbogbloshie rappresenta un grande buco nero. Un luogo dove tutto è possibile e illegalità e rischio sono la norma.

Qui approdano ogni anno migliaia e migliaia di tonnellate di e-waste (impossibile fornire una cifra precisa). Computer, stampanti, televisori, fornetti elettronici, frigoriferi, cellulari. Roba ormai inutile secondo chi la butta via. Condemned things, come la definiscono qui, e anche questo è un termine preso in prestito dalla Bibbia. Arrivano dall’Europa – compresa l’Italia – dagli Stati Uniti, da paesi cosiddetti avanzati che, però, non riescono a smaltire questi oggetti di consumo in modo adeguato e seguendo le regolari procedure.

A inviarli sono aziende, imprese, ma anche organizzazioni non governative che hanno fatto negli anni la loro parte inviando computer usati per ridurre il gap tecnologico, ma aumentando la mole di rifiuti hi-tech. Sono oggetti che rientrano nella categoria di “rifiuti pericolosi” e che quindi, secondo la Convenzione di Basilea (il principale trattato internazionale per la regolamentazione dei movimenti di rifiuti pericolosi fra le nazioni), sarebbe vietato spedire nei paesi in via di sviluppo. Ma quella stessa convenzione ne permette l’esportazione per la riparazione e il riuso. E così avviene. Ogni settimana decine di container contenenti questa merce arrivano nel porto di Tema, grande centro a circa 30 chilometri dalla capitale.

False etichette per indicare che si tratta di beni di “seconda mano”, e una catena di corruzione sistematica rende possibile lo scarico anche di quegli oggetti che sono, in realtà, in massima parte inutilizzabili. Frigo, pc, cellulari e quant’altro, rimessi in vita, arrivano nelle case dei ghaneani, quelli che ànon possono permettersi di acquistare un prodotto nuovo, o nei tanti negozietti sparsi dappertutto. Il resto finisce a Sodoma e Gomorra. Il fatto è che anche gli oggetti di seconda mano rimessi in circolazione avranno vita breve e finiranno nella stessa discarica. Pezzi inutili per chi se ne libera, utilissimi per chi li smantella – e a mani nude – nella discarica. E utilissima per chi di questa discarica ha fatto il proprio, lucrativo business…

di Antonella Sinopoli (Foto: Massimo Allegro)
Dossier di NIGRIZIA Maggio 2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12/06/2018 da in Attualità sociale, Ecologia, ITALIANO con tag , , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 481 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

  • 206.659 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: