COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

19 milioni gli africani migranti nel continente


RAPPORTO DELL’ONU

Il nuovo documento dell’Unctad rileva come si stia accorciando la forbice tra le migrazioni intra e quelle extra del continente. Ma evidenzia anche i benefici di questi spostamenti. Grazie alle migrazioni cresce il Pil di molti paesi.


migrazioni


La migrazione africana potrebbe stimolare la crescita e trasformare positivamente la struttura dell’economia del continente. È la tesi di fondo del secondo il Rapporto sullo sviluppo economico 2018 dell’Unctad (Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo) in Africa: Economic Development in Africa Report: Migration for Structural Transformation, pubblicato oggi. «I movimenti di popolazione attraverso i confini offrono spesso agli individui la possibilità di una vita migliore con i benefici sociali ed economici che si estendono ai paesi di origine e di destinazione, così come alle generazioni future», ha detto il segretario generale dell’Unctad, Mukhisa Kituyi. «La nostra analisi dimostra che ciò è vero per milioni di migranti africani e le loro famiglie».

«Eppure gran parte del discorso pubblico, in particolare per quanto riguarda le migrazioni internazionali africane, è pieno di idee sbagliate che sono diventate parte di una narrativa divisiva, ingannevole e dannosa».

La maggior parte dei migranti africani si muove all’interno del continente: nel 2017 19 milioni di migranti si sono trasferiti dentro l’Africa mentre sono stati 17 milioni gli africani che hanno lasciato il continente. Ma il divario si sta restringendo. L’Africa è anche una destinazione migratoria per 5,5 milioni di persone che venivano da fuori dal continente.

Secondo il rapporto, nel 2017 le prime 5 destinazioni migratorie intra-africane (paesi riceventi in ordine decrescente) sono stati in Sudafrica, Costa d’Avorio, Uganda, Nigeria ed Etiopia (tutte oltre 1 milione di migranti).

Dietro i numeri si trova l’analisi economica che mostra il beneficio netto della migrazione in Africa. Il contributo dei migranti internazionali al Pil è stato misurato nel 19% in Costa d’Avorio (2008), nel 13% in Rwanda (2012), nel 9% in Sudafrica (2011) e nell’1% in Ghana (2010).

Gli afflussi di rimesse verso l’Africa sono aumentati da 38,4 miliardi di dollari (2005-2007) a 64,9 miliardi (2014-2016). Flussi che hanno rappresentato il 51% dei flussi di capitale privato in Africa nel 2016, rispetto al 42% del 2010. Ecco perché sia la migrazione intra che quella extra-continente sono necessarie per sostenere la trasformazione strutturale dell’Africa.

Il rapporto fornisce prove sulla «correlazione intima tra due lati della stessa medaglia: la migrazione e il commercio», ha dichiarato Junior Roy Davis dell’Unctad, autore principale del rapporto. «L’Africa è al culmine di un radicale cambiamento», ha detto. «Il 21 marzo 2018, 44 paesi africani hanno firmato la creazione dell’Area africana continentale di libero scambio e 30 di loro hanno firmato il Protocollo sulla libera circolazione delle persone».

Altri risultati del rapporto:

• L’età media dei migranti internazionali africani nel 2017 era di 31 anni, l’età media più bassa a livello globale.

• Nel 2017, le donne migranti costituivano quasi la metà di tutti i migranti internazionali in Africa (47%). Il numero assoluto di donne migranti internazionali è passato da 6,9 milioni nel 2000 a 11,6 milioni nel 2017.

• L’Africa ospita la maggior parte dei rifugiati e degli sfollati interni.

Nigrizia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13/06/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 424 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

  • 222.727 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: