COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Fiume Congo, un patrimonio in pericolo (1)

Congo.jpg

BACINO DEL FIUME CONGO
IN PERICOLO UN SANTUARIO DELLA BIODIVERSITÀ

L’espansione demografica minaccia un’area smisurata, con la terra utilizzata per l’agricoltura commerciale e di sussistenza. La carenza di governance è il pericolo maggiore per la sopravvivenza di quelle aree protette.

di François Misser e Georges Vallès

Lungo il bacino del Congo la biodiversità è di casa: più di un migliaio di specie di uccelli, 1300 specie di farfalle, oltre 400 specie di mammiferi. Un patrimonio in pericolo.

Questa regione – dove vivono 100 milioni di persone su 4 milioni di km², coperti per il 45% da una densa foresta – deve far fronte a una serie impressionante di sfide, tra le quali l’espansione demografica. Entro il 2050, la popolazione dei cinque principali paesi toccati dal bacino del fiume (Camerun, Congo, Gabon, Repubblica Centrafricana, Repubblica democratica del Congo) arriverà a quota 228 milioni.

La crescita demografica contribuisce a far sì che nuove terre siano utilizzate per l’agricoltura commerciale e di sussistenza. Una pressione sull’ambiente che si coniuga con una diffusa povertà (che induce a pensare a soluzioni a breve termine piuttosto che a preoccuparsi delle generazioni future) e con una cattiva gestione del problema. Quello di una governance inadeguata è «il nodo maggiore» in Africa centrale, secondo un rapporto della Commissione europea.

Nei due Congo, ad esempio, le autorità hanno accordato concessioni petrolifere che coprono quasi tutto il bacino, disseminando nel contempo il territorio di Aree protette (Ap), fragili rifugi della biodiversità. Anche nel caso in cui autorità e compagnie petrolifere mostrassero buona volontà nel rispetto dell’ambiente, la mancanza di infrastrutture e di mezzi rende assai ardue le sfide della conservazione.

Questo dossier passa in rassegna le molteplici minacce che incombono sulla foresta e sulle aree protette. Minacce che hanno nomi precisi. Bracconaggio: spinto in particolare dalla domanda cinese di avorio, ma anche dalla domanda regionale di carne di selvaggina. Industria del legno: soddisfa la domanda di legname prezioso che arriva dai paesi sviluppati. Artigiani carbonai: forniscono legna da ardere e carbone di legna, in assenza di una politica energetica sostenibile. Agricoltura itinerante su terreno debbiato: bruciare la biomassa presente sul terreno per migliorarne la qualità era praticabile un tempo, ma risulta pericolosamente obsoleto nel nuovo contesto di espansione demografica. Agroindustria: al servizio della richiesta mondiale di biocarburanti o delle esigenze dell’industria alimentare europea e asiatica.

Il tutto nel contesto del cambiamento climatico e delle invasioni biologiche, di cui l’uomo è largamente responsabile. Come è stato ricordato in una recente conferenza a Città del Capo (Sudafrica), siamo entrati nell’età geologica dell’Antropocene, cioè ciò che fa l’uomo è diventato una forza geologica capace di modificare il corso dei fiumi, le correnti degli oceani e il clima dell’Africa centrale.

Rainforest Foundation (Rf) in un recente rapporto (vedi bibliografia) punta l’attenzione su una delle ragioni che hanno determinato il parziale fallimento delle politiche di conservazione dell’ambiente condotte fino a oggi: troppo spesso queste politiche sono state elaborate e decise senza il concorso delle popolazioni autoctone che abitano nelle aree protette o nelle immediate vicinanze.

FIUME CONGO – UN BACINO PER TUTTI
DOSSIER NIGRIZIA NOVEMBRE 2016

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/06/2018 da in Ecologia, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 615 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

  • 240.706 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: