COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sul mondo e sulla Chiesa — MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the world and the Church

Africa, politica e linguaggio

swaziland-king

ALTRE AFRICHE
di Davide Maggiore

La tentazione sarebbe citare il passo – notissimo – del romanzo “Il Gattopardo”: perché tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi. A prima vista, in effetti, la decisione di re Mswati III di modificare il nome del paese che guida, da Swaziland ad eSwatini, può sembrare un capriccio dell’ultimo monarca assoluto d’Africa: entrambi i nomi significano, in lingue diverse, ‘terra degli Swazi’.

Per quanto arrivata a 50 anni dall’indipendenza, però, la scelta non è unica: ricalca quella di altri Stati del continente al momento di lasciarsi alle spalle il colonialismo. Dal Nyasaland diventato Malawi alla Costa d’Oro, che – non senza una forzatura geografica – riportò in vita il nome dell’antico impero del Ghana. Esempio, quest’ultimo, che dimostra quanto sia diffusa in Africa la consapevolezza del valore politico – e non semplicemente simbolico – del linguaggio.

Politica è stata la scelta del Fronte Polisario e della Repubblica Araba Sahrawi Democratica (che siede all’Unione Africana ma non è riconosciuta dall’Onu), al momento di reclamare la sovranità sull’ex Sahara spagnolo contro il Marocco. Per prendere le distanze da Rabat decisero di affiancare all’arabo lo spagnolo – e non il francese – come idioma ufficiale.

Più concrete ancora le conseguenze della decisione del governo rwandese guidato dal Fronte Patriottico di passare dal francese all’inglese. Oltre a sottolineare il contrasto con Parigi, accusata di complicità nel genocidio del 1994, la mossa ha aiutato le autorità di Kigali a consolidare rapporti con altre nazioni e istituzioni anglofone, non solo a livello continentale.

E considerazioni strategiche – più che i deboli e datati legami culturali – hanno certamente giocato un ruolo anche nel tentativo (riuscito) della Guinea Equatoriale, ex colonia spagnola circondata da Stati prevalentemente francofoni, di farsi ammettere – era il 2014 – nella Cplp, la comunità dei paesi di lingua portoghese. Con ovvi benefici d’immagine e relazioni diplomatiche per la piccola nazione petrolifera, costantemente sotto accusa in materia di diritti umani e corruzione. E nel campo della “diplomazia linguistica” il paese guidato da Teodoro Obiang Nguema è certamente in buona compagnia: tra i casi più evidenti in Africa c’è – poco sorprendentemente – la Cina.

Nel continente sono ormai una quarantina gli istituti Confucio per la promozione della lingua e della cultura cinese e i corsi di mandarino si moltiplicano nelle scuole di ogni grado in molti paesi. Contribuendo, tra l’altro, a diffondere un’immagine quotidiana e rassicurante della superpotenza asiatica. E l’immagine potrebbe essere – per tornare all’inizio – anche l’obiettivo della mossa di re Mswati riguardo eSwatini. Una variazione di nome nella miglior tradizione del rebranding commerciale: cambiare l’identità di un prodotto per rilanciarlo tra il pubblico. Quel che resta da vedere, è se funzionerà.

http://www.nigrizia.it
7.5.2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/06/2018 da in Cultura, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 481 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

  • 207.394 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

1-2 Samuele Africa Afrique Ambiente Amore Ano B Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Mission Missione Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa RDC Regola di Vita Rifugiati Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Testimonianze Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: