COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Birahim, l’uomo che piantava alberi

1_pianta.jpg

ALTRE AFRICHE
di Davide Maggiore

La storia di Birahim Diop sembra quella raccontata dallo scrittore francese Jean Giono nella novella L’uomo che piantava gli alberi. Ma a differenza del protagonista di quell’opera, un agricoltore che, lavorando per decenni, arriva a creare una foresta dove prima non cresceva nulla, Birahim esiste davvero. E fa crescere le sue piante a Ronkh, nel nord del Senegal, non lontano dal confine con la Mauritania. È lì che mi è capitato di incontrarlo, in un campo ai bordi di quel villaggio che non ha nulla di particolarmente appariscente. Fatta eccezione per il vento che, in assenza di barriere naturali, si insinua ovunque. E fa avanzare il deserto, mi spiegava Birahim, calcando con la voce sui termini tecnici, per sottolineare meglio la gravità del problema: “È l’erosione eolica, porta via dal terreno le componenti fertili. E la colpa è della deforestazione: ora qui non c’è nulla. Ma una volta, proprio qui, la terra era fertile, c’erano piante e uccelli e altri animali”.

A cambiare le cose è stato l’intervento umano sregolato: alberi tagliati per ottenere carbone, il combustibile più economico e più diffuso tra le famiglie della zona. Ma anche ambiziosi progetti d’irrigazione, con canali che hanno reso coltivabili alcune aree, impoverendone però altre. Un problema che non riguarda solo il Senegal e che anzi – complici gli effetti del cambiamento climatico globale – preoccupa da anni i Paesi della regione. Tanto da spingere l’Unione Africana e l’Onu ad appoggiare il progetto della Grande Muraglia Verde: una barriera vegetale che, a queste latitudini, dovrebbe attraversare l’Africa in tutta la sua larghezza in modo da fermare il deserto. La gigantesca iniziativa, non immune da critiche, procede però a rilento, anche per via dei costi. Ed è negli spazi vuoti che lavorano le mani di Birahim.

Birahim, che conosce per esperienza le caratteristiche delle varie piante che offrono riparo ai suoi campi, e le necessità del terreno. E che è consapevole della pazienza richiesta dal suo compito. “Piantare anche solo un albero – non si stancava di ricordare – richiede lavoro: c’è da scegliere il tipo, pensare all’irrigazione e all’energia per far arrivare l’acqua qui”. Ma gli anni trascorsi, una decina, hanno premiato i suoi sforzi e ora sul terreno recuperato crescono pomodori, cipolle, fagioli e peperoncini. E le possibilità sono infinite, perché – recita un’altra delle tesi di questo agricoltore tenace – “l’albero si adatta a tutte le idee”, antitesi del deserto che non fa sopravvivere nulla.

Come l’uomo che pianta gli alberi di Giono, Birahim ha visto passare il tempo, ma non ha mai dubitato di poter vincere la sua battaglia contro il vento e la sabbia. In attesa di sapere se la Grande Muraglia Verde diventerà mai realtà, guardava la sua, piccola, lungo il canale che segna il confine del suo podere e concludeva: “Io faccio qualcosa; dopo di me, altri potranno fare meglio”.

http://www.nigrizia.it
25.5.2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11/07/2018 da in Ecologia, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.562 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
luglio: 2018
L M M G V S D
« Giu    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

  • 199,972 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

1-2 Samuele Africa Afrique Ambiente Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cibo Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Mission Missione Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa RDC Regola di Vita Rifugiati Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: