COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Nella Giornata per la Commemorazione della Tratta, il caso del Mandela mauritano

La Giornata Internazionale per la Commemorazione della Tratta degli Schiavi e della sua Abolizione si celebra il 23 agosto, promossa dall’UNESCO per commemorare la tragedia del commercio transatlantico degli schiavi e la rivolta avvenuta sull’isola di Santo Domingo nella notte tra il 22 e il 23 agosto 1791, un evento importante nel processo dell’abolizione della tratta transatlantica.

Mentre si celebra la Giornata contro la tratta, nel Paese africano fa discutere l’arresto di Biram Dah Abeid, fondatore del movimento abolizionista

mauritania

Biram Dah Abeid


Una Giornata internazionale contro la tratta degli schiavi e per la sua abolizione. È quella che si celebra in tutto il mondo per volere dell’Onu, che come data ha scelto quella della notte fra il 22 agosto e il 23 agosto 1791 per ricordare la ribellione degli schiavi a Saint-Domingue (oggi Haiti).

In tanti Paesi la tratta è ancora una piaga. Un caso esemplare è quello della Mauritania. Nel Paese africano la schiavitù è stata abolita nel 1981, poi nel 2007 è stata dichiarata reato e oggi è al centro della campagna elettorale del voto del 1° settembre per il rinnovo dell’Assemblea nazionale, il Parlamento unicamerale di Nouakchott.

Nonostante l’abolizione, infatti, sono ancora molte le proteste legate ai casi di schiavitù nel Paese. E fa discutere l’arresto, il 7 agosto, di Biram Dah Abeid, classe 1965, avvocato, fondatore nel 2008 dell’Iniziativa per il Risorgimento del Movimento Abolizionista, soprannominato “il Mandela mauritano”.

Non è la prima volta che viene fermato dalla polizia per le sue campagna in cui denuncia la schiavitù nel Paese. Nel 2014 Abeid aveva corso per le presidenziali come leader dell’opposizione, perdendo contro l’attuale capo di Stato, Mohamed Ould Abdel Aziz.

Tra i candidati al voto di settembre anche Haby Mint Rabah, nata e vissuta schiava fino alla sua liberazione, nel 2008. Il tema della schiavitù resta insomma centrale nella politica mauritana e con l’avvicinarsi del voto aumenta la stretta.

Amnesty International ha denunciato non soltanto l’arresto di Abeid, ma anche quello di Abdellahi el-Housein Mesoud, altro noto attivista dell’Iniziativa Abolizionista, finito in carcere due giorni dopo, nonché di due giornalisti, Babacar Ndiaye e Mahmoudi Ould Saibout, rei di aver scritto articoli critici contro l’attuale classe dirigente. Si stima che oggi in Mauritania almeno 90.000 persone vivano ancora in schiavitù.

Simona Verrazzo
Avvenire mercoledì 22 agosto 2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23/08/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 615 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

  • 240.696 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: