COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Ricchezza e povertà: l’ONU è reticente sulle ragioni economiche


campo_onu_somalia


Cresce la fame nel mondo: 821 milioni di persone soffrono di malnutrizione, il 10,9% della popolazione mondiale. E il continente più colpito, in termini percentuali, è l’Africa, dove è malnutrita quasi una persona su quattro, il 23,2% degli abitanti. Sono dati del recente rapporto Lo stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo, stilato congiuntamente da cinque agenzie Onu.

Cinque agenzie Onu
L’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (Ifad), il Fondo per l’infanzia delle Nazioni Unite (Unicef), il Programma alimentare mondiale (Pam), l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Studi di tanti economisti, non necessariamente progressisti, ci dicono che la causa principale di questa drammatica situazione va cercata nel sistema economico liberal-liberista che domina la scena mondiale. Nel suo magistero, papa Francesco ripete spesso che «questa economia predatoria uccide». È una economia fondata sulla logica della massimizzazione dei profitti che spesso riduce a scarti gli esseri umani e lo stesso pianeta.

La realtà che ne deriva è sotto i nostri occhi: i ricchi sono sempre meno numerosi e sempre più ricchi, mentre aumenta la massa dei poveri sempre più poveri, sempre meno in grado di disporre di mezzi per provvedere al proprio sostentamento.

La causa strutturale della fame sta nel modello economico. Non la pensa così l’Onu che nel rapporto non fa alcuna critica all’economia globale. Le agenzie onusiane sostengono, invece, che l’aumento della malnutrizione nel mondo è da addebitare in primis alle guerre e ai cambiamenti climatici (determinati da che cosa? dal caso?).

E per rimediare a tutto ciò sollecitano semplicemente la comunità internazionale a impegnarsi di più per ricomporre i conflitti e a raddoppiare gli sforzi per uno sviluppo sostenibile, che non intacchi cioè gli equilibri del pianeta. Insomma, un invito a fare di più e più in fretta per arrivare entro il 2030 all’obiettivo “fame zero”.

Queste misure – la nostra convinzione – non sono sufficienti, rimangono dei palliativi. Se non si va alla radice del problema, la comunità internazionale continuerà a fissare date e a porsi obiettivi che verranno puntualmente disattesi. Una radicale inversione di rotta si impone: la transizione da un’economia basata sulla massimizzazione del profitto a una economia davvero equa, sostenibile, solidale, meno legata all’imperativo della crescita del Pil.

Perché l’Onu non dice queste cose nel suo rapporto? Domanda retorica, risposta evidente: i maggiori finanziatori dell’Organizzazione delle Nazioni Unite sono gli stessi paesi che beneficiano del sistema economico attuale. Che interesse avrebbero a modificarlo?

Nigrizia, Editoriale Ottobre 2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/10/2018 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , .

  • 303.243 visite
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 586 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: