COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

La nonviolenza e una pace giusta

Come cristiani impegnati per un mondo più giusto e pacifico, siamo chiamati a prendere una chiara posizione in favore della nonviolenza creativa e attiva e contro tutte le forme di violenza. (…)

267

Guardando al nostro mondo di oggi

Viviamo in un periodo di tremende sofferenze, traumi diffusi e timori legati alla militarizzazione, all’ingiustizia economica, ai cambiamenti climatici e a una miriade di altre forme specifiche di violenza. In questo contesto di violenza normalizzata e sistemica, quelli tra noi che vivono nella tradizione cristiana sono chiamati a riconoscere la centralità della nonviolenza attiva nella visione e nel messaggio di Gesù; nella vita e nelle pratiche della Chiesa cattolica; nella nostra vocazione di portare sollievo e riconciliazione tra le persone e con la creazione. Recenti ricerche accademiche hanno confermato che le strategie della resistenza non violenta sono due volte più efficaci di quelle violente. È giunto il momento per la Chiesa di essere una testimonianza vivente e di investire risorse umane e finanziarie maggiori per promuovere la spiritualità e la pratica della nonviolenza attiva e nella formazione teorica e pratica delle nostre comunità cattoliche a efficaci strategie nonviolente. In tutto questo, Gesù è nostra ispirazione e modello.

Gesù e nonviolenza

Ai suoi tempi, pieni di violenza strutturale, Gesù ha proclamato un nuovo ordine nonviolento radicato nell’amore incondizionato di Dio. Gesù invitò i suoi discepoli ad amare i nemici, il che include il rispetto dell’immagine di Dio che è in tutte le persone; a non offrire resistenza violenta a chi fa il male; a diventare pacificatori; a perdonare e a pentirsi ed essere sempre pieni di misericordia. Gesù incarnò la nonviolenza resistendo attivamente alla disumanizzazione sistemica, come quando sfidò le leggi del Sabbath è guarì l’uomo con la mano secca; quando affrontò i potenti al Tempio e lo purificò; quando pacificamente ma risolutamente sfidò gli uomini che accusavano la donna di adulterio; quando la notte prima di morire chiese a Pietro di rimettere la spada nel fodero.

Né passiva né debole, la nonviolenza di Gesù era il potere dell’amore che agisce. Nella sua visione e la sua azione, egli è la rivelazione e l’incarnazione del Dio Nonviolento, una verità particolarmente illuminata dalla Croce e dalla Resurrezione. E’ Gesù che ci chiama a sviluppare la virtù del pacifismo nonviolento. E’ chiaro che la Parola di Dio, la testimonianza di Gesù, non dovrebbero mai essere usate per giustificare la violenza, l’ingiustizia o la guerra. Dobbiamo riconoscere che come Popolo di Dio abbiamo molte volte tradito questo messaggio centrale del Vangelo, partecipando a guerre, persecuzioni, oppressioni, sfruttamento e discriminazione.

Noi crediamo che non ci sia mai una “guerra giusta”. Troppo spesso la “teoria della guerra giusta” è stata usata per sostenere piuttosto che prevenire o limitare la guerra. Suggerire che una “guerra giusta” è possibile, mina anche l’imperativo morale di sviluppare strumenti e capacità per la trasformazione non violenta dei conflitti. Abbiamo bisogno di un nuovo approccio che sia coerente con la nonviolenza evangelica. E un diverso percorso si sta chiaramente delineando nel recente insegnamento sociale della Chiesa cattolica. Papa Giovanni XXIII scrisse che la guerra non è il modo adatto per ripristinare i diritti; Papa Paolo VI ha collegato pace e sviluppo, e alle Nazioni Unite ha proclamato con forza “non più guerra”; Papa Giovanni Paolo II disse che “la guerra appartiene ad un passato tragico, alla storia”; Papa Benedetto XVI ha affermato che “amare il nemico è il nucleo della rivoluzione cristiana”; e Papa Francesco ripete che “la vera forza del cristiano è il potere della verità e dell’amore, che porta alla rinuncia a ogni violenza. Fede e violenza sono incompatibili “; e chiede “l’abolizione della guerra”.

Per tutto questo, osiamo proporre che la Chiesa cattolica sviluppi e passi a sostenere la visione di una Pace Giusta basata sulla nonviolenza evangelica. L’approccio di una pace giusta offre una visione e un’etica per costruire la pace e prevenire, disinnescare e sanare il danno dei conflitti violenti. Questa etica include un impegno per la dignità umana e relazioni positive, con criteri, virtù e pratiche specifici che guidino le nostre azioni. Riconosciamo che la pace esige giustizia e la giustizia esige cammini di pace.

Viver la nonviolenza evangelica e una giusta pace

In questo spirito ci impegniamo a promuovere la comprensione e la pratica cattolica della nonviolenza attiva nel cammino verso una pace giusta. Poiché vogliamo essere discepoli di Gesù, sfidati e ispirati dalla speranza e dal coraggio, chiediamo alla Chiesa che amiamo:

• di continuare a sviluppare l’insegnamento sociale cattolico sulla nonviolenza. In particolare, chiediamo a Papa Francesco di condividere con il mondo un’enciclica sulla nonviolenza e sulla giusta pace;

• di integrare esplicitamente la nonviolenza evangelica nella vita, inclusa quella sacramentale, e nel lavoro della Chiesa nelle diocesi, parrocchie, agenzie, scuole, università, seminari, ordini religiosi, associazioni di volontariato;

• di promuovere pratiche e strategie nonviolente (ad esempio, la resistenza non violenta, la giustizia riparatrice, la guarigione da traumi, la protezione civile disarmata, la trasformazione dei conflitti, le strategie di costruzione della pace);

• di avviare un dialogo globale sulla nonviolenza all’interno della Chiesa, con persone di altre fedi e con le società per rispondere alle monumentali crisi del nostro tempo con la visione e le strategie della nonviolenza e della pace giusta;

• di non usare più ne insegnare l’espressione “teoria della guerra giusta”, ma sostenere l’abolizione della guerra e delle armi nucleari;

• di alzare una voce profetica per sfidare le ingiuste potenze mondiali e per sostenere e difendere gli attivisti nonviolenti, quando con il loro lavoro per la pace e la giustizia mettono a rischio la loro vita.

In ogni epoca, lo Spirito Santo favorisce la Chiesa con la saggezza necessaria per rispondere alle sfide del tempo. In risposta a quella che è oggi un’epidemia globale di violenza, che Papa Francesco ha etichettato come una “guerra mondiale a singhiozzo”, siamo chiamati ad invocare, a pregare, ad insegnare e ad agire in modo decisivo. Nelle nostre comunità e organizzazioni, sentiamo il desiderio profondo di continuare a collaborare con la Santa Sede e la Chiesa intera nel promuovere la nonviolenza del Vangelo?

Rome 13.04.2016
Pax Christi International
Tradotto da: Jpic-jp.org

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/11/2018 da in Giustizia e Pace, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 595 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

  • 232.007 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: